Microinfusore/CGM/Pancreas artificiale

NUOVO! GlucoRx annuncia il primo monitoraggio del glucosio multisensore non invasivo al mondo

Adv

GlucoRx e l’Università di Cardiff sono in procinto di presentare il primo monitor multisensore non invasivo della glicemia continuo (CGM) al mondo per annunciare una nuova era di monitoraggio senza ago per le persone con diabete. 

Il GlucoRx BioXensor™ utilizza una tecnologia brevettata a radiofrequenza insieme a un approccio a più sensori per misurare i livelli di glucosio nel sangue ogni minuto in modo affidabile, accurato e non invasivo.  

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, circa 422 milioni di persone in tutto il mondo hanno il diabete.   

Attualmente, le persone con diabete devono pungersi dolorosamente il dito per estrarre e testare il sangue più volte al giorno utilizzando glucometri o applicare dispositivi semi-invasivi come i monitor continui della glicemia (CGM).  

Il GlucoRx BioXensor™ ora offre alle persone un’alternativa indolore, accurata, sostenibile ed economica al monitoraggio della glicemia per la prima volta misurando livelli da 3 mmol/l a 30 mmol/l.  

Se utilizzato come intervento precoce per cambiare lo stile di vita, GlucoRx BioXensor™ aiuterà a prevenire l’insorgenza del diabete, o la sua remissione, e migliorerà la qualità della vita con i suoi allarmi intelligenti e la tecnologia di monitoraggio remoto.  

Chris Chapman, Chief Operating Officer di GlucoRx, ha dichiarato: “Siamo entusiasti di questa nostra piattaforma di monitoraggio del diabete end-to-end che cambia la vita, che può essere applicata in modo discreto sulla pelle per monitorare la glicemia, fornendo letture ogni minuto su applicazioni mobili intelligenti . 

“GlucoRx BioXensor™ ha una precisione eccezionale grazie al suo approccio multisensore che cattura la glicemia, nonché Sp02, ECG, frequenza respiratoria, frequenza cardiaca, temperatura, attività, sonno e rilevamento delle cadute precoci. Il dispositivo indossabile ha una durata di conservazione più lunga perché non è chimico nella sua azione”.   

Questo lavoro è stato sostenuto dal Wellcome Trust e dall’Università di Cardiff attraverso il suo Cardiff Partnership Fund. Il dottor Heungjae Choi è stato finanziato dalla borsa di studio Sêr Cymru II del Fondo europeo di sviluppo regionale attraverso il governo gallese.

A seguito di una serie di prove di successo su prototipi di prima generazione che hanno ottenuto un MARD del 10,4% presso la Swansea University con il professor Stephen Luzio, si dice che il team conduca un ulteriore studio clinico fondamentale entro la fine dell’anno sul suo dispositivo di quarta generazione più piccolo e migliorato prima di presentare CE certificazione.

Adv

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: