Batticuore

Fatti un appunto

Adv

L’isolamento sociale e la solitudine aumentano il rischio di morte per infarto, ictus

Punti salienti della dichiarazione:

  • L’isolamento sociale e la solitudine sono prevalenti negli Stati Uniti e hanno effetti dannosi sulla salute del cuore e del cervello.
  • Gli anziani e le persone che appartengono a gruppi socialmente vulnerabili, come individui provenienti da gruppi razziali o etnici privati ??dei diritti civili, persone con disabilità o coloro che sono membri di gruppi di minoranze sessuali o di genere, possono essere maggiormente a rischio di isolamento sociale e solitudine.
  • I dati suggeriscono anche che l’isolamento sociale e la solitudine potrebbero essere aumentati tra molti gruppi durante la pandemia di COVID-19.
  • Sono necessarie ulteriori ricerche per sviluppare e attuare interventi di salute pubblica per ridurre gli effetti negativi dell’isolamento sociale e della solitudine sulla salute cardiovascolare.

DALLAS, 4 agosto 2022 — Secondo una nuova dichiarazione scientifica dell’American Heart Association, pubblicata oggi sul Journal of the Journal, l’isolamento sociale e la solitudine sono associati a un aumento del 30% del rischio di infarto o ictus o morte per entrambi. American Heart Association, una rivista ad accesso aperto e peer-reviewed dell’American Heart Association. La dichiarazione identifica anche la mancanza di dati sugli interventi che possono migliorare la salute cardiovascolare per le persone socialmente isolate o sole.

“Oltre quattro decenni di ricerca ha chiaramente dimostrato che l’isolamento sociale e la solitudine sono entrambi associati a esiti avversi per la salute”, ha affermato Crystal Wiley Cené, MD, MPH, FAHA, presidente del gruppo di scrittura per la dichiarazione scientifica e professore di medicina clinica e direttore amministrativo per l’equità sanitaria, la diversità e l’inclusione presso l’Università della California San Diego Health. “Data la prevalenza della disconnessione sociale negli Stati Uniti, l’impatto sulla salute pubblica è piuttosto significativo”.

Il rischio di isolamento sociale aumenta con l’età a causa di fattori della vita, come vedovanza e pensionamento. Quasi un quarto degli adulti statunitensi di età pari o superiore a 65 anni è socialmente isolato e la prevalenza della solitudine è ancora più elevata, con stime dal 22% al 47%. Tuttavia, anche i giovani adulti sperimentano isolamento sociale e solitudine. Un sondaggio del progetto Making Caring Common dell’Università di Harvard descrive la “Gen Z” (adulti attualmente di età compresa tra 18 e 22 anni) come la generazione più sola. Un maggiore isolamento e solitudine tra i giovani adulti possono essere attribuiti a un maggiore utilizzo dei social media e a un minore coinvolgimento in attività significative di persona.

I dati suggeriscono anche che l’isolamento sociale e la solitudine potrebbero essere aumentati durante la pandemia di COVID-19, in particolare tra i giovani adulti di età compresa tra 18 e 25 anni, gli anziani, le donne e le persone a basso reddito.

L’isolamento sociale è definito come avere contatti di persona rari con persone per relazioni sociali, come con la famiglia, gli amici o i membri della stessa comunità o gruppo religioso. La solitudine è quando ti senti solo o hai meno connessione con gli altri di quanto desideri. “Sebbene l’isolamento sociale e il sentirsi soli siano correlati, non sono la stessa cosa”, spiega Cené. “Gli individui possono condurre una vita relativamente isolata e non sentirsi soli e, al contrario, le persone con molti contatti sociali possono ancora vivere la solitudine”.

Il gruppo di scrittura ha esaminato la ricerca sull’isolamento sociale pubblicata fino a luglio 2021 per esaminare la relazione tra isolamento sociale e salute cardiovascolare e cerebrale. Hanno trovato:

  • L’isolamento sociale e la solitudine sono determinanti comuni, ma poco riconosciuti, della salute cardiovascolare e cerebrale.
  • La mancanza di connessione sociale è associata ad un aumentato rischio di morte prematura per tutte le cause, specialmente tra gli uomini.
  • L’isolamento e la solitudine sono associati a marcatori infiammatori elevati e gli individui meno collegati socialmente avevano maggiori probabilità di sperimentare sintomi fisiologici di stress cronico.
  • Nella valutazione dei fattori di rischio per l’isolamento sociale, la relazione tra l’isolamento sociale e i suoi fattori di rischio va in entrambe le direzioni: la depressione può portare all’isolamento sociale e l’isolamento sociale può aumentare la probabilità di sperimentare la depressione.
  • L’isolamento sociale durante l’infanzia è associato ad un aumento dei fattori di rischio cardiovascolare nell’età adulta, come l’obesità, l’ipertensione e l’aumento dei livelli di glucosio nel sangue.

Anche i fattori socio-ambientali, inclusi i trasporti, le condizioni di vita, l’insoddisfazione per le relazioni familiari, la pandemia e le catastrofi naturali, sono fattori che influenzano le connessioni sociali.

“Ci sono forti prove che collegano l’isolamento sociale e la solitudine con un aumento del rischio di peggioramento della salute del cuore e del cervello in generale; tuttavia, i dati sull’associazione con determinati esiti, come insufficienza cardiaca, demenza e deterioramento cognitivo, sono scarsi”, ha affermato Cené.

Le prove sono più coerenti per un collegamento tra isolamento sociale, solitudine e morte per malattie cardiache e ictus, con un aumento del 29% del rischio di infarto e/o morte per malattie cardiache e un aumento del 32% del rischio di ictus e morte per ictus. “L’isolamento sociale e la solitudine sono anche associati a una prognosi peggiore negli individui che hanno già una malattia coronarica o un ictus”, ha aggiunto Cené.

