Vista e dintorni

L’esordio precoce del diabete, l’ipertensione possono predire il glaucoma precoce, riferiscono gli oftalmologi

Adv
I risultati potrebbero portare a nuovi protocolli di screening per catturare il glaucoma precocemente e preservare la vista

Prima gli individui sviluppano il diabete di tipo 2 o l’ipertensione nella vita, prima è probabile che sviluppino il glaucoma primario ad angolo aperto (POAG), la principale causa di cecità irreversibile in tutto il mondo, hanno riferito i ricercatori dell’UT Southwestern in un recente studio. I risultati, pubblicati su Clinical Ophthalmology, potrebbero portare a migliori protocolli di screening per POAG, che rappresenta fino al 90% di tutti i casi di glaucoma.

“Attualmente ci mancano gli strumenti per curare il glaucoma, ma con un preavviso sufficiente, possiamo preservare la vista dei pazienti. La diagnosi precoce del glaucoma è la chiave per un migliore controllo della pressione intraoculare e per prevenire la cecità”, ha affermato il leader dello studio Karanjit Kooner, MD, Ph.D., MBA , Professore Associato di Oftalmologia presso UTSW.

Decine di milioni di persone hanno POAG in tutto il mondo. Poiché questa malattia ha pochi sintomi nelle sue prime fasi, ha spiegato il dottor Kooner, i pazienti vengono spesso diagnosticati nelle fasi successive quando la vista è già stata permanentemente danneggiata. Sebbene i ricercatori abbiano identificato diversi fattori di rischio per POAG, tra cui diabete di tipo 2, ipertensione, emicrania e apnea ostruttiva del sonno, non è ben chiaro come potrebbero influenzare l’insorgenza di POAG.

Per rispondere a questa domanda, il dottor Kooner e i suoi colleghi hanno raccolto i dati dalle cartelle cliniche di 389 pazienti con POAG, tutti visti dal dottor Kooner tra giugno 2019 e dicembre 2019 presso la clinica oculistica UTSW . Utilizzando modelli statistici, i ricercatori non hanno trovato alcuna connessione tra emicrania e/o apnea ostruttiva del sonno e l’età di insorgenza del POAG. Tuttavia, i ricercatori hanno scoperto che l’età della diagnosi di diabete di tipo 2 e/o ipertensione era significativamente collegata all’insorgenza della POAG: prima i pazienti presentavano una o entrambe queste condizioni, prima tendevano a sviluppare POAG.

Il Dr. Kooner ha osservato che sia il diabete di tipo 2 che l’ipertensione sono malattie che colpiscono i vasi sanguigni sia del nervo ottico che della retina, causando potenzialmente cambiamenti che predispongono i pazienti alla POAG, un’altra condizione con una radice vascolare. Se queste connessioni dovessero reggere nella ricerca futura, ha affermato, il diabete di tipo 2 e l’ipertensione potrebbero essere aggiunti all’elenco dei fattori che possono attivare lo screening POAG – tra cui una storia familiare di POAG, pressione intraoculare elevata e razza nera – e portare a un precedente diagnosi di POAG, preservando la vista e la qualità della vita dei pazienti.

Altri ricercatori dell’UTSW che hanno contribuito a questo studio includono Jeffrey Wooliscroft, Rubeel Akram, Hafsa Zuberi, Betty Tong, Jane Gu e Aaron Hurd.

Questa ricerca è stata finanziata da sovvenzioni da Research to Prevent Blindness, National Institutes of Health (P30 EY030413, UL1TR001105) e UT Southwestern Medical Student Research Program.

Adv

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: