medicina narrativa

Recensione/1 “Purple Hearts” offre un personaggio principale realistico e indimenticabile con il diabete di tipo 1

Adv

“Purple Hearts” segue la storia di Cassie, interpretata dall’attrice di “Descendants” Sofia Carson , un’aspirante cantante che svolge diversi lavori solo per rimanere in vita e sostenere i suoi sogni. Di nuova diagnosi diabete di tipo 1 solo sei mesi fa, lotta per tenere il passo con il pagamento dell’affitto e per la sua insulina, dovendo spesso decidere se pagare l’uno o l’altro.

Dopo essere quasi crollata sul palco una notte a causa delle complicazioni del diabete dovute a uno sballo non curato mentre si esibiva con la sua band, The Loyal, l’idea di sposare qualcuno nel Corpo dei Marines per ottenere benefici sanitari coniugali si sposta da uno scherzo ridicolo nella sua mente a uno che dovrebbe perseguire rapidamente. Quando la sua amica d’infanzia e attuale marine, Frankie, rifiuta la sua proposta di matrimonio per ricevere questi benefici, trova un partner insolito in Luke, anche lui un marine, ma qualcuno che detesta.

Luke, interpretato da Nicholas Galitzine della versione Amazon del 2021 di “Cenerentola”, si trova nella sua stessa situazione disperata. Deve dei soldi a un ex amico, Johnno, che ha sostenuto la sua tossicodipendenza e altri comportamenti distruttivi dopo la perdita di sua madre anni fa.

Dopo che Luke e Cassie si sono sposati, devono continuare la truffa per evitare di essere sottoposti alla corte marziale. Il loro viaggio insieme li porta attraverso molti ostacoli da un terreno non comune a una passione rinnovata e senza precedenti per la vita e l’un l’altro.

“Vai alla grande con Big Pharma”.

Se sei solo un fan del romanticismo, ti dovrebbe piacere “Purple Hearts”, ma concentriamoci sull’esperienza di Cassie come persona con diabete di tipo 1.

A meno di 20 minuti dall’inizio del film, gli spettatori vedono Cassie vivere un evento fin troppo comune in farmacia, dove le viene detto che l’ assicurazione non le permetterà di riempire le sue prescrizioni di insulina a breve e lunga durata per altri quattro giorni. Nonostante le spieghi quanto sia pericoloso per lei restare senza insulina per così tanto tempo, non c’è niente che il farmacista possa fare. Invece, insiste ulteriormente sul fatto che può riempirlo senza benefici assicurativi, ma a Cassie costerà più di $ 500 per ricaricare entrambe le prescrizioni di insulina. Incapace di pagare, Cassie deve andarsene e aspettare quattro giorni prima di poter ricaricare di nuovo le sue insuline.

Situazioni come questa accadono troppo spesso a persone con tutti i tipi di diabete. Questa scena è stata un modo fantastico per educare e diffondere la consapevolezza degli oneri finanziari del diabete di tipo 1 . Offre inoltre agli spettatori uno sguardo sulle questioni critiche che devono affrontare la comunità del diabete, come il razionamento dell’insulina stimolato dagli alti costi dell’insulina.

Lo sguardo scontento sul viso di Cassie e la battuta sarcastica, “Go Big Pharma”, mormora prima di uscire dalla farmacia, è stato il bacio dello chef in cima a questo momento ultra realistico.

 

Diabete: una parte naturale della storia o un espediente della trama?

Il diabete di tipo 1 è parte integrante della storia di “Purple Hearts”. Vivere con il diabete è drammatico. Il diabete ha garantito tutti gli eventi intensi che ha elaborato in questa storia. È una condizione emotivamente estenuante e difficile.

Dal modo in cui la madre di Cassie ha vissuto il peso e la vergogna di voler aiutare a sostenere finanziariamente sua figlia ma non essendo in grado di farlo, a un momento intimo che condivide con Luke sul loro divano quando i loro muri sono finalmente crollati l’uno con l’altro e lui l’aiuta a trattare un basso livello di zucchero nel sangue con gel di glucosio: c’erano molti altri momenti nel film che mostravano esperienze di vita reale di persone con diabete di tipo 1.

Ogni singola integrazione del diabete di tipo 1 è stata efficace. Ad un certo punto, Cassie è in grado di ottenere un microinfusore per insulina e un monitor continuo della glicemia (CGM) ; quello sguardo di sollievo sul suo viso quando avrà la sua nuova tecnologia è uno che non dimenticherò. L’ho sentito con lei. C’ero anch’io ad un certo punto. Il mio CGM non solo ha cambiato il gioco, ma ha salvato la vita.

È importante vedere le persone con T1D vivere la vita con passione.

Oltre a queste scene, Cassie è una persona con diabete di tipo 1, coraggiosa e riluttante a rinunciare ai suoi sogni. Questa qualità era anche importante da mostrare: molte persone che convivono con il diabete sono resilienti, laboriose e incrollabilmente appassionate. Cassie è all’altezza di quel riassunto e poi di alcuni.

Molte persone con malattie croniche negli Stati Uniti scelgono di svolgere un lavoro tradizionale a tempo pieno a causa della pressione di assicurarsi i benefici dell’assicurazione sanitaria, ma non è l’unico modo in cui le persone con diabete scelgono di vivere o dovrebbero vivere. Un 9 a 5 potrebbe andare in pezzi velocemente come un sogno. Il diabete di tipo 1 può influenzare molto il processo decisionale. “Purple Hearts” mostra questo dilemma professionale che molte persone con diabete devono affrontare.

Ancora più impressionante, la chiarezza e la passione con cui l’attrice protagonista, Sofia Carson, offre a Cassie dimostra che ha trascorso del tempo a ricercare com’è la vita con il diabete di tipo 1 e non a fare supposizioni basate su idee sbagliate persistenti della società che troppo spesso perpetuano i media.

‘Purple Hearts’ è destinato a facilitare conversazioni importanti.

“Purple Hearts” riesce ad affrontare onestamente molte circostanze familiari del diabete.

Gli spettatori possono dare un’occhiata all’accessibilità economica dell’insulina e ai problemi di accesso, gli oneri finanziari della convivenza con il diabete, il dolore che i tutori e i propri cari sperimentano insieme ai loro guerrieri di tipo 1, l’importanza di disporre di assistenza sanitaria e tecnologia di qualità per supportare la gestione del diabete , quanto sia spaventoso e gli eventi di glicemia alta possono essere e il pedaggio emotivo che tutto ciò richiede.

Mentre alcuni degli elementi romantici del film erano un po’ banali, l’inclusione complessiva del diabete nella narrazione è stata la migliore che abbia mai visto in un film. Ho trovato gli elementi del diabete più realistici di alcuni elementi della storia d’amore, il che è davvero, davvero dire qualcosa.

Come persona con diabete di tipo 1, sono orgoglioso di vedere come i creatori di “Purple Hearts” hanno costruito l’esperienza unica di Cassie con il diabete di tipo 1. Non ci sono due persone che vivono con il diabete allo stesso modo. Mentre ci sono elementi con cui tutti possiamo relazionarci, come mostrato nel film, a livello individuale, ci sono momenti indistinguibili solo che conosciamo.

La natura profondamente personale della malattia vive in Cassie.

La storia di Cassie sarà senza dubbio seguita da molti, data la popolarità mondiale di Sofia Carson e Netflix. Sono sicuro che accadrà e spero di vederlo innescare conversazioni, generare domande importanti, essere facilmente riconoscibile per molte persone che convivono con il diabete di tipo 1 e portare a una maggiore consapevolezza e istruzione per tutti i tipi di diabete .

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: