Assistenza sociosanitaria

Diabete Tipo 1: identificati i fattori associati all’inconsapevolezza dell’ipoglicemia, al miglioramento

Un nuovo rapporto potrebbe aiutare a identificare i pazienti con diabete di tipo 1 che sono a rischio ipoglicemia inconsapevolezza (HU), ma lo studio mostra anche che tale inconsapevolezza è reversibile.

Il rapporto, pubblicato su Diabetes Metabolism Research and Reviews , identifica il sesso, la velocità di filtrazione glomerulare stimata (eGFR) e la durata del diabete come caratteristiche predittive di HU, ma rileva che l’utilizzo del monitoraggio continuo del glucosio (CGM), la durata della malattia, l’eGFR e la frequenza durante una visita educativa sono stati associati al miglioramento di HU.

Gli autori hanno spiegato che solo circa la metà degli adulti di età compresa tra 30 e 50 anni negli Stati Uniti e in Europa raggiunge i propri obiettivi di emoglobina A1c (HbA1c ) . Una delle ragioni significative di tale fallimento, hanno affermato gli autori, è l’ipoglicemia.

I pazienti che non sono in grado di riconoscere i segni premonitori di ipoglicemia sono considerati affetti da HU, hanno detto gli autori.

“Nei pazienti con HU, la risposta del corpo all’aumento dei livelli di ormoni controregolatori è attenuata o persa del tutto, aumentando il rischio di eventi gravi”, hanno osservato.

Precedenti ricerche hanno suggerito che i pazienti più anziani e quelli con una durata più lunga del diabete, una storia di ipoglicemia ricorrente e uso intensivo di insulina hanno maggiori probabilità di non essere consapevoli dell’ipoglicemia. Tuttavia, gli autori hanno affermato che i precedenti sforzi per ridurre HU non hanno avuto successo in modo affidabile.

Recentemente, tuttavia, l’uso del CGM ha iniziato a cambiare il paradigma relativo ai target di HbA1c e al trattamento e al monitoraggio del diabete più in generale. La tecnologia può fungere da sistema di allerta precoce per allertare i pazienti che potrebbero essere inclini all’ipoglicemia. Può anche essere aiutato dall’uso della somministrazione automatizzata di insulina.

“Tuttavia, è importante valutare se tali interventi sono associati a un miglioramento della consapevolezza dell’ipoglicemia nella pratica clinica effettiva”, hanno affermato gli autori.

I ricercatori hanno esaminato un set di dati di 300 individui con diabete di tipo 1 che avevano completato i sondaggi HU tra 6 e 12 mesi di distanza. HU viene misurato utilizzando i punteggi di Clarke. Un punteggio di 4 o più indica che un paziente è inconsapevole dell’ipoglicemia.

Gli autori hanno scoperto che tra i 300 pazienti, che avevano una durata mediana del diabete di 19 anni, 47 pazienti soddisfacevano i criteri per HU al basale.

Dopo l’aggiustamento per le variabili confondenti, Dungan e colleghi hanno scoperto che il sesso (maschile: odds ratio [OR], 0,33; 95% CI, 0,15-0,74), il logaritmo della durata del diabete (OR, 6,40; 95% CI, 2,84-14,5) e eGFR inferiore a 60 mL/min/1,73 m2 ( OR, 5,56; 95% CI, 1,98-15,6) erano tutti predittivi di HU al basale.

Tuttavia, gli autori hanno scoperto che molti pazienti hanno migliorato i loro punteggi di Clarke tra il primo e il secondo sondaggio. Novantuno pazienti hanno migliorato i loro punteggi di Clarke di almeno 1 punto e 21 pazienti sono migliorati di 2 punti.

“L’uso di [CGM] (OR, 2,04; 95% CI, 1,20-3,48) e la durata logaritmica del diabete (OR, 1,78; 95% CI, 1,22-2,60) erano predittori indipendenti di miglioramento di 1 punto e di eGFR [meno di] 60 mL/min/1,73 m2 ( OR, 10,5; 95% CI, 3,64-30,0) e una visita di istruzione (OR, 2,64; 95% CI, 1,01-6,89) erano predittori indipendenti di un miglioramento di 2 punti nel punteggio di Clarke,” hanno riferito gli inquirenti.

Gli autori hanno notato che circa la metà dei pazienti nello studio che avevano HU al basale ha avuto un grave episodio ipoglicemico. Hanno detto che è importante, quindi, capire quali pazienti hanno il più alto rischio di HU. Ma hanno detto che lo studio fornisce anche speranza, perché mostra che molti pazienti migliorano.

“Questo risultato è fondamentale in quanto implica che l’HU è modificabile nel tempo e quasi la metà dei pazienti con HU al basale è stata classificata come consapevole o indeterminata durante il follow-up”, hanno concluso.

Riferimento

Melnychuk J, Wyne K, Dungan K. Predittori del cambiamento nell’inconsapevolezza dell’ipoglicemia tra i pazienti con diabete di tipo 1. Diabete Metab Res Rev . 2022;38(8):e3582. doi:10.1002/dmrr.3582

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: