Notizie false ciarlatani e truffatori

Il 41% degli adolescenti non riesce a distinguere tra messaggi di salute online veri e falsi

Adv

Un nuovo studio ha scoperto che gli adolescenti hanno difficoltà a discernere tra messaggi di salute falsi e veri. Solo il 48% dei partecipanti si fidava di messaggi sanitari accurati (senza elementi editoriali) più di quelli falsi. Nel frattempo, il 41% considerava i messaggi falsi e neutri ugualmente affidabili e l’11% considerava i messaggi di salute neutri veri meno affidabili dei messaggi di salute falsi. I risultati evidenziano la necessità di una migliore formazione degli adolescenti per navigare in un mondo in cui le notizie false sulla salute sono così diffuse.

La disinformazione e la disinformazione sulla salute sono una seria preoccupazione per la salute pubblica, con una maggiore diffusione di notizie false sulla salute sulle piattaforme di social media negli ultimi anni. Ricerche precedenti hanno dimostrato che i messaggi sanitari online sono per lo più incompleti e imprecisi e contengono informazioni sulla salute potenzialmente dannose. Le notizie false sulla salute possono portare a scelte sanitarie sbagliate, comportamenti a rischio e perdita di fiducia nelle autorità sanitarie.

“C’è stata un’esplosione di disinformazione nel settore della salute durante la pandemia di Covid-19”, ha affermato il ricercatore principale, il dottor Radomír Masaryk, dell’Università Comenius.

La maggior parte delle ricerche sulla credibilità dei messaggi si è concentrata sugli adulti. Masaryk e i suoi colleghi hanno ora indagato se gli adolescenti sono in grado di affrontare l’alto volume di notizie false sulla salute su Internet.

“Dato che gli adolescenti sono utenti frequenti di Internet, di solito ci aspettiamo che sappiano già come avvicinarsi e valutare le informazioni online, ma sembra essere vero il contrario”, ha commentato Masaryk.

I ricercatori hanno scoperto che il 41% degli adolescenti non è in grado di distinguere tra contenuti medici online veri e falsi. Inoltre, la scarsa modifica dei messaggi sanitari non è stata percepita come un segno di scarsa affidabilità. Queste ultime scoperte sono state pubblicate su Frontiers in Psychology .

Adolescenti e media

Gli adolescenti sono un gruppo spesso trascurato che corrono un rischio maggiore di incontrare notizie false sulla salute. In quanto cosiddetti “nativi digitali”, sono il gruppo più connesso al mondo, con il 71% dei giovani del mondo che utilizza Internet.

La ricerca ha dimostrato che le rappresentazioni positive di comportamenti rischiosi nei media, come fumare e bere, portano a un aumento dei comportamenti a rischio negli adolescenti. D’altra parte, le informazioni sanitarie online che supportano le informazioni fornite dai professionisti possono portare a cambiamenti dello stile di vita sano, cura di sé e conformità al trattamento.

Gli adolescenti esaminano le caratteristiche strutturali di un sito Web, come la lingua e l’aspetto, per valutare le informazioni online. Ad esempio, le organizzazioni autorevoli, i marchi affidabili o i siti Web con un linguaggio simile al business tendono a essere più affidabili.

Precedenti ricerche sull’affidabilità dei messaggi con gli adolescenti hanno identificato cinque elementi editoriali che deducevano la credibilità del messaggio percepito: superlativi, clickbait, errori grammaticali, appello all’autorità e carattere tipografico in grassetto. Basandosi su questo studio precedente, Masaryk e colleghi hanno progettato una ricerca per valutare gli effetti della manipolazione con il contenuto e il formato dei messaggi sanitari online sulla loro affidabilità in un campione di adolescenti.

Hanno presentato a 300 studenti delle scuole secondarie (di età compresa tra i 16 ei 19 anni) sette brevi messaggi sugli effetti salutari di diversi tipi di frutta e verdura. I messaggi avevano diversi livelli: messaggio falso, messaggio vero neutro e messaggio vero con elementi editoriali (superlativi, clickbait, errori grammaticali, appello all’autorità e carattere tipografico in grassetto). Ai partecipanti è stato quindi chiesto di valutare l’affidabilità del messaggio.

I partecipanti sono stati in grado di discernere tra messaggi di salute apertamente falsi e messaggi di salute se veri o leggermente modificati con elementi di modifica; Il 48% dei partecipanti si fidava dei veri messaggi di salute neutri più di quelli falsi. Tuttavia, il 41% dei partecipanti considerava i messaggi falsi e neutri altrettanto affidabili e l’11% considerava i messaggi di salute neutri veri meno affidabili dei messaggi di salute falsi.

Clickbait ha meno probabilità di funzionare

“Riporre fiducia nei messaggi richiede l’identificazione di contenuti falsi rispetto a quelli veri”, ha affermato Masaryk.

Nel caso di messaggi di salute che sembrano plausibili e ragionevoli, gli adolescenti non sono in grado di distinguere tra messaggi di salute neutri e messaggi di salute con elementi editoriali. Gli adolescenti non sembravano decidere sull’affidabilità di un messaggio sulla base di spunti di modifica.

“L’unica versione di un messaggio sulla salute che era significativamente meno affidabile rispetto a un vero messaggio sulla salute era un messaggio con un titolo clickbait”, ha continuato Masaryk.

I risultati evidenziano la necessità di una migliore istruzione degli adolescenti per individuare i segnali di modifica che trasmettono la qualità di un’informazione. Gli autori suggeriscono di concentrarsi sull’alfabetizzazione sanitaria e sulla formazione all’alfabetizzazione mediatica e su abilità come il pensiero analitico e il ragionamento scientifico.

“Il pensiero analitico e il ragionamento scientifico sono abilità che aiutano a distinguere i messaggi di salute falsi da quelli veri”, ha concluso Masaryk.

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: