Donne e diabete

Preeclampsia grave trattata in modo sicuro con nifedipina durante il travaglio e il parto

Le donne con grave preeclampsia (pressione sanguigna grave) durante la gravidanza possono essere trattate con nifedipina a rilascio prolungato, un medicinale per abbassare la pressione sanguigna, ogni giorno durante il travaglio e il processo di parto, secondo una nuova ricerca pubblicata oggi su Hypertension , una rivista dell’American Heart Association . Le donne trattate con il medicinale avevano meno probabilità di sperimentare una pressione sanguigna pericolosamente alta che richiederebbe un trattamento con farmaci ad azione rapida, compresi i farmaci per via endovenosa (IV).

Lo studio ha esaminato se il trattamento con nifedipina, un farmaco per abbassare la pressione sanguigna a rilascio prolungato, che porta al travaglio e al parto, può prevenire lo sviluppo di livelli di pressione sanguigna gravi e, di conseguenza, evitare la necessità di somministrare farmaci IV ad azione rapida.

Secondo l’American Heart Association, la preeclampsia viene in genere diagnosticata dopo 20 settimane di gravidanza e indica misure di pressione alta con sintomi come mal di testa, alterazioni della vista e gonfiore di mani, piedi, viso o occhi. Una diagnosi di preeclampsia con caratteristiche gravi include tipicamente la pressione sanguigna sistolica (il numero più alto in una misurazione della pressione sanguigna) di 160 mmHg o superiore e/o la pressione sanguigna diastolica(il numero più basso in una misurazione della pressione sanguigna) di 110 mm Hg o superiore e livelli elevati di proteine ??nelle urine. Colpisce fino all’8% delle gravidanze e aumenta il rischio di ictus, danni al fegato o ai reni e parto prematuro (parto prima delle 40 settimane). Il parto è l’unico modo per iniziare a curare la preeclampsia e i sintomi di solito scompaiono entro pochi giorni dal parto. Tuttavia, alcune donne continuano ad aver bisogno di farmaci per la pressione sanguigna per sei settimane o più a lungo.

“Sappiamo che abbassare la pressione sanguigna molto alta a un intervallo più sicuro aiuterà a prevenire le complicanze materne e fetali. Tuttavia, oltre ai farmaci IV ad azione rapida per l’ipertensione grave durante la gravidanza, la gestione ottimale dell’ipertensione durante il travaglio e il processo di consegna, non ha stato studiato”, ha detto l’autrice principale dello studio Erin M. Cleary, MD, che era una ricercatrice in medicina fetale materna presso la Ohio State University di Columbus, Ohio, quando è stato condotto lo studio.

Una grave pressione sanguigna alta aumenta anche il rischio di complicazioni come il distacco della placenta, in cui la placenta, che fornisce al bambino che si sviluppa nell’utero i nutrienti e l’ossigeno dalla madre, si stacca dall’utero prima della nascita del bambino. Ciò può portare a gravi complicazioni per la madre e/o il bambino.

“Alcune di queste complicazioni possono includere il parto di emergenza, la perdita di sangue per la madre e possono essere pericolose per la vita sia della madre che del bambino”, ha detto Cleary. “Circa il 10% dei pazienti trattati con un trattamento endovenoso rapido per la pressione sanguigna molto alta può avere rapidamente una pressione sanguigna molto bassa. Quando la pressione sanguigna diventa troppo bassa, troppo velocemente, ciò può portare ad altre gravi complicazioni”.

Lo studio è stato condotto da giugno 2020 ad aprile 2022 presso l’Ohio State University Wexner Medical Center di Columbus e ha incluso 110 donne in gravidanza da almeno 22 settimane, con diagnosi di preeclampsia grave e sottoposte a induzione del travaglio. La metà dei partecipanti è stata assegnata in modo casuale a prendere una pillola da 30 mg di nifedipina a rilascio prolungato ogni giorno fino al parto, l’altra metà dei partecipanti è stata assegnata in modo casuale a prendere una pillola di placebo ogni giorno fino al parto. Né i ricercatori dello studio, né il team di assistenza clinica, né le donne sapevano se fosse stato loro assegnato l’assunzione di nifedipina o placebo. I partecipanti sono stati seguiti fino alla dimissione dall’ospedale e la revisione della cartella è stata eseguita per 6 settimane dopo il parto per monitorare eventuali riammissioni postpartum insieme ai motivi della riammissione.

I ricercatori hanno anche esaminato l’impatto del trattamento con nifedipina sul parto, se e per quanto tempo il bambino potrebbe aver avuto bisogno di cure nell’unità di terapia intensiva neonatale (NICU) e altri esiti avversi per la madre e/o il bambino.

Lo studio ha rilevato:

  • Il 34% delle donne nel gruppo nifedipina necessitava di una terapia per l’ipertensione acuta (riduzione immediata della pressione sanguigna) rispetto al 55,1% di quelle nel gruppo placebo.
  • Ci sono stati meno parti cesarei tra le donne trattate con nifedipina: il 20,8% delle donne nel gruppo di trattamento con nifedipina ha avuto un taglio cesareo, rispetto al 34,7% delle donne nel gruppo placebo.
  • Il tasso di ricovero in terapia intensiva neonatale per i neonati era inferiore se la madre era stata trattata con nifedipina (29,1%) rispetto al gruppo placebo (47,1%).
  • Gli esiti scarsi per il bambino, come un punteggio Apgar più basso, bassi livelli di zucchero nel sangue, bilirubina alta o necessità di ossigeno extra, non differivano in modo significativo tra i due gruppi di trattamento.

È importante notare, tuttavia, che il numero di partecipanti a questo studio era troppo piccolo per determinare se le differenze nei tassi di terapia intensiva neonatale e cesareo possono essere vere o se possono essere dovute al caso o ad altri fattori. I ricercatori hanno in programma di condurre studi più ampi con più partecipanti per capire meglio se queste differenze sono valide.

Una dichiarazione scientifica dell’American Heart Association del marzo 2021, Adverse Pregnancy Outcomes and Cardiovascular Disease Risk: Unique Opportunities for Cardiovascular Disease Prevention in Women , descrive in dettaglio le complicanze legate alla gravidanza che aumentano il rischio di una donna di sviluppare malattie cardiovascolari dopo il parto: ipertensione , diabete gestazionale , parto pretermine, parto piccolo per età gestazionale, preeclampsia, perdita di gravidanza o distacco di placenta. La dichiarazione sollecita una vigorosa prevenzione primaria delle malattie cardiovascolari (CVD), la prevenzione dei fattori di rischio CVD durante la gravidanza e il follow-up per monitorare il rischio CVD per tutta la vita.

I coautori sono Nicholas W. Racchi, DO; K. Grace Patton, MD; Meghana Kudrimoti, BS; Maged M. Costantino, MD; e Kara M. Rood, MD Le rivelazioni degli autori sono elencate nel manoscritto.


Riferimenti: Trial of Intrapartum Extended-Release Nifedipine to Prevent Severe Hypertension Among Pregnant Individuals With Preeclampsia With Severe Features, Hypertension (2022). DOI: 10.1161/HYPERTENSIONAHA.122.19751

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: