Equilibrio

la resilienza psicologica degli anziani con diabete

Adv

Gli studi suggeriscono che l’esposizione alla pandemia di COVID-19 è stata associata a una varietà di diverse conseguenze sulla salute mentale, tra cui segnalazioni di depressione, solitudine e insonnia. Le persone che hanno più di 65 anni di età e quelle con condizioni mediche di base come il diabete di tipo 2 e l’obesità sono particolarmente vulnerabili agli esiti negativi di COVID-19. Finora, poche indagini hanno identificato e separato le conseguenze sulla salute mentale dell’esposizione alla pandemia di COVID-19 da fattori preesistenti in questa fascia di età. Un nuovo studio prospettico su un’ampia coorte di anziani con diabete di tipo 2 e sovrappeso/obesità provenienti da tutti gli Stati Uniti ha esplorato questo argomento con risultati sorprendenti.

Lo studio prospettico, pubblicato sulla rivista Diabetes Care, ha mostrato che da pre-COVID a durante la pandemia di COVID-19, la prevalenza di sintomi di depressione lievi o maggiori è aumentata di 1,6 volte (dal 19,3% al 30,4% dei partecipanti), mentre la solitudine è aumentata di 1,8 volte (dal 12,3% al 22,1% dei partecipanti). Le segnalazioni di insonnia sono rimaste stabili nella coorte (rispettivamente al 33,3x% e al 31,5%). Più della metà dei partecipanti allo studio è rimasta priva di livelli clinicamente significativi di condizioni avverse di salute mentale durante la pandemia di COVID-19.

“Molti anziani hanno dimostrato resilienza psicologica durante la pandemia, ma il sesso, la razza/l’etnia hanno svolto un ruolo importante in questi risultati”, afferma Ariana M. Chao, PhD, CRNP , Assistant Professor of Nursing presso la University of Pennsylvania School of Nursing (Penn Nursing) e l’autore principale dell’articolo. “Le donne, rispetto agli uomini, avevano maggiori probabilità di sintomi depressivi, ansia, solitudine e percepita minaccia COVID-19. Rispetto ai partecipanti bianchi non ispanici, quelli dei gruppi sottorappresentati tendevano a riferire livelli più bassi di sintomi depressivi, solitudine e insonnia. Ad esempio, il 32,9% delle donne contro il 26,1% dei maschi ha riportato sintomi di depressione lieve o maggiore durante la pandemia”.

L’articolo,  Cambiamenti nella prevalenza dei sintomi di depressione, solitudine e insonnia negli anziani statunitensi con diabete di tipo 2 durante la pandemia COVID-19: lo studio Look AHEAD”, è disponibile online. “Siamo stati fortunati”, ha detto il coautore dello studio Thomas Wadden presso la Perelman School of Medicine dell’Università della Pennsylvania, “ad aver valutato questi oltre 2800 partecipanti allo studio Look AHEAD per quasi 20 anni, dandoci così un chiaro quadro della loro salute mentale e di altre funzioni prima e dopo la pandemia di COVID-19”. Altri autori dello studio includevano: Jeanne M. Clark della Johns Hopkins University School of Medicine; Kathleen M. Hayden, Marjorie J. Howard e Lynne E. Wagenknecht, tutte della Wake Forest School of Medicine; Karen C. Johnson dell’Università del Tennessee Health Science Center; Blandine Laferrere dell’Irving Medical Center della Columbia University; Jeanne M. McCaffery dell’Università del Connecticut; Rena R. Wing della Warren Alpert Medical School della Brown University; Susan Z. Yanovski dell’Istituto Nazionale di Diabete e Malattie Digestive e Renali; e il gruppo di ricerca Look AHEAD.

Questo studio è stato finanziato dal National Institutes of Health attraverso accordi di cooperazione con il National Institute on Aging (AG058571) e il National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases (DK57136, DK57149, DK56990, DK57177, DK57171, DK57151, DK57182, DK57131, DK57002 , DK57078, DK57154, DK57178).

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: