Vivo col Diabete

Inconsapevolezza dell’ipoglicemia nei giovani con diabete di tipo 1 trasferiti in un centro per adulti

Per valutare la frequenza di inconsapevolezza dell’ipoglicemia (HU) nei pazienti con diabete di tipo 1 (T1D) trasferiti dalla pediatria a seguito di un programma di educazione terapeutica specifico (TEP) in un ospedale per adulti, i ricercatori delle Unidad de Diabetes, Endocrinología y Nutrición, Hospital Clínic i Universitari, Barcellona y Unidad de Endocrinología Pediátrica, Hospital de Sant Joan de Déu, Esplugues de Llobregat, Barcellona, ??Spagna hanno condotto un indagine apposita.

Sono stati valutati i giovani pazienti trasferiti dal 2009-2011. Il TEP comprendeva un processo di trasferimento coordinato, appuntamenti individuali e un corso di gruppo. Al basale e a 12 mesi sono stati valutati la frequenza dell’emoglobina glicata (HbA1c) di ipoglicemia / SH / paziente / anno grave e ipoglicemia non grave (NSH). I pazienti sono stati classificati in due gruppi e confrontati: consapevolezza dell’ipoglicemia (HA) e HU secondo il Clarke Test <3R o> 3R rispettivamente.

Pubblicità e progresso

Cinquantasei pazienti (età 18,1 ± 0,3 anni, 46% femmine, HbA 1c 8,0 ± 1,2%) sono stati sottoposti a TEP. Nella valutazione di base il 16% ha presentato HU. Il numero di SH era maggiore nel gruppo HU (0,33 ± 0,50 contro 0,09 ± 0,28 P <0,05). La percentuale di pazienti con> 2 NSH / settimana era più alta, sebbene non significativamente, nel gruppo HU (66% vs. 34%, p = 0,06). A 12 mesi l’11% dei pazienti ha continuato a presentare HU. Il numero di SH è rimasto più elevato nel gruppo HU (0,38 ± 1,06 rispetto a 0,02 ± 0,15 P = 0,04).

La percentuale di giovani con T1D con HU è piuttosto elevata al momento del trasferimento. Sebbene il TEP migliori la consapevolezza dell’ipoglicemia, non risolve questo importante problema. I pazienti con HU presentano SH più frequentemente. È necessario identificare HU al fine di ridurre l’SH che continua a essere un problema nelle persone con T1D.

Pubblicato in Endocrinología, Diabetes y Nutrición il 23 ottobre 2019.