Le persone con malattie cardiache che erano socialmente isolate hanno avuto un aumento di morte da due a tre volte durante uno studio di follow-up di sei anni. Gli adulti socialmente isolati con tre o meno contatti sociali al mese possono avere un rischio aumentato del 40% di ictus ricorrente o infarto. Inoltre, i tassi di sopravvivenza allo scompenso cardiaco a 5 anni erano inferiori (60%) per le persone socialmente isolate e per coloro che sono sia socialmente isolati che clinicamente depressi (62%), rispetto a coloro che hanno più contatti sociali e non lo sono. depresso (79%).

L’isolamento sociale e la solitudine sono anche associati a comportamenti che hanno un impatto negativo sulla salute cardiovascolare e cerebrale, come livelli più bassi di attività fisica auto-riferita, minore assunzione di frutta e verdura e più tempo sedentario. Numerosi studi di grandi dimensioni hanno trovato associazioni significative tra solitudine e una maggiore probabilità di fumare.

“C’è un’urgente necessità di sviluppare, implementare e valutare programmi e strategie per ridurre gli effetti negativi dell’isolamento sociale e della solitudine sulla salute cardiovascolare e cerebrale, in particolare per le popolazioni a rischio”, ha affermato Cené. “I medici dovrebbero chiedere ai pazienti la frequenza della loro attività sociale e se sono soddisfatti del loro livello di interazione con amici e familiari. Dovrebbero quindi essere preparati a indirizzare le persone socialmente isolate o sole, in particolare quelle con una storia di malattie cardiache o ictus, alle risorse della comunità per aiutarle a connettersi con gli altri”.

Alcune popolazioni sono più vulnerabili all’isolamento sociale e alla solitudine e sono necessarie ulteriori ricerche per capire in che modo l’isolamento sociale influisce sulla salute cardiovascolare e cerebrale in questi gruppi, inclusi bambini e giovani adulti, persone di gruppi razziali ed etnici sottorappresentati, lesbiche, gay, individui bisessuali, transgender e queer (LGBTQ), persone con disabilità fisiche, persone con problemi di udito o vista, persone che vivono in aree rurali e comunità con risorse limitate, individui con accesso limitato alla tecnologia e ai servizi Internet, immigrati recenti e persone incarcerate.

La revisione mette in evidenza la ricerca tra gli anziani volti a ridurre l’isolamento sociale e la solitudine. Questi studi hanno scoperto che i programmi di fitness e le attività ricreative nei centri per anziani, così come gli interventi che affrontano i pensieri negativi sull’autostima e altri pensieri negativi hanno mostrato risultati promettenti nel ridurre l’isolamento e la solitudine.

La revisione non ha identificato alcuna ricerca volta a ridurre l’isolamento sociale con l’obiettivo specifico di migliorare la salute cardiovascolare.

“Non è chiaro se essere effettivamente isolati (isolamento sociale) o sentirsi isolati (solitudine) sia più importante per la salute cardiovascolare e cerebrale perché solo pochi studi hanno esaminato entrambi nello stesso campione”, ha detto Cené. “Sono necessarie ulteriori ricerche per esaminare le associazioni tra isolamento sociale, solitudine, malattia coronarica, ictus, demenza e deterioramento cognitivo e per comprendere meglio i meccanismi mediante i quali l’isolamento sociale e la solitudine influenzano gli esiti di salute cardiovascolare e cerebrale”.

Questa dichiarazione scientifica è stata preparata dal gruppo di scrittori di volontari per conto del Social Determinants of Health Committee dell’American Heart Association del Council on Epidemiology and Prevention e del Council on Quality of Care and Outcomes Research; il Comitato per la scienza della prevenzione del Council on Epidemiology and Prevention e del Council on Quality of Care and Outcomes Research; il Comitato per la scienza della prevenzione del Council on Epidemiology and Prevention e del Council on Cardiovascular and Stroke Nursing; il Consiglio di Arteriosclerosi, Trombosi e Biologia Vascolare; e lo Stroke Council.

Le dichiarazioni scientifiche dell’American Heart Association promuovono una maggiore consapevolezza sulle malattie cardiovascolari e sui problemi di ictus e aiutano a facilitare decisioni informate sull’assistenza sanitaria. Le dichiarazioni scientifiche delineano ciò che è attualmente noto su un argomento e quali aree necessitano di ulteriori ricerche. Sebbene le affermazioni scientifiche informino lo sviluppo di linee guida, non forniscono raccomandazioni terapeutiche. Le linee guida dell’American Heart Association forniscono le raccomandazioni ufficiali sulla pratica clinica dell’Associazione.

I coautori sono il vicepresidente Theresa M. Beckie, Ph.D., FAHA; Mario Sims, Ph.D., FAHA; Shakira F. Suglia, Sc.D., MS, FAHA; Brooke Aggarwal, Ed.D., MS, FAHA; Nathalie Moise, MD; Monik C. Jiménez, SM, Sc.D., FAHA; Bamba Gaye, Ph.D.; e Louise D. McCullough, MD, Ph.D. Le rivelazioni degli autori sono elencate nel manoscritto.

L’Associazione riceve finanziamenti principalmente da privati. Anche le fondazioni e le società (comprese farmaceutiche, produttori di dispositivi e altre società) effettuano donazioni e finanziano programmi ed eventi specifici dell’Associazione. L’Associazione ha politiche rigorose per impedire che queste relazioni influenzino il contenuto scientifico. I ricavi delle aziende farmaceutiche e biotecnologiche, dei produttori di dispositivi e dei fornitori di assicurazioni sanitarie e le informazioni finanziarie generali dell’Associazione sono disponibili qui .

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: