Batticuore

La combinazione di colesterolo cattivo e ipertensione può aumentare il rischio di infarto o ictus

Un nuovo studio sulla rivista Hypertension suggerisce che il colesterolo della lipoproteina (a) può influenzare la relazione tra ipertensione e rischio di malattie cardiovascolari

Punti salienti della ricerca:

  • Uno studio condotto su oltre 6.000 uomini e donne negli Stati Uniti ha scoperto che avere livelli elevati di lipoproteina (a), un tipo di colesterolo “cattivo”, oltre all’ipertensione, aumenta il rischio di una persona di sviluppare malattie cardiovascolari e di avere un grave evento cardiovascolare come come infarto o ictus durante 14 anni di follow-up.
  • I ricercatori hanno scoperto che avere livelli elevati di lipoproteina (a) – maggiori o uguali a 50 mg/dL – oltre all’ipertensione aumentava il rischio di una persona di sviluppare malattie cardiovascolari o di avere un evento cardiovascolare maggiore più della sola ipertensione.

DALLAS, 13 dicembre 2022 — Alti livelli di lipoproteina(a), un tipo di colesterolo “cattivo”, possono essere associati a un rischio maggiore del 18-20% di malattie cardiovascolari tra le persone che soffrono di ipertensione, tuttavia, il rischio di CVD non era più alto tra quelli senza ipertensione, secondo una nuova ricerca pubblicata oggi su Hypertension , una rivista dell’American Heart Association.

Man check blood pressure monitor and heart rate monitor with digital pressure gauge. Health care and  Medical concept

“L’ipertensione è un noto fattore di rischio di malattie cardiovascolari e la lipoproteina (a) è un tipo di colesterolo ‘cattivo’ ereditato che può anche portare a malattie cardiovascolari”, ha affermato l’autore principale dello studio Rishi Rikhi, MD, MS, un borsista di medicina cardiovascolare presso l’Atrium Health Wake Forest Baptist Medical Center di Winston-Salem, nella Carolina del Nord. “Abbiamo scoperto che tra le persone con ipertensione che non hanno mai avuto un ictus o un infarto prima, la lipoproteina (a) sembra aumentare il rischio di malattie cardiovascolari e il rischio di un grave evento cardiovascolare come infarto o ictus”.

L’ipertensione è un fattore di rischio chiave per le malattie cardiovascolari . In questo studio, l’ipertensione è stata definita come un numero massimo di 140 mmHg o superiore, un numero minimo di 90 o mmHg o l’uso di farmaci per la pressione sanguigna. Nel 2017, l’Associazione ha aggiornato la sua definizione di ipertensione con un numero massimo di 130 mmHg o superiore o un numero inferiore di 80 mmHg o superiore. Precedenti studi hanno indicato che quando una persona ha ipertensione e squilibrio lipidico, o dislipidemia, il suo rischio di malattie cardiovascolari aumenta sostanzialmente. Secondo gli autori dello studio, ci sono meno informazioni sull’influenza che la lipoproteina(a) può avere sul rischio di malattie cardiovascolari tra le persone con ipertensione.

Le lipoproteine, che sono costituite da proteine ??e grassi, trasportano il colesterolo attraverso il sangue. I sottotipi di lipoproteine ??includono lipoproteine ??a bassa densità (LDL), lipoproteine ??ad alta densità (HDL) e lipoproteine(a) o Lp(a). Proprio come il colesterolo LDL , il colesterolo lipoproteina (a) può depositarsi e accumularsi nelle pareti dei vasi sanguigni, aumentando così il rischio di infarto o ictus.

La ricerca ha utilizzato i dati sulla salute dello studio Multi-Ethnic Study of Atherosclerosis (MESA), uno studio in corso negli Stati Uniti sulle malattie cardiovascolari subcliniche, il che significa che la malattia viene scoperta prima che ci siano segni e sintomi clinici. MESA è uno studio di ricerca che ha coinvolto quasi 7.000 adulti, iniziato nel 2000 e che sta ancora seguendo i partecipanti in sei località negli Stati Uniti: Baltimora; Chicago; New York; Contea di Los Angeles, California; Contea di Forsyth, Carolina del Nord; e San Paolo, Minnesota. Al momento dell’arruolamento nello studio, tutti i partecipanti erano liberi da malattie cardiovascolari.

L’attuale studio ha incluso 6.674 partecipanti MESA che avevano i livelli di lipoproteina (a) e la pressione sanguigna valutati e per i quali c’erano dati documentati sugli eventi di malattie cardiovascolari durante gli esami di follow-up di MESA in circa 2001, 2003, 2004, 2006, 2010, 2017 e in telefono interviste ogni 9-12 mesi per raccogliere dati intermedi su nuove diagnosi, procedure, ricoveri e decessi. I partecipanti allo studio provenivano da diversi gruppi razziali ed etnici: il 38,6% si identificava come adulto bianco; il 27,5% si autoidentifica come adulto afroamericano; 22,1% autoidentificato come adulto ispanico; e l’11,9% si identificava come adulto cinese americano (n=791). Inoltre, più della metà del gruppo era di sesso femminile (52,8%).

