Batticuore Mangiare e bere

Caffè no Tè sì

Bere 2 o più tazze di caffè al giorno può raddoppiare il rischio di morte cardiaca nelle persone con ipertensione grave

Il tè verde, al contrario, non ha aumentato il rischio di mortalità a nessun livello di pressione sanguigna, secondo un nuovo studio del Journal of American Heart Association

Punti salienti della ricerca:

  • Bere due o più tazze di caffè al giorno è stato associato a un rischio doppio di morte per malattie cardiovascolari tra le persone con ipertensione grave rispetto ai non bevitori di caffè, in uno studio condotto su oltre 18.600 uomini e donne in Giappone.
  • Bere solo una tazza di caffè al giorno non era associato ad un aumento del rischio di morte per malattie cardiovascolari a qualsiasi livello di pressione sanguigna.
  • Al contrario, il consumo di tè verde non è stato associato ad un aumento del rischio di morte correlato a malattie cardiovascolari a qualsiasi livello di pressione sanguigna, sebbene sia il caffè che il tè contengano caffeina.

DALLAS, 21 dicembre 2022 — Bere due o più tazze di caffè al giorno può raddoppiare il rischio di morte per malattie cardiovascolari tra le persone con pressione sanguigna alta grave (160/100 mm Hg o superiore) ma non le persone con pressione alta non considerato grave, secondo una ricerca pubblicata oggi sul Journal of the American Heart Association , una rivista ad accesso aperto e sottoposta a revisione paritaria dell’American Heart Association.

Meglio il tè

Al contrario, lo studio ha rilevato che una tazza di caffè e il consumo giornaliero di tè verde non aumentano il rischio di morte correlata a malattie cardiovascolari a nessuna misurazione della pressione sanguigna, sebbene entrambe le bevande contengano caffeina. Secondo la FDA, una tazza da 8 once di tè verde o nero ha 30-50 milligrammi di caffeina e una tazza di caffè da 8 once ha più vicino a 80-100 milligrammi.

Precedenti ricerche hanno scoperto che bere una tazza di caffè al giorno può aiutare i sopravvissuti all’infarto riducendo il rischio di morte dopo un infarto e può prevenire attacchi di cuore o ictus in individui sani. Inoltre, studi separati hanno suggerito che bere caffè regolarmente può ridurre il rischio di sviluppare malattie croniche, come il diabete di tipo 2 e alcuni tipi di cancro; può aiutare a controllare l’appetito; può aiutare a ridurre il rischio di depressione o aumentare la vigilanza, anche se non è chiaro se questo effetto derivi dalla caffeina o da qualcos’altro nel caffè. Sul lato dannoso, troppo caffè può aumentare la pressione sanguigna e portare ad ansia, palpitazioni cardiache e difficoltà a dormire.

Che effetto fa

“Il nostro studio mirava a determinare se il noto effetto protettivo del caffè si applica anche a soggetti con diversi gradi di ipertensione; e ha anche esaminato gli effetti del tè verde nella stessa popolazione”, ha spiegato l’autore senior dello studio Hiroyasu Iso, MD, Ph.D., MPH, direttore dell’Institute for Global Health Policy Research, Bureau of International Health Cooperation, National Center for Global Health and Medicine a Tokyo, Giappone, e professore emerito all’Università di Osaka. “Per quanto ne sappiamo, questo è il primo studio a trovare un’associazione tra il consumo di 2 o più tazze di caffè al giorno e la mortalità per malattie cardiovascolari tra le persone con ipertensione grave”.

L’ipertensione, nota anche come pressione alta, si verifica quando la forza del sangue che spinge contro le pareti dei vasi sanguigni è costantemente troppo elevata, costringendo il cuore a lavorare di più per pompare il sangue. Si misura in millimetri di mercurio (mm Hg). Le attuali linee guida sulla pressione sanguigna dell’American Heart Association e dell’American College of Cardiology classificano l’ipertensione come una lettura della pressione sanguigna di 130/80 mm Hg o superiore.

Per chi ha forme di ipertensione arteriosa grave

I criteri di pressione sanguigna per questo studio sono leggermente diversi dalle linee guida ACC/AHA. I ricercatori hanno classificato la pressione sanguigna in cinque categorie: ottimale e normale (meno di 130/85 mm Hg); alto normale (130-139/85-89 mm Hg); ipertensione di grado 1 (140-159/90-99 mmHg); grado 2 (160-179/100-109 mmHg); e grado 3 (superiore a 180/110 mm Hg). In questo studio le misurazioni della pressione arteriosa nei gradi 2 e 3 sono state considerate ipertensione grave.

I partecipanti allo studio includevano più di 6.570 uomini e più di 12.000 donne, di età compresa tra 40 e 79 anni all’inizio della ricerca. Sono stati selezionati dal Japan Collaborative Cohort Study for Evaluation of Cancer Risk, un ampio studio prospettico istituito tra il 1988 e il 1990 su adulti che vivevano in 45 comunità giapponesi. I partecipanti hanno fornito dati attraverso esami sanitari e questionari autosomministrati per valutare lo stile di vita, la dieta e la storia medica.

Quali effetti?

Durante quasi 19 anni di follow-up (fino al 2009), sono stati documentati 842 decessi per cause cardiovascolari. L’analisi dei dati per tutti i partecipanti ha rilevato:

  • Bere due o più tazze di caffè al giorno era associato a un rischio doppio di morte per malattie cardiovascolari nelle persone la cui pressione sanguigna era pari o superiore a 160/100 mm Hg rispetto a coloro che non bevevano caffè.
  • Bere una tazza di caffè al giorno non è stato associato ad un aumento del rischio di morte per malattie cardiovascolari in nessuna categoria di pressione sanguigna.
  • Il consumo di tè verde non è stato associato ad un aumentato rischio di mortalità per malattie cardiovascolari in nessuna categoria di pressione sanguigna.

“Questi risultati possono supportare l’affermazione che le persone con una grave pressione alta dovrebbero evitare di bere troppo caffè”, ha detto Iso. “Poiché le persone con ipertensione grave sono più sensibili agli effetti della caffeina, gli effetti dannosi della caffeina possono superare i suoi effetti protettivi e possono aumentare il rischio di morte”.

Effetto tè e caffè: scopri le differenze

Lo studio ha rilevato che le persone con un consumo più frequente di caffè avevano maggiori probabilità di essere più giovani, fumatori attuali, bevitori attuali, mangiare meno verdure e avere livelli di colesterolo totale più elevati e pressione arteriosa sistolica più bassa (numero massimo) indipendentemente dalla categoria di pressione sanguigna.

I benefici del tè verde possono essere spiegati dalla presenza di polifenoli, che sono micronutrienti con salutari proprietà antiossidanti e antinfiammatorie presenti nelle piante. I ricercatori hanno notato che i polifenoli possono essere parte del motivo per cui solo il consumo di caffè è stato associato ad un aumentato rischio di morte nelle persone con grave ipertensione, nonostante sia il tè verde che il caffè contengano caffeina.

La ricerca ha diversi limiti: il consumo di caffè e tè è stato auto-riportato; la pressione sanguigna è stata misurata in un unico punto, che non ha tenuto conto dei cambiamenti nel tempo; e la natura osservazionale dello studio non ha potuto tracciare una connessione diretta di causa ed effetto tra il consumo di caffè e il rischio di malattie cardiovascolari tra le persone con grave ipertensione.

Sono necessari ulteriori studi, hanno affermato i ricercatori, per saperne di più sugli effetti del consumo di caffè e tè verde nelle persone con ipertensione e per confermare gli effetti del consumo di caffè e tè verde in altri paesi.

Riferimenti

I coautori sono Masayuki Teramoto, MD, MPH; Kazumasa Yamagishi, MD, Ph.D.; Isao Muraki, MD, Ph.D.; e Akiko Tamakoshi, MD, Ph.D. Le rivelazioni degli autori sono elencate nel manoscritto.

Il Japan Collaborative Cohort Study for Evaluation of Cancer Risk è stato finanziato dal Ministero dell’Istruzione, della Cultura, dello Sport, della Scienza e della Tecnologia del Giappone; il Ministero della Salute, del Lavoro e del Welfare, della Salute e delle Scienze del Lavoro, Giappone; il Fondo per la ricerca e lo sviluppo del National Cancer Center; e la Società giapponese per la promozione della scienza.

Gli studi pubblicati nelle riviste scientifiche dell’American Heart Association sono sottoposti a revisione paritaria. Le dichiarazioni e le conclusioni in ogni manoscritto sono esclusivamente quelle degli autori dello studio e non riflettono necessariamente la politica o la posizione dell’Associazione. L’Associazione non rilascia alcuna dichiarazione o garanzia in merito alla loro accuratezza o affidabilità. L’Associazione riceve finanziamenti principalmente da privati; anche le fondazioni e le società (comprese quelle farmaceutiche, i produttori di dispositivi e altre società) effettuano donazioni e finanziano programmi ed eventi specifici dell’Associazione. L’Associazione ha politiche rigorose per evitare che queste relazioni influenzino il contenuto scientifico. Sono disponibili i ricavi delle aziende farmaceutiche e biotecnologiche, dei produttori di dispositivi e dei fornitori di assicurazioni sanitarie e le informazioni finanziarie generali dell’Associazione qui .

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: