Microinfusore/CGM/Pancreas artificiale

I ricercatori sviluppano una modalità di monitoraggio della glicemia non invasiva

Il nuovo processo può identificare il valore esatto della glicemia con una precisione del 90%

Da bambina, Maria Valero ha assistito a suo padre diabetico che si pungeva il dito più volte al giorno per prelevare sangue e controllare i suoi livelli di glucosio utilizzando un monitor elettronico. Era preoccupata per il processo invasivo e doloroso, ma era anche curiosa della tecnologia alla base del dispositivo.

“Dopo aver visto mio padre affrontarlo, volevo creare qualcosa di meno invasivo”, ha detto Valero.

L’assistente professore di  tecnologia dell’informazione al College of Computing and Software Engineering (CCSE)  di Kennesaw State   e direttore  dell’IoT as a Service Research Group della KSU  sta lavorando per migliorare il processo di monitoraggio del glucosio per milioni di persone in tutto il mondo affette dal diabete.

Utilizzando i finanziamenti del College e molti tentativi ed errori, Valero e il suo team hanno creato un processo non invasivo in grado di identificare il valore esatto della glicemia con una precisione del 90% senza prelevare un campione di sangue. Il processo GlucoCheck utilizza la luce riflessa attraverso il tessuto umano, nell’orecchio o nel dito, e una piccola fotocamera per acquisire immagini sull’altro lato. Il team di Valero utilizza quindi un modello per studiare la quantità di assorbimento di luce in quelle immagini per determinare la concentrazione di glucosio nel sangue.

“Il nostro studio pilota ha avuto molto successo”, ha detto. “Siamo entusiasti di come questo dispositivo aiuterà le persone con diabete, che colpisce circa una persona su 10 negli Stati Uniti”.

Valero e il suo team hanno recentemente depositato una domanda di brevetto provvisoria presso l’Ufficio brevetti e marchi degli Stati Uniti per proteggere il processo che hanno creato. Il direttore dell’Ufficio per lo sviluppo della proprietà intellettuale dello Stato di Kennesaw, Chris Cornelison, ha aiutato Valero a vagliare progetti di ricerca in tutto il mondo per assicurarsi che il processo GlucoCheck sia unico e brevettabile.

“Il modo in cui raccogliamo e produciamo i dati è nuovo e continueremo a lavorare sui modi per migliorare il modello di stima del glucosio”, ha affermato Valero. Finora il team ha testato il processo su quasi 50 persone, ma prima di depositare un brevetto completo la prossima estate, valuterà come funziona il processo su persone con una gamma di pigmentazioni e spessore della pelle.

Gli studenti di Valero hanno già creato un’applicazione per cellulare e stanno lavorando per collegare GlucoCheck all’assistente virtuale di Amazon, Alexa.

“Sono molto fortunato ad avere grandi studenti che sono estremamente motivati ??e portano un patrimonio di conoscenze a questo progetto”, ha detto Valero. “Vederli crescere come ricercatori che vogliono fare la differenza nel mondo usando la tecnologia è molto gratificante”.

Secondo Paola Spoletini, decano associato ad interim del CCSE, l’impegno di Valero nella sua ricerca è aggravato dalla sua dedizione ai suoi studenti. 

“Dott. Valero è appassionato di usare la tecnologia per fare la differenza nel mondo ed è una risorsa incredibile per il nostro College”, ha affermato Spoletini. “Non solo sta sviluppando tecnologie all’avanguardia, ma funge anche da mentore e modello per i suoi studenti”.

Oltre ai suoi studenti, Valero ha lavorato a stretto contatto con Hossain Shahriar, professore associato di tecnologia dell’informazione, e Katherine Ingram, professore associato di scienze motorie . Ingram sta attualmente effettuando ricerche sul rischio di diabete gestazionale e la ricerca di Shahriar si concentra sulla tecnologia dell’informazione sanitaria, sull’analisi dei dati e sulla sicurezza informatica. Il loro documento che descrive in dettaglio lo studio pilota è stato recentemente accettato nel Journal of Medical Internet Research e Valero ha utilizzato i dati per richiedere finanziamenti aggiuntivi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: