Batticuore

Lo studio rileva un tasso di complicanze più elevato dopo un attacco di cuore nelle persone con malattie autoimmuni

Adv

Il controllo del fattore di rischio CVD è fondamentale per le persone con malattie autoimmuni, secondo uno studio sul Journal of American Heart Association

Punti salienti della ricerca:

  • Dopo un infarto, le persone con una malattia autoimmune, come l’artrite reumatoide, il lupus sistemico o la psoriasi, avevano maggiori probabilità di morire, sviluppare insufficienza cardiaca o avere un secondo infarto, secondo un’analisi di oltre 1,6 milioni di adulti di 65 anni e anziani coperti da Medicare.
  • Le persone con malattie autoimmuni avevano anche meno probabilità di ricevere procedure comuni per ripristinare il flusso sanguigno dopo un infarto, il che potrebbe essere dovuto al rischio maggiore di complicanze legate alla procedura.
  • Gli sforzi per controllare i fattori di rischio per le malattie cardiache possono essere particolarmente importanti per le persone con una malattia autoimmune.

DALLAS, 14 settembre 2022 — Dopo un infarto, le persone con una malattia autoimmune avevano maggiori probabilità di morire, sviluppare insufficienza cardiaca o avere un secondo infarto rispetto alle persone senza una malattia autoimmune, secondo una nuova ricerca pubblicata oggi sul Journal dell’American Heart Association , una rivista ad accesso aperto e peer-reviewed dell’American Heart Association.

È noto che le malattie autoimmuni, come l’artrite reumatoide, il lupus eritematosi sistemico e la psoriasi, aumentano il rischio di malattie cardiovascolari, probabilmente a causa di molteplici fattori. Le persone con una malattia autoimmune hanno una maggiore prevalenza dei tradizionali fattori di rischio cardiovascolare (come ipertensione, diabete di tipo 1 o malattie renali), oltre ad aspetti delle malattie autoimmuni che sono anche legati a un rischio cardiovascolare più elevato, come l’infiammazione cronica, anticorpi autoimmuni e uso a lungo termine di farmaci steroidei. Un nuovo studio ha esaminato se avere una malattia autoimmune, rispetto a non averne una, influisce sullo stato di salute di una persona dopo un infarto.

“Le prove sul rischio di eventi avversi dopo l’infarto per le persone con malattie autoimmuni sono meno solide delle prove per le persone senza questi disturbi e principalmente da studi piccoli o monocentrici”, ha affermato Amgad Mentias, MD, M.Sc., autore senior dello studio e assistente professore di medicina presso la Cleveland Clinic Lerner College of Medicine di Cleveland. “Abbiamo condotto il nostro studio per esaminare, in un’ampia coorte, se c’è qualche differenza nel trattamento dei pazienti con infarto rispetto a quelli senza malattie autoimmuni, e se c’è una differenza nel rischio di morte, insufficienza cardiaca o attacchi cardiaci ricorrenti rispetto al lungo termine.”

I ricercatori hanno identificato 1.654.862 persone negli Stati Uniti di età pari o superiore a 65 anni nel file Medicare Provider Analysis and Review (MedPAR) che sono state ricoverate in ospedale con una diagnosi di infarto tra il 2014 e il 2019. MedPAR è un database governativo di ogni fattura di degenza ospedaliera in gli Stati Uniti hanno presentato a Medicare il pagamento. Di questi record, il 3,6% (60.072) aveva una malattia autoimmune che causava infiammazione annotata nei loro grafici nell’anno precedente. La condizione più comune era l’artrite reumatoide, seguita da lupus sistemico, psoriasi, sclerosi sistemica e miosite/dermatomiosite. Hanno trovato diverse differenze importanti tra le persone con e senza malattie autoimmuni che hanno avuto attacchi di cuore:

  • Le persone con una malattia autoimmune erano leggermente più giovani: l’età media era di 77,1 anni contro 77,6 anni per quelle senza una malattia autoimmune.
  • Più di quelli con una malattia autoimmune erano donne (66,9% contro 44,2%).
  • Quelli con malattie autoimmuni avevano più probabilità di avere un infarto miocardico senza sopraslivellamento del tratto ST (NSTEMI) (77,3% contro 74,9%) e avevano meno probabilità di avere un infarto miocardico con sopraslivellamento del tratto ST (STEMI) (18,7% contro 22,1%).

Un NSTEMI, il tipo più comune di attacco cardiaco registrato nel database, è causato dal blocco parziale di una delle arterie coronarie che alimenta il sangue ricco di ossigeno al muscolo cardiaco. Un attacco cardiaco STEMI, di solito più pericoloso, deriva da un blocco completo di una o più arterie principali del cuore.

I ricercatori hanno abbinato ogni record di paziente con attacco cardiaco con malattia autoimmune ai record di tre pazienti con attacco cardiaco senza malattia autoimmune in base a età, sesso, razza e tipo di attacco cardiaco. Dopo aver confrontato (ed escluso le persone che non erano state arruolate in Medicare per almeno un anno prima dell’infarto), i ricercatori hanno confrontato i risultati di salute per circa 2 anni. Il set di dati finale includeva 59.820 record di infarto di persone con una malattia autoimmune e 178.547 di quelle senza una malattia autoimmune.

L’analisi ha rilevato che le persone con una malattia autoimmune erano:

  • 15% in più di probabilità di morire per qualsiasi causa;
  • il 12% in più di probabilità di essere ricoverato in ospedale per insufficienza cardiaca;
  • 8% in più di probabilità di avere un altro infarto; e
  • 6% di probabilità in più di avere una procedura aggiuntiva di apertura dell’arteria (se ne avevano ricevuto una al momento dell’infarto).

“I pazienti con malattie autoimmuni e disturbi cardiovascolari sono preferibilmente gestiti da un cardioreumatologo in collaborazione con un reumatologo per ottimizzare la salute cardiovascolare. I tradizionali fattori di rischio CVD sono accentuati in questa popolazione e anche il modo in cui questi fattori di rischio si manifestano è unico”, ha affermato l’autore principale dello studio Heba Wassif, MD, MPH, assistente professore di medicina presso la Cleveland Clinic Lerner College of Medicine e direttore di cardioreumatologia presso la clinica di Cleveland.

“Ad esempio, i livelli di colesterolo sono influenzati dall’infiammazione, quindi i pazienti con malattia infiammatoria attiva hanno livelli di colesterolo più bassi, un fenomeno noto come paradosso dei lipidi”, ha detto Wassif. “L’attività fisica, altamente raccomandata per migliorare gli esiti cardiovascolari, può essere limitata dal dolore articolare. Inoltre, alcuni agenti modificanti la malattia possono aumentare il rischio cardiovascolare. La conoscenza di queste sfumature e un approccio basato sul team possono migliorare i risultati”.

I ricercatori hanno anche scoperto che le persone con una malattia autoimmune avevano meno probabilità di sottoporsi a cateterizzazione cardiaca per valutare il restringimento delle arterie coronarie o di sottoporsi a una procedura di apertura delle arterie o a un intervento chirurgico di bypass indipendentemente dal tipo di infarto.

“È possibile che le persone con una malattia autoimmune non fossero abbastanza sane per sottoporsi a tali procedure, o che la loro anatomia coronarica fosse meno suscettibile agli interventi per riaprire vasi ristretti o ostruiti”, ha detto Mentias. Questi problemi possono esporli a un rischio maggiore di complicazioni legate alla procedura. “Quando fattibile, tuttavia, se qualcuno è un candidato idoneo, queste procedure dovrebbero essere considerate come opzioni. La presenza di malattie autoimmuni di per sé non dovrebbe precludere a qualcuno procedure potenzialmente salvavita”.

I ricercatori non disponevano di informazioni sull’anatomia delle arterie coronarie dei pazienti, che limitavano la capacità di valutare se le differenze anatomiche potessero aver influenzato il processo decisionale sulle procedure di apertura dei vasi. L’analisi è inoltre limitata dalla mancanza di dati di laboratorio sulla gravità e sull’attività della malattia autoimmune dei pazienti, rendendo impossibile per i ricercatori valutare se il rischio di complicanze e morte a seguito di infarto è maggiore nei pazienti con forme gravi di malattia autoimmune rispetto a con coloro che hanno una forma più lieve o una malattia in remissione.

“Sono necessarie ricerche future su farmaci e interventi che potrebbero ridurre il rischio accresciuto di scarsi risultati nei pazienti con infarto con malattie autoimmuni”, ha affermato Wassif, “come studiare se diversi immunomodulatori e terapie immunosoppressori sono usati per controllare e curare l’autoimmune la malattia ha alcun impatto sul miglioramento degli esiti post-infarto”.

I coautori sono Marwan Saad, MD, Ph.D.; Rajul Desai, MD, MPH; Rula A. Hajj-Ali, MD; Venu Menon, MD; Pulkit Chaudhury, MD; Michael Nakhla, MD; Rishi Puri, MD, Ph.D.; Sameer Prasada, MD; Concessione W. Reed, MD, M.Sc.; Khaled Ziada, MD; Samir Kapadia, MD; e Milind Desai, MD, le rivelazioni degli autori MBA sono elencate nel manoscritto.

Lo studio è stato parzialmente finanziato da doni della famiglia Haslam, della famiglia Bailey e della famiglia Khouri alla Cleveland Clinic a sostegno della ricerca di Milind Desai.

Gli studi pubblicati sulle riviste scientifiche dell’American Heart Association sono sottoposti a revisione paritaria. Le dichiarazioni e le conclusioni in ogni manoscritto sono esclusivamente quelle degli autori dello studio e non riflettono necessariamente la politica o la posizione dell’Associazione. L’Associazione non rilascia alcuna dichiarazione o garanzia in merito alla loro accuratezza o affidabilità. L’Associazione riceve finanziamenti principalmente da privati; anche fondazioni e società (comprese farmaceutiche, produttori di dispositivi e altre società) effettuano donazioni e finanziano programmi ed eventi specifici dell’Associazione. L’Associazione ha politiche rigorose per impedire che queste relazioni influenzino il contenuto scientifico. Sono disponibili i ricavi di aziende farmaceutiche e biotecnologiche, produttori di dispositivi e fornitori di assicurazioni sanitarie e le informazioni finanziarie complessive dell’Associazione qui .

Adv

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: