Terapie

Questo unguento è un portento

Adv

Unguento topico a base di linfa degli alberi risultato efficace nel trattamento delle infezioni delle ferite della pelle

Un team di ricercatori affiliato a più istituzioni nel Regno Unito e in Australia ha sviluppato un unguento non tradizionale per il trattamento delle infezioni delle ferite della pelle basato su una molecola trovata nella linfa di un albero del Queensland. Lo studio è pubblicato sulla rivista Science Translational Medicine.

Ricerche precedenti (e prove aneddotiche) avevano dimostrato che l’albero del Queensland ha proprietà medicinali: la sua linfa è attualmente allo studio da un altro team per scoprire se potrebbe aiutare a curare i malati di cancro . In questo nuovo sforzo, i ricercatori hanno studiato la linfa e l’hanno usata per fare un unguento come terapia per le ferite cutanee aperte difficili da trattare.

Le ferite aperte della pelle sono diventate un grave problema negli ultimi anni a causa del gran numero di persone che vivono con il diabete. Le persone con la malattia hanno un flusso sanguigno ridotto ai loro piedi, il che li rende suscettibili a ferite cutanee croniche e non cicatrizzanti. Queste ferite sono particolarmente suscettibili alle infezioni batteriche difficili da trattare perché i batteri creano film che bloccano gli antibiotici. Inoltre, gli scienziati medici preferirebbero non trattare tali infezioni con antibiotici tradizionali perché accelera la velocità con cui diventano immuni a tali terapie.

In questo nuovo sforzo, i ricercatori hanno esaminato campioni di linfa dall’albero di rossore e hanno identificato una molecola che sembrava essere un candidato promettente per il trattamento delle infezioni batteriche delle ferite aperte . Chiamata EBC-103, la molecola interferisce con la struttura dei biofilm, consentendo al sistema immunitario di sferrare un attacco. Hanno anche scoperto che la molecola ha incitato l’infiammazione nell’area in cui è stata applicata, il che ha anche aiutato con la guarigione.

I ricercatori hanno realizzato un unguento utilizzando la molecola e l’hanno applicato ai vitelli con ustioni risultanti dalla rimozione del corno. Hanno scoperto che non solo l’unguento previene l’infezione batterica , ma accelera anche la guarigione: il 75% dei vitelli è completamente guarito dopo 28 giorni, rispetto a solo il 25% che non è stato trattato.


Ulteriori informazioni: Lydia C. Powell et al, Gli epossi-tigliani topici immunomodulatori inducono la rottura del biofilm e la guarigione nelle ferite cutanee acute e croniche, Science Translational Medicine (2022). DOI: 10.1126/scitranslmed.abn3758

Adv

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: