Ricette

Diagnosi precoce del diabete infantile

Il diabete è un disturbo metabolico cronico che colpisce 17 milioni di persone negli Stati Uniti ed è la quarta causa di morte.

Oltre 2 milioni di pazienti soffrono della sua forma più grave – il diabete infantile – noto anche come diabete di tipo 1, giovanile o insulino-dipendente.

Ora capiamo che il diabete infantile è una malattia autoimmune, in cui i globuli bianchi del corpo, che normalmente combattono le infezioni, si girano e agiscono contro il corpo.

Questi globuli bianchi si rivolgono a un gruppo specifico di cellule del pancreas – cellule beta – che producono insulina, l’ormone necessario per convertire il cibo in energia. Nel corso del tempo, un numero così elevato di cellule beta viene distrutto che c’è una mancanza di insulina e si sviluppa il diabete.

Gli scienziati hanno a lungo cercato un mezzo per prevedere l’insorgenza del diabete attraverso esami del sangue di routine dei globuli bianchi distruttivi in modo che gli individui ad alto rischio possano essere trattati prima che tutte le loro cellule beta vengano distrutte e diventino diabetici.

Tuttavia, i progressi sono stati così limitati che si è discusso se queste cellule fossero presenti nel sangue a livelli abbastanza alti da facilitare il rilevamento diretto.

Sul Journal of Clinical Investigation, Rusung Tan e colleghi del British Columbia’s Children’s Hospital, Canada, rivelano un metodo per misurare direttamente il livello di queste cellule autodistruttive nel sangue dei topi e dimostrano che questi livelli distinguono in modo affidabile i topi che sviluppano il diabete da quelli che non lo fanno.

Drs. George Eisenbarth e Brian Kotzin del Barbara Davis Diabetes Center for Childhood Diabetes e dell’University of Colorado Health Sciences Center affermano nel loro commento di accompagnamento che “quantificare queste cellule in pazienti geneticamente ad alto rischio di sviluppare la malattia e nei pazienti con prediabete può essere un approccio più diretto (e almeno complementare) per rilevare l’autoimmunità delle cellule beta e prevedere quali

I ricercatori suggeriscono che questa tecnica possa essere utilizzata anche per rilevare questo gruppo di cellule autodistruttive coinvolte in altre malattie autoimmuni, aumentando così i nostri poteri di previsione della malattia.

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: