Sport e movimento

L’esercizio aiuta contro la resistenza all’insulina nel cervello

Adv

Se il cervello non risponde più correttamente all’ormone insulina (insulino-resistenza), ciò ha anche un effetto negativo sul metabolismo del corpo e sulla regolazione del comportamento alimentare. Uno studio recente mostra che anche solo otto settimane di esercizio possono aiutare a ripristinare la sensibilità all’insulina del cervello negli adulti gravemente sovrappeso. Ciò apre nuove possibilità terapeutiche per ridurre in futuro i fattori di rischio di obesità e diabete. Lo studio del DZD, dell’ospedale universitario di Tubinga e dell’Helmholtz di Monaco è stato pubblicato oggi su JCI Insight .

Hanno preso parte allo studio quattordici donne e sette uomini di età compresa tra 21 e 59 anni con un indice di massa corporea* di 27,5 – 45,5. La risonanza magnetica funzionale (MRI) è stata utilizzata per determinare la sensibilità all’insulina nel cervello prima e dopo otto settimane di allenamento di resistenza monitorato.

Adv

Otto settimane di esercizio hanno migliorato la sensibilità all’insulina

Il risultato: il programma di esercizi ha migliorato l’azione dell’insulina nel cervello al livello di una persona con un peso sano. “L’intervento sull’esercizio ha aumentato l’attività stimolata dall’insulina nelle regioni del cervello che sono responsabili, tra le altre cose, della percezione della fame e della sazietà e dell’interazione tra motivazione, ricompensa, emozione e comportamento durante l’esercizio”, ha affermato la scienziata DZD PD Dr. Stephanie Kullmann, che lavora presso l’Institute of Diabetes Research and Metabolic Diseases (IDM) di Helmholtz Monaco di Baviera presso l’Università di Tubinga e il Dipartimento di Diabetologia ed Endocrinologia presso l’ospedale universitario di Tubinga. La migliorata sensibilità all’insulina nel cervello ha avuto effetti positivi sul metabolismo, la sensazione di fame è diminuita e il grasso viscerale malsano è stato ridotto.

Possibile nuovo punto di partenza per le terapie contro obesità e diabete

“Lo studio suggerisce che la resistenza all’insulina nel cervello può essere reversibile e potrebbe essere un obiettivo terapeutico praticabile per ripristinare la regolazione del metabolismo e del peso corporeo del sistema nervoso centrale e contrastare gli effetti avversi dell’obesità”, ha affermato il professor Martin Heni, ultimo autore dello studio. Per verificare se il miglioramento della sensibilità all’insulina cerebrale nelle persone ad alto rischio di T2D abbia effettivamente effetti benefici sul metabolismo e sulla cognizione, sono previsti ulteriori studi di intervento controllato. Possono anche aiutare a chiarire i meccanismi sottostanti.

Pubblicazione originale:
Stephanie Kullmann, …, Cora Weigert, Martin Heni et al.: L’esercizio fisico ripristina la sensibilità all’insulina cerebrale negli adulti sedentari che sono in sovrappeso e obesi. Intuizione JCI. 2022;7(18):e161498. https://doi.org/10.1172/jci.insight.161498 .

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: