Reni

Un nuovo strumento prevede il rischio di malattie renali

Un nuovo strumento di calcolo del rischio che utilizza una combinazione di variabili tra cui età, ipertensione e stato del diabete può essere utilizzato per prevedere con precisione se è probabile che qualcuno sviluppi una malattia renale cronica entro cinque anni. Lo strumento di calcolo del rischio è stato sviluppato dal consorzio per la prognosi della malattia renale cronica, una grande collaborazione globale guidata da ricercatori della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health.

Il calcolatore del rischio, descritto in un documento pubblicato l’8 novembre sul Journal of American Medical Association (JAMA), si basa su un’analisi dei dati clinici di oltre cinque milioni di persone in tutto il mondo. I ricercatori hanno scoperto equazioni di rischio che si identificano con individui di alta precisione che sono a rischio di sviluppare malattie renali croniche entro cinque anni. Ciò valeva anche per le nuove popolazioni cliniche utilizzate per convalidare i risultati.

Pubblicità e progresso

La malattia renale cronica è definita come dotata di capacità di filtraggio del sangue da parte dei reni al di sotto della metà della norma, e viene diagnosticata e monitorata misurando i livelli di proteine nelle urine. Il calcolatore consente agli operatori sanitari di determinare quali pazienti sono maggiormente a rischio e quindi si trarrebbe il massimo beneficio da interventi preventivi.

“Con le equazioni di rischio che abbiamo sviluppato, i medici dovrebbero essere in grado di determinare con elevata precisione chi svilupperà o non svilupperà la malattia renale cronica nei prossimi anni — e le nostre analisi suggeriscono che possono mantenere tale accuratezza in una varietà di contesti clinici a livello generale, afferma Josef Coresh, MD, investigatore co-principale del consorzio per la prognosi della malattia renale cronica e professore George W. Comstock nel dipartimento di epidemiologia della scuola di Bloomberg. L’altro investigatore co-principale del Consorzio è Morgan Grams, MD, professore associato di Nefrologia presso la Johns Hopkins School of Medicine.

La malattia renale cronica è una delle patologie croniche più comuni, che colpisce circa il 10 percento della popolazione adulta a livello mondiale. È anche una malattia in gran parte silenziosa, rilevabile con test di laboratorio sulla funzionalità renale ma, altrimenti, nelle sue fasi iniziali, non mostra sintomi o solo sintomi non specifici come nausea e perdita di appetito. La malattia renale cronica progredisce se non trattata e causa una serie di problemi tra cui l’accumulo di sostanze chimiche dannose nel sangue e un elevato rischio di malattie cardiache e altre condizioni. Nella fase avanzata, nota come malattia renale allo stadio terminale, la filtrazione del sangue artificiale (dialisi) o un trapianto di rene sono le uniche opzioni di trattamento salvavita.

Tuttavia, se presa in tempo, la progressione della malattia renale può essere rallentata o interrotta con trattamenti che affrontano i disturbi renali come l’ipertensione e il diabete e limitando l’uso di sostanze che stressano i reni come alcuni antibiotici, antidolorifici FANS e agenti di contrasto per imaging .

Coresh e colleghi hanno creato il consorzio per la prognosi della malattia renale cronica dieci anni fa per consentire la condivisione dei dati e la ricerca sulla prevenzione da parte di scienziati di tutto il mondo. Nel nuovo studio, hanno analizzato 34 delle coorti raccolte dal Consorzio, tra cui 5.222.711 persone provenienti da 28 paesi, con registrazioni risalenti al 1970.

Il loro obiettivo era quello di sviluppare un’equazione utilizzando noti fattori di rischio di malattia renale cronica che i medici potrebbero utilizzare per prevedere quali pazienti potrebbero sviluppare una malattia renale cronica entro cinque anni. La malattia renale cronica con ridotta funzionalità renale è stata definita utilizzando linee guida accettate come funzione renale che è la metà o meno di un giovane adulto sano ( tasso di filtrazione glomerulare stimato (eGFR) <60 ml / min / 1,73 m2 di superficie corporea).

Alla fine, i ricercatori hanno generato due equazioni, una per gli individui senza diabete e una per gli individui con diabete. Gli individui con diabete in genere hanno dati nelle loro cartelle cliniche, come i risultati degli esami del sangue e delle urine, che gli individui senza diabete non hanno ma sono utili per stimare il rischio di malattie renali croniche. Tuttavia, le equazioni sviluppate dai ricercatori mostrano che per entrambi i gruppi, lo stesso piccolo gruppo di fattori sembra determinare gran parte del rischio quinquennale di malattie renali croniche. Questi fattori includono l’età avanzata, ipertensione, proteine ??nelle urine (albuminuria), una funzione renale moderatamente ridotta, una storia di malattie cardiache ed essere afroamericano o femminile.

L’analisi dei ricercatori sui punteggi di rischio generati dalle equazioni ha scoperto che erano abbastanza precisi da essere utili clinicamente. Una misura statistica della capacità dei punteggi di rischio di discriminare tra soggetti diabetici che sviluppano e non sviluppano malattie renali croniche in cinque anni ha indicato l’accuratezza nell’intervallo “molto buono”, afferma Coresh, mentre per gli individui senza diabete il calcolatore del punteggio di rischio era nella gamma “eccellente”.

Queste cifre di accuratezza sono rimaste elevate quando il calcolatore del rischio è stato applicato a una serie completamente nuova di coorti di cui 2.253.540 persone. Ciò suggerisce che dovrebbe essere utile per i medici di tutto il mondo.

” Renderemo disponibili i nostri calcolatori del rischio sul nostro sito Web, http://www.ckdpcrisk.org “, afferma Coresh. In questo modo, le organizzazioni di difesa dei pazienti, come la National Kidney Foundation, che hanno contribuito a sponsorizzare la ricerca, possono anche aiutare a diffondere questi nuovi strumenti di previsione del rischio.

Categorie:Reni

Con tag:,