Per valutare la potenziale correlazione tra ipertensione e lipoproteina(a) sullo sviluppo di malattie cardiovascolari, i ricercatori hanno prima classificato i partecipanti in gruppi in base ai loro livelli di lipoproteina(a) e alle misurazioni della pressione sanguigna ottenute una volta al basale:

  • Gruppo 1 (2.837 persone): livelli di lipoproteina(a) inferiori a 50 mg/dL e assenza di ipertensione.
  • Gruppo 2 (615 persone): livelli di lipoproteina(a) maggiori o uguali a 50 mg/dL e assenza di ipertensione
  • Gruppo 3 (2.502 persone): livelli di lipoproteina(a) inferiori a 50 mg/dL e ipertensione
  • Gruppo 4 (720 persone): livelli di lipoproteina(a) ? 50 mg/dL e ipertensione

I partecipanti sono stati seguiti per una media di circa 14 anni e sono stati monitorati gli eventi cardiovascolari, inclusi infarto, arresto cardiaco , ictus o morte per malattia coronarica.

I risultati dello studio includono:

  • Un totale di 809 partecipanti ha sperimentato un evento di malattia cardiovascolare.
  • I livelli di lipoproteina(a) hanno avuto un effetto sullo stato di ipertensione che era statisticamente significativo (il che significa che non era dovuto al caso).
  • Rispetto al Gruppo 1 (bassi livelli di lipoproteina(a) e assenza di ipertensione), il Gruppo 2 (livelli più elevati di lipoproteina(a) e assenza di ipertensione) non presentava un aumento del rischio di eventi cardiovascolari.
  • Meno del 10% del Gruppo 1 (7,7%) e del Gruppo 2 (partecipanti 8%) ha avuto eventi di malattie cardiovascolari.
  • I partecipanti ai gruppi 3 e 4, tutti affetti da ipertensione, hanno dimostrato un aumento statisticamente significativo del rischio di eventi cardiovascolari rispetto a quelli del gruppo 1.
  • Circa il 16,2% delle persone nel Gruppo 3 (livelli di lipoproteina(a) più bassi e ipertensione) ha avuto eventi di malattie cardiovascolari e il 18,8% dei partecipanti al Gruppo 4 (livelli di lipoproteina(a) più alti e ipertensione) ha avuto eventi di malattie cardiovascolari.

“Abbiamo scoperto che l’enorme quantità di rischio cardiovascolare in questa popolazione diversificata sembra essere dovuta all’ipertensione”, ha detto Rikhi. “Inoltre, gli individui con ipertensione avevano un rischio cardiovascolare ancora più elevato quando la lipoproteina(a) era elevata. Il fatto che la lipoproteina(a) sembri modificare la relazione tra ipertensione e malattie cardiovascolari è interessante e suggerisce importanti interazioni o relazioni tra ipertensione, lipoproteina(a) e malattie cardiovascolari, e sono necessarie ulteriori ricerche”.

Tutti possono migliorare la propria salute cardiovascolare seguendo il  Life’s Essential 8 dell’American Heart Association:  mangiare cibi sani, essere fisicamente attivi, non fumare, dormire a sufficienza, mantenere un peso sano e controllare i livelli di colesterolo, zucchero nel sangue e pressione sanguigna. Le malattie cardiovascolari mietono più vittime ogni anno negli Stati Uniti rispetto a tutte le forme di cancro e malattie respiratorie inferiori croniche messe insieme , secondo l’American Heart Association.

Lo studio presentava dei limiti, tra cui un potenziale bias di selezione da parte dei partecipanti – potenzialmente sproporzionati da uno dei quattro sottogruppi – che abbandonavano perché lo studio era a lungo termine. Inoltre, i partecipanti allo studio potrebbero aver sviluppato ipertensione durante il periodo di follow-up, il che potrebbe aver portato a una classificazione errata.

I coautori sono Harpreet S. Bhatia, MD; Christopher Schaich, PhD; Nicklaus Ashburn, MD, MS; David Herrington, MD, MPH; Michael Y. Tsai, PhD; Erin D. Michos, MD, MHS; Parag Chevli, MBBS, MS; Sotirios Tsimikas, MD; e Michael D. Shapiro, DO, MCR Le rivelazioni degli autori sono elencate nel manoscritto.

Lo studio è stato finanziato attraverso sovvenzioni del National Heart, Lung, and Blood Institute e del National Center for Advancing Translational Sciences, entrambi divisioni del National Institutes of Health.

Le dichiarazioni e le conclusioni degli studi pubblicati nelle riviste scientifiche dell’American Heart Association sono esclusivamente quelle degli autori dello studio e non riflettono necessariamente la politica o la posizione dell’Associazione. L’Associazione non rilascia alcuna dichiarazione o garanzia in merito alla loro accuratezza o affidabilità. L’Associazione riceve finanziamenti principalmente da privati; anche le fondazioni e le società (comprese quelle farmaceutiche, i produttori di dispositivi e altre società) effettuano donazioni e finanziano programmi ed eventi specifici dell’Associazione. L’Associazione ha politiche rigorose per evitare che queste relazioni influenzino il contenuto scientifico. I ricavi delle aziende farmaceutiche e biotecnologiche, dei produttori di dispositivi e dei fornitori di assicurazioni sanitarie e le informazioni finanziarie generali dell’Associazione sono disponibili qui .

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: