Complicanze varie/eventuali

Nessun nesso causale tra ipoglicemia grave, aumento della mortalità nel diabete di tipo 2

Secondo i dati pubblicati su Diabetologia, gli episodi ipoglicemici gravi sono un marker di un aumento del rischio di morte tra gli adulti con diabete di tipo 2, piuttosto che correlato causalmente .

“Alla luce della crescente prevalenza di ipoglicemia grave nelle persone multimorbose con diabete di tipo 2, chiarire se l’ipoglicemia è causalmente correlata a un aumento del rischio di malattie cardiovascolari rimane importante sia dal punto di vista del paziente che della salute pubblica”, Francesco Zaccardi, PhD, MD , epidemiologo clinico e vicedirettore presso la Leicester Real-World Evidence Unit nel Centro di ricerca sul diabete presso l’Università di Leicester, e colleghi hanno scritto. “La maggior parte delle prove disponibili da studi epidemiologici, in diverse regioni geografiche e da gruppi eterogenei di pazienti con diabete di tipo 2, ha mostrato un’associazione positiva tra ipoglicemia grave o non grave e rischio di eventi cardiovascolari o morte; queste osservazioni, tuttavia, sono state incoerenti. ”

I ricercatori hanno analizzato i dati di adulti con diabete di tipo 2 (n = 74.610) nel Clinical Practice Research Datalink del Regno Unito che erano collegati al database Hospital Episode Statistics e al database Office for National Statistics. A tutti i partecipanti è stato diagnosticato il diabete dal 1998 al 2010.

I dati del database delle statistiche sugli episodi ospedalieri sono stati utilizzati per identificare episodi ipoglicemici gravi. Le informazioni sulla data e sulla causa della morte sono state ottenute tramite l’Ufficio per le statistiche nazionali, con decessi classificati come CV, cancro o altre cause.

Della coorte totale, 388 erano stati ricoverati in ospedale per ipoglicemia. Dopo un follow-up mediano di 7,1 anni, il 60,8% di quelli con ipoglicemia grave è morto, per un tasso medio di mortalità di 132 per 1.000 anni-persona (95% CI, 117-150). Di coloro che non hanno avuto un episodio ipoglicemico grave, il 25% è morto, per un tasso medio di mortalità di 40 per 1.000 anni-persona (95% CI, 39-41). Le morti per non CV e non per cancro rappresentavano il 44,5% di tutte le morti, mentre le cause CV rappresentavano il 29,1% delle morti e il cancro il 26,4%.

In un modello aggiustato per età, sesso, etnia, informazioni sanitarie, abitudine al fumo, consumo di alcol e privazione, gli adulti di 50, 60, 70 e 80 anni nel gruppo con ipoglicemia grave avevano tutti una maggiore probabilità di morte CV rispetto a qualcuno senza un episodio ipoglicemico grave, mentre la probabilità di mortalità per cancro tra gli adulti di età compresa tra 50, 60 e 80 anni con ipoglicemia grave era inferiore a quella di qualcuno senza ipoglicemia grave. Gli individui in tutti e quattro i gruppi di età con ipoglicemia grave avevano un elevato rischio di moralità nella categoria delle altre cause.

Dopo aggiustamento per farmaci e comorbidità, l’uso di sulfoniluree e insulina sono stati entrambi associati ad un aumento del CV, del cancro e dei tassi di mortalità per altre cause.

“Poiché la maggior parte delle cause di morte nel nostro studio non erano correlate alla CVD, per la quale sono stati proposti diversi meccanismi fisiopatologici, e sono stati considerati un ampio insieme di potenziali fattori di confondimento, i nostri risultati sono altamente indicativi per una relazione non causale tra ipoglicemia grave e complicanze CVD a lungo termine. L’ipoglicemia grave è molto probabilmente un indicatore di fragilità, che è causalmente associata a un rischio più elevato di morte “, hanno scritto i ricercatori.

“Insieme al principio clinico di ridurre il glucosio senza causare ipoglicemia per evitare complicazioni a breve termine e preservare la qualità della vita nei pazienti con diabete, sottolineiamo che il ricovero per ipoglicemia identifica fenotipi clinicamente complessi del diabete di tipo 2”, hanno concluso i ricercatori. “In questi pazienti, dovrebbero essere condotte ulteriori ricerche per identificare le strategie ottimali per ridurre il rischio di morte”.


Fonte: 

Zaccardi F, et al. Diabetologia.2020; doi: 10.1007 / s00125-020-05223-3.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.