Complicanze varie/eventuali

L’uso di insulina e l’età avanzata aumentano il rischio di ipoglicemia notturna clinicamente significativa

Adv

Secondo i dati dello studio , l’ uso di insulina, l’età avanzata, la glicemia a digiuno più bassa e la velocità di filtrazione glomerulare stimata più bassa sono associati ad un aumento delle probabilità di ipoglicemia notturna clinicamente significativa negli anziani con diabete di tipo 2 .

“In questo studio, abbiamo studiato molteplici fattori di rischio per l’ipoglicemia notturna clinicamente significativa in pazienti geriatrici con diabete di tipo 2 di età compresa tra 65 anni e valutato la loro associazione complessiva con l’ipoglicemia notturna clinicamente significativa utilizzando un’analisi di regressione logistica multivariata”, Ken Kanazawa, MD, del dipartimenti di diabete, metabolismo ed endocrinologia del Tokyo Rosai Hospital e colleghi hanno scritto in uno studio pubblicato su The Journal of Diabetes and Its Complications. “Età, livello di glucosio a digiuno, uso di insulina ed eGFR sono stati identificati come fattori di rischio indipendenti per l’ipoglicemia notturna clinicamente significativa da questa analisi. L’impatto dell’uso di insulina sull’ipoglicemia notturna clinicamente significativa rimane significativo. Inoltre, il livello di glucosio a digiuno da solo ha dimostrato un’elevata prevedibilità e il ruolo del monitoraggio continuo della glicemia sembra essere molto limitato”.

Adv
L’uso di insulina, l’età, il livello di glucosio a digiuno e la velocità di filtrazione glomerulare stimata sono tutti fattori di rischio per l’ipoglicemia notturna clinicamente significativa.

I ricercatori hanno condotto uno studio osservazionale retrospettivo caso-controllo su 606 adulti di età pari o superiore a 65 anni con diabete di tipo 2 da ottobre 2018 a febbraio 2020. L’ipoglicemia notturna clinicamente significativa è stata definita come un livello di glucosio nel sangue inferiore a 54 mg/dL tra mezzanotte e le 6 am I partecipanti hanno indossato un CGM Freestyle Libre Pro (Abbott) per 14 giorni. Quelli nel quartile superiore per la più alta frequenza di ipoglicemia notturna clinicamente significativa sono stati inseriti in un gruppo di ipoglicemia notturna (n = 152) e quelli nel quartile più basso sono stati inseriti in un gruppo di ipoglicemia non notturna.

Il gruppo con ipoglicemia notturna clinicamente significativo aveva un livello medio di glucosio più basso tra mezzanotte e le 6:00 (88,09 mg/dL vs. 114,86 mg/dL; P < 0,0001), tempo più alto al di sotto dell’intervallo (13,66% vs 1,04%; P < 0,0001); 0001) e tempo inferiore nell’intervallo (76,98% vs. 82,63%; P = .0002) rispetto al gruppo ipoglicemico non notturno. Nell’analisi logistica multivariata, uso di insulina (OR = 3,77; IC 95%, 1,92-7,67; P < 0,0001), età (OR = 1,06; IC 95%, 1-1,12; P = 0,049), glicemia a digiuno (OR = 0,93; IC 95%, 0,91-0,94; P < 0,0001) ed eGFR (OR = 0,97; IC 95%, 0,95-0,98; P = 0,0004) sono stati associati in modo indipendente con ipoglicemia notturna clinicamente significativa.

I valori limite per la previsione dell’ipoglicemia notturna clinicamente significativamente differivano dall’uso di insulina. Per gli adulti che assumevano insulina, le probabilità di ipoglicemia notturna clinicamente significativa aumentavano con un FBG inferiore a 91 mg/dl, un eGFR inferiore a 41,2 ml/min/1,73 m2 e un’età superiore a 69 anni. Per gli adulti che non facevano uso di insulina, la probabilità di ipoglicemia notturna clinicamente significativa è aumentata con un FBG inferiore a 92 mg/dL, un eGFR inferiore a 70,93 ml/min/1,73 m 2 e un’età superiore a 79 anni.

“I nostri risultati possono aiutare a chiarire il quadro clinico centralizzato dell’ipoglicemia notturna clinicamente significativa nei pazienti geriatrici con diabete di tipo 2 e servire come dati di riferimento per sviluppare approcci terapeutici appropriati per ridurre al minimo il rischio di ipoglicemia in questi pazienti”, hanno scritto i ricercatori. “Inoltre, un migliore controllo glicemico e la prevenzione delle complicanze, compresi i decessi, dovuti all’ipoglicemia notturna aiuterà a prevenire l’insorgenza o la progressione delle complicanze microvascolari e a prolungare la vita dei pazienti”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: