Terapie

Ora possiamo saperlo prima

Adv

I marcatori epigenetici predicono le complicanze nei pazienti con diabete di tipo 2

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell’Università di Lund in Svezia supporta l’idea che i pazienti con diabete di tipo 2 dovrebbero essere divisi in sottogruppi e ricevere un trattamento individualizzato. Lo studio dimostra che esistono differenze epigenetiche distinte tra i diversi gruppi di pazienti con diabete di tipo 2. I marcatori epigenetici sono anche associati a diversi rischi di sviluppare complicazioni comuni nel diabete di tipo 2, come ictus, infarto e malattie renali.

Map marker icon red

“Mostriamo che ci sono differenze epigenetiche distinte tra i sottogruppi di pazienti con diabete di tipo 2. I marcatori epigenetici sono associati a diversi rischi di sviluppare complicazioni comuni nel diabete, come infarto, ictus e malattie renali”, afferma Charlotte Ling, professoressa di diabete ed epigenetica all’Università di Lund e autrice principale dello studio, pubblicato su Diabetes Care .

Un acclamato studio dei ricercatori dell’Università di Lund, pubblicato nel 2018, ha dimostrato che è possibile dividere il diabete di tipo 1 e il diabete di tipo 2 in cinque sottogruppi. Nel novembre 2021 gli stessi autori hanno pubblicato un nuovo studio che ha evidenziato differenze genetiche tra i quattro sottogruppi di diabete di tipo 2, suggerendo diverse cause della malattia. 

L’ultimo studio mostra che ci sono anche differenze epigenetiche tra i quattro sottogruppi con diabete di tipo 2. I marcatori epigenetici possono essere sviluppati per predire le complicanze comuni del diabete di tipo 2, il che consentirebbe trattamenti su misura dei pazienti.

“A molti pazienti con diabete di tipo 2 vengono offerti trattamenti standard dal sistema sanitario, ma prove crescenti suggeriscono che questi pazienti necessitano di trattamenti su misura. Il nostro nuovo studio aggiunge alla base di prove che è clinicamente rilevante classificare i pazienti con diabete di tipo 2 in sottogruppi per consentire trattamenti più personalizzati”, afferma Charlotte Ling, che guida un gruppo di ricerca sul diabete e l’epigenetica presso l’Università di Lund.

Il nuovo studio comprende 533 individui a cui è stato recentemente diagnosticato il diabete di tipo 2 da due coorti di popolazione in Svezia. Gli autori hanno misurato le metilazioni del DNA nel sangue in 800.000 siti nel genoma di tutti i partecipanti. La metilazione del DNA è un processo chimico attraverso il quale i gruppi metilici si attaccano alla molecola del DNA, influenzando la funzione dei geni. I ricercatori hanno scoperto che i quattro sottogruppi avevano diversi livelli di metilazione del DNA in 4.465 siti. 

I risultati sono stati utilizzati per sviluppare punteggi di rischio epigenetico per predire le complicanze comuni del diabete di tipo 2. I marcatori epigenetici associati a due dei sottogruppi potrebbero predire un aumento del rischio di sviluppare infarto, ictus e malattie renali. 

“L’infarto e l’ictus sono responsabili della maggior parte dei decessi tra i pazienti con diabete di tipo 2. La malattia renale provoca molte sofferenze ed è molto costosa per la società, poiché molti pazienti necessitano di un trattamento di dialisi. Un biomarcatore epigenetico in grado di predire le complicanze in una fase iniziale renderebbe possibili azioni preventive”, afferma Charlotte Ling. 

Gli autori dovranno verificare i loro risultati in altre coorti basate sulla popolazione. Stanno anche progettando di studiare la metilazione del DNA nei tessuti, ad esempio, di muscoli, tessuto adiposo, fegato e pancreas dei quattro sottogruppi con diabete di tipo 2. 

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: