Complicanze varie/eventuali

Le mani nelle persone con diabete più spesso colpite dal dito a scatto

Adv

Le dita bloccate, note come dito a scatto, sono più comuni tra le persone con diabete che nella popolazione generale. Uno studio condotto dall’Università di Lund in Svezia mostra che il rischio di essere colpiti aumenta in caso di glicemia alta. Lo studio è stato pubblicato su Diabetes Care . 

Dito a scatto significa che una o più dita, spesso l’anulare o il pollice, finiscono in una posizione piegata che è difficile da raddrizzare. È dovuto all’ispessimento dei tendini, che piegano il dito, e alla loro guaina di tessuto connettivo, il che significa che il dito si fissa in posizione piegata verso il palmo. È una condizione dolorosa che spesso può essere trattata con iniezioni di cortisone, ma a volte richiede un intervento chirurgico.

Adv

“Nella clinica di chirurgia della mano, abbiamo notato da molto tempo che le persone con diabete, sia di tipo 1 che di tipo 2, sono più spesso colpite dal dito a scatto. Oltre il 20% di coloro che necessitano di un intervento chirurgico per questa condizione sono pazienti che hanno o svilupperanno il diabete”, afferma Mattias Rydberg, studente di dottorato presso l’Università di Lund, medico residente presso lo Skåne University Hospital e primo autore dello studio.

Per studiare se la glicemia alta (disregolazione della glicemia) aumenta il rischio di dito a scatto, i ricercatori hanno esaminato due registri: il database sanitario della regione Skåne, che include tutte le diagnosi, e il registro nazionale svedese del diabete. Tra l’1 e l’1,5 per cento della popolazione è affetto da dito a scatto, ma la diagnosi si pone tra il 10-15 per cento di coloro che hanno il diabete e il fenomeno compare maggiormente nel gruppo con diabete di tipo 1.

Lo studio appena pubblicato rafforza il modello di zucchero nel sangue essendo un fattore cruciale per un aumento del rischio di essere colpiti dal dito a scatto. Gli alti livelli di zucchero nel sangue hanno aumentato il rischio di essere colpiti dal dito a scatto tra uomini e donne nei gruppi con diabete di tipo 1 e diabete di tipo 2. La glicemia è misurata in HbA1C, detta anche glicemia a lungo termine e, quando regolamentata, è sotto i 48 anni. Il gruppo di uomini con la glicemia peggio regolata (HbA1C > 64) aveva un rischio fino a 5 volte più alto di essere colpiti rispetto agli uomini con glicemia ben regolata (HbA1< 48).

“Tuttavia, non possiamo sapere con certezza se qualcuno dei gruppi cerca assistenza sanitaria più spesso di altri, il che potrebbe essere un fattore che influisce sui risultati”, afferma Mattias Rydberg.

Il meccanismo, oi meccanismi, dietro l’aumento del rischio sono sconosciuti, ma ci sono teorie secondo cui la glicemia alta rende più spessi sia i tendini flessori che le loro guaine di tessuto connettivo, causandone così un blocco più facile. In precedenza era noto che quelli con glicemia non regolata sono più inclini a intrappolamenti nervosi nella mano.

“È importante attirare l’attenzione sulle complicazioni del diabete e su come possono insorgere per scoprirle precocemente, il che consente un trattamento più rapido e quindi un risultato migliore. Oltre alle compressioni nervose e al grilletto, potrebbe esserci anche un legame con l’ispessimento del tessuto connettivo del palmo (contraffazione di Dupuytren), la compromissione del movimento articolare e il rischio di artrite alla base del pollice. I meccanismi alla base di queste complicanze probabilmente differiscono nel caso del diabete. I risultati di questo studio sono interessanti, poiché possiamo dimostrare che la disregolazione della glicemia ha una connessione con lo sviluppo del dito a scatto”, afferma Lars B. Dahlin,  professore all’Università di Lund e consulente in chirurgia della mano presso lo Skåne University Hospital .

Il prossimo passo della ricerca sarà valutare quanto sia efficace operare su pazienti diabetici affetti da dito a scatto.

“Dalla nostra esperienza in clinica, la chirurgia va bene e ci sono poche complicazioni, ma ci vuole un po’ più di tempo perché i pazienti con diabete di tipo 1 e di tipo 2 riacquistino la piena mobilità e funzionalità. Vogliamo approfondire questa ipotesi. Un’altra idea interessante è vedere se il grilletto potrebbe essere un segnale di avvertimento per il diabete di tipo 2. È lontano da tutti coloro che sono affetti da dito a scatto che hanno il diabete, ma sarebbe interessante vedere se utilizzando i moderni registri possiamo scoprire coloro che sono nella zona a rischio di sviluppare il diabete”, conclude Mattias Rydberg.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: