Donne e diabete

Un semplice esame del sangue mostra risultati promettenti per lo screening di complicanze della gravidanza comuni e pericolose

Gli acidi grassi a catena corta rilevati nei campioni di sangue possono fornire biomarcatori per complicazioni come il diabete gestazionale e la preeclampsia

Gli scienziati dell’Università di Ningbo, in Cina, hanno identificato biomarcatori che potrebbero fornire un sistema di allerta precoce per tre complicazioni comuni e pericolose della gravidanza: pre-eclampsia, diabete gestazionale e una condizione del fegato chiamata colestasi intraepatica. Tutte e tre le condizioni sono pericolose; la diagnosi e il trattamento precoci sono fondamentali per prevenire esiti negativi e conseguenze per tutta la vita. Le loro cause non sono completamente comprese, né lo è la loro connessione con il microbioma intestinale, che è influenzato dalla gravidanza e dalle condizioni correlate alla gravidanza. Un team guidato dal dott. Siqian Chen dell’Affiliated Hospital of Medical School ha deciso di indagare se cambiamenti specifici nel microbioma, rilevati utilizzando i livelli di acidi grassi a catena corta,

“Abbiamo analizzato e correlato la distribuzione degli acidi grassi a catena corta durante la gravidanza normale e durante tre tipi specifici di gravidanza complicata, diabete gestazionale, pre-eclampsia e colestasi intraepatica”, ha affermato il dottor Rongrong Xuan, autore senior dello studio, pubblicato oggi nelle frontiere della microbiologia cellulare e delle infezioni . “I prodotti metabolici della flora intestinale, gli acidi grassi a catena corta, durante la gravidanza sono strettamente correlati a queste complicazioni della gravidanza. Possono essere usati come potenziali marcatori di complicanze della gravidanza”.

Correlazioni con complicanze

Il team ha reclutato 112 donne che sono state divise in quattro gruppi: quelle che hanno avuto gravidanze sane e quelle a cui è stata diagnosticata la preeclampsia, il diabete gestazionale o la colestasi intraepatica. Per evitare di confondere l’analisi, sono stati esclusi i pazienti a cui era stato precedentemente diagnosticato il diabete o condizioni mediche correlate, avevano altri sintomi gastrointestinali o stavano assumendo farmaci che potrebbero influenzare il microbioma intestinale. Chen e colleghi hanno raccolto storie mediche e campioni di sangue che sono stati analizzati per i livelli di sette acidi grassi a catena corta: acido acetico, propionico, butirrico, isobutirrico, isovalerico ed esanoico.

“Abbiamo utilizzato una metabolomica mirata per eseguire un’analisi degli acidi grassi a catena corta sierici di donne in gravidanza con diabete gestazionale, pre-eclampsia e colestasi intraepatica e donne di controllo sane abbinate”, ha affermato Xuan.

Hanno trovato diversi validi candidati per i biomarcatori tra gli acidi grassi a catena corta, in particolare l’acido isobutirrico. Tutti e tre i gruppi di donne che hanno avuto le complicanze specificate hanno mostrato livelli elevati di acido isobutirrico. I pazienti con diabete gestazionale e pre-eclampsia avevano anche livelli elevati di acido isovalerico, acetico e propionico, gli ultimi due potenzialmente a causa della dislipidemia, squilibrio dei lipidi nel sangue.

Al contrario, le donne con diagnosi di colestasi intraepatica avevano livelli molto più bassi di tutti gli acidi grassi a catena corta eccetto l’acido isobutirrico, ei loro livelli di acido esanoico erano fortemente correlati alla loro malattia. Il team ha suggerito che i livelli più bassi di acidi grassi a catena corta in generale potrebbero essere dovuti a una minore abbondanza di flora nel microbioma intestinale, mentre l’acido esanoico potrebbe essere collegato all’infiammazione correlata.

Prevenzione futura

Il diabete gestazionale, la pre-eclampsia e la colestasi intraepatica sono responsabili di morbilità e mortalità significative: biomarcatori che potrebbero rilevare precocemente queste condizioni e consentire un trattamento precoce salverebbero vite umane.

Sebbene questa ricerca dovrà essere ampliata e testata per l’uso clinico, gli autori attendono con impazienza il lavoro futuro che esamini il microbioma fecale per determinare quanto sia stretta la correlazione tra il microbioma e i livelli di acidi grassi a catena corta, così come gli studi che incorporano dati sui fattori dello stile di vita che potrebbero influenzare il microbioma e l’analisi del microbiota nel tratto genitale.

“Questo è il primo studio retrospettivo che collega gli acidi grassi a catena corta ai rischi di tre tipi di complicanze della gravidanza”, ha affermato Xuan. “Pone le basi per la prevenzione delle malattie legate alla gravidanza in futuro.”

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: