Terapie

Una questione di peso

Lo studio suggerisce che i benefici della vitamina D e il metabolismo possono dipendere dal peso corporeo

I ricercatori del Brigham and Women’s Hospital, membro fondatore del sistema sanitario Mass General Brigham, hanno trovato nuove prove che la vitamina D può essere metabolizzata in modo diverso nelle persone con un elevato indice di massa corporea (BMI). Lo studio, apparso su JAMA Network Open , è una nuova analisi dei dati dello studio VITAL, un ampio studio clinico nazionale condotto dai ricercatori di Brigham che ha indagato se l’assunzione di integratori di vitamina D o di omega-3 marino potesse ridurre il rischio di sviluppare cancro, cuore malattia o ictus.

“L’analisi dei dati VITAL originali ha rilevato che l’integrazione di vitamina D era correlata con effetti positivi su diversi esiti di salute , ma solo tra le persone con un BMI inferiore a 25”, ha affermato il primo autore Deirdre K. Tobias, ScD, epidemiologo associato presso la Brigham’s Division of Medicina preventiva. “Sembra che stia accadendo qualcosa di diverso con il metabolismo della vitamina D a pesi corporei più elevati, e questo studio può aiutare a spiegare i risultati ridotti dell’integrazione per le persone con un BMI elevato”.

La vitamina D è un nutriente essenziale coinvolto in molti processi biologici, in particolare aiuta il nostro corpo ad assorbire minerali, come calcio e magnesio. Mentre parte della vitamina D di cui abbiamo bisogno è prodotta nel corpo dalla luce solare, le carenze di vitamina D sono spesso trattate con l’integrazione. Prove da studi di laboratorio, ricerca epidemiologica e ricerca clinica hanno anche suggerito che la vitamina D può svolgere un ruolo nell’incidenza e nella progressione del cancro e delle malattie cardiovascolari, ed è stata questa evidenza che ha spinto lo studio VITAL originale.

Lo studio VITAL era uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo su 25.871 partecipanti statunitensi, che includevano uomini di età superiore ai 50 anni e donne di età superiore ai 55 anni. Tutti i partecipanti erano liberi da cancro e malattie cardiovascolari al momento dell’arruolamento . Mentre lo studio ha riscontrato pochi benefici dell’integrazione di vitamina D per prevenire il cancro, l’infarto o l’ictus nella coorte complessiva, c’era una correlazione statistica tra BMI e incidenza del cancro, mortalità per cancro e incidenza di malattie autoimmuni. Altri studi suggeriscono risultati simili per il diabete di tipo 2.

Il nuovo studio mirava a indagare su questa correlazione. I ricercatori hanno analizzato i dati di 16.515 partecipanti dello studio originale che hanno fornito campioni di sangue al basale (prima della randomizzazione alla vitamina D), così come 2.742 con un campione di sangue di follow-up prelevato dopo due anni. I ricercatori hanno misurato i livelli di vitamina D totale e libera, così come molti altri nuovi biomarcatori per la vitamina D, come i suoi metaboliti, il calcio e l’ormone paratiroideo, che aiuta il corpo a utilizzare la vitamina D.

“La maggior parte degli studi come questo si concentra sul livello totale di vitamina D nel sangue”, ha affermato l’autore senior JoAnn E. Manson, MD, DrPH, capo della divisione di medicina preventiva presso il Brigham e ricercatore principale di VITAL. “Il fatto che siamo stati in grado di esaminare questo profilo ampliato dei metaboliti della vitamina D e dei nuovi biomarcatori ci ha fornito informazioni uniche sulla disponibilità e sull’attività della vitamina D e se il metabolismo della vitamina D potrebbe essere interrotto in alcune persone ma non in altre”.

I ricercatori hanno scoperto che l’integrazione di vitamina D ha aumentato la maggior parte dei biomarcatori associati al metabolismo della vitamina D nelle persone, indipendentemente dal loro peso. Tuttavia, questi aumenti erano significativamente inferiori nelle persone con un indice di massa corporea elevato.

“Abbiamo osservato notevoli differenze dopo due anni, indicando una risposta attenuata all’integrazione di vitamina D con un indice di massa corporea più elevato”, ha detto Tobias. “Ciò può avere implicazioni cliniche e potenzialmente spiegare alcune delle differenze osservate nell’efficacia dell’integrazione di vitamina D in base allo stato di obesità”.

“Questo studio fa luce sul motivo per cui stiamo assistendo a riduzioni del 30-40% dei decessi per cancro, delle malattie autoimmuni e di altri esiti con l’integrazione di vitamina D tra coloro che hanno un indice di massa corporea più basso, ma benefici minimi in quelli con un indice di massa corporea più elevato, suggerendo che potrebbe essere possibile ottenere benefici in tutta la popolazione con un dosaggio più personalizzato di vitamina D”, ha affermato Manson. “Queste sfumature chiariscono che c’è di più nella storia della vitamina D”.

Gli autori concludono che i risultati di VITAL sono un invito all’azione per la comunità di ricerca a continuare a esplorare i potenziali benefici dell’integrazione di vitamina D per prevenire il cancro e altre malattie e a tenere conto del BMI quando si valutano gli impatti sulla salute dell’integratore.


Maggiori informazioni: Deirdre K. Tobias et al, Association of BodyWeight With Response to Vitamin D Supplementation and Metabolism, JAMA Network Open (2023). DOI: 10.1001/jamannetworkopen.2022.50681

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: