Equilibrio Sport e movimento

Diabete: più yoga per tutti

Adv

Lo yoga può aiutare la gestione del diabete

Nonostante la lunga storia dello yoga, l’uso dello yoga come modalità terapeutica e assistenza coadiuvante in campo sanitario e medico è del tutto nuovo. Potresti non aver sentito parlare del concetto di yoga per il diabete o mai nemmeno pensato all’idea che lo yoga potrebbe essere usato per la gestione del diabete. Ma la ricerca mostra risultati promettenti in questo campo in erba.

Da tempo i ricercatori sono affascinati dalla pratica dello yoga. Di conseguenza, hanno cercato di esplorare i cambiamenti nei parametri biochimici, elettrofisici, cellulari, genetici, neuromuscolari e radiologici relativi alla pratica dello yoga. 

Questa importante ricerca ha consentito agli operatori sanitari e ai professionisti clinici di vedere lo yoga come un valido complemento agli standard di cura per varie malattie. 

Piuttosto che essere una modalità di trattamento per malattie specifiche, lo yoga offre una pratica di gestione della salute che comprende corpo, mente e spirito. Per questo motivo, i ricercatori hanno studiato le possibilità dello yoga per il diabete e la gestione del diabete. Sperano di determinarne l’efficacia nell’alterare gli stili di vita, influenzare le abitudini alimentari e alterare l’aderenza ai farmaci dei diabetici.

È possibile utilizzare lo yoga per il diabete e la gestione del diabete?

L'uomo anziano pratica l'Ananda Balasana di yoga asana o una variazione di posa del cane da caccia a casa durante la lezione online.

Come tutte le malattie, il diabete è complesso e può esprimersi in modo diverso da persona a persona. Allo stesso modo, lo yoga è una pratica complessa che è molto più sfumata e unica di quanto potrebbe mai essere ampiamente prescritto a un intero gruppo per un unico scopo. 

Ma una revisione di studi clinici ha esplorato il ruolo terapeutico dello yoga nel diabete di tipo 2 e ha trovato risultati promettenti dello yoga come terapia adiuvante. Esplorando diversi pilastri della pratica yoga, questa recensione ha trovato modi fisiologici ed emotivi in ??cui una pratica yoga potrebbe aiutare le persone con diabete di tipo 2.

Cosa hanno scoperto gli studi di revisione della sperimentazione clinica

Ad esempio, se praticato vivacemente, si ritiene che il saluto al sole (Surya Namaskar) aumenti il ??fabbisogno cellulare di ossigeno e glucosio. La teoria è che la produzione di insulina sia stimolata attraverso la segnalazione cerebrale in modo che il corpo soddisfi questi maggiori requisiti. 

In uno studio, 25 minuti di saluti al sole, altre posizioni yoga e una tecnica di rilassamento profondo hanno mostrato una significativa diminuzione della pressione sanguigna diastolica, nonché effetti benefici sugli esiti glicemici.

Un altro studio ha scoperto che le posizioni yoga hanno influenzato positivamente l’utilizzo del glucosio e la ridistribuzione del grasso negli individui con diabete di tipo 2. I ricercatori ritengono che il miglioramento dell’afflusso di sangue ai muscoli risultante dalla pratica di asana possa aver migliorato l’espressione del recettore dell’insulina nei muscoli, causando un aumento dell’assorbimento del glucosio.

Un altro studio ha suggerito che un minimo di 10 minuti di yoga al giorno, combinato con il gold standard delle cure mediche, potrebbe migliorare significativamente la salute metabolica diminuendo la glicemia capillare a digiuno e riducendo la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna diastolica.

Oltre lo Yoga Asana: risultati della revisione di studi clinici

Giovane donna sconosciuta che tiene una ciotola tibetana e un pestello seduti sul pavimento accanto al mortaio e candele profumate per lo yoga e la meditazione

Ma non è solo l’asana che ha dimostrato di svolgere un ruolo cruciale nello yoga per il diabete e la gestione del diabete. La ricerca ha anche esplorato i bandha , o blocchi energetici del corpo, per determinarne i benefici.

Il blocco volante (Uddiyana Bandha), crea una pressione negativa all’interno della cavità addominale attraverso la contrazione della parete addominale. È possibile che questa pressione negativa all’interno della cavità addominale possa migliorare la funzione pancreatica, che potrebbe avere un effetto terapeutico nella gestione del diabete.

Pranayama , canti , kriya, meditazione , mudra e altro sono stati tutti studiati per vedere i loro effetti sulla gestione del diabete. Sebbene alcuni siano risultati più promettenti di altri, la pratica dello yoga, nelle sue numerose modalità, sembra mostrare effetti per lo più positivi su coloro che soffrono di diabete di tipo 2 attraverso miglioramenti negli ambiti fisico, psicologico e sociale e la qualità totale della vita post- intervento.

Cosa dicono altri studi e statistiche sullo yoga per il diabete e la gestione del diabete?

Il movimento yoga, le asana e il camminare sono tutti considerati utili per la gestione del diabete.

Un recente studio di controllo randomizzato quantitativo ha studiato gli effetti della terapia yoga e della terapia della camminata sui pazienti con diabete di tipo 2. Lo studio ha riscontrato una riduzione dei livelli di glucosio a digiuno in entrambi i gruppi di modalità di movimento rispetto a un gruppo di controllo.

E una recente meta-analisi ha valutato l’efficacia dello yoga sulla glicemia e sui lipidi nel diabete di tipo 2. L’analisi utilizza la metodologia Cochrane e l’approccio GRADE, che è un approccio sistematico per valutare la certezza delle prove nelle revisioni sistematiche. I ricercatori hanno cercato nei principali archivi per selezionare studi randomizzati e controllati che coinvolgono pazienti con diabete di tipo 2 che praticano yoga come parte della loro cura per valutare principalmente i cambiamenti nella glicemia a digiuno. 

Rispetto ai controlli, gli individui che praticavano yoga avevano una glicemia a digiuno significativamente più bassa, sebbene la certezza di questa evidenza fosse calcolata come bassa. Ma nonostante le incertezze, i ricercatori hanno suggerito che lo yoga sembra produrre un effetto molto positivo sulla glicemia e sui parametri lipidici nel diabete di tipo 2 e che sono necessarie ulteriori ricerche.

Il movimento è un miglioramento nello yoga per il diabete e la gestione del diabete

Donna anziana che pratica yoga a casa, facendo esercizi di respirazione narice alternata o Nadi Shodhana pranayama

Un’altra recente revisione sistematica e meta-analisi di studi randomizzati controllati è giunta alla conclusione che “il movimento è un miglioramento” per i pazienti con diabete di tipo 2. I ricercatori hanno concluso che “l’esercizio svolge un ruolo importante nell’ottimizzazione del controllo glicemico e nel miglioramento della qualità della vita, dell’IMC e della circonferenza della vita nei pazienti con diabete di tipo 2. L’esercizio fisico potrebbe essere una terapia aggiuntiva sicura ai trattamenti medici in questi pazienti”.

In definitiva, l’esercizio di qualsiasi tipo, incluso lo yoga, gioca un ruolo importante nella gestione del diabete. E lo yoga potrebbe anche offrire benefici oltre il fisico e fisiologico come la comunità sociale, la pace della mente, l’accettazione del corpo, la connessione spirituale e altro ancora.

Nel complesso, lo yoga suona sicuramente come una strada promettente per gli operatori sanitari da seguire e studiare più a fondo per un potenziale uso clinico.

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: