Batticuore

Pur comprendendo le cause delle malattie cardiovascolari, non tutti riconoscono i propri rischi

Adv

Sebbene molte persone sappiano cosa aumenta il rischio di malattie cardiovascolari, come gli attacchi di cuore, non tutti riconoscono i propri fattori di rischio. Lo dimostra un nuovo studio su 423 svedesi di età compresa tra 40 e 70 anni, che è stato ora pubblicato sulla rivista scientifica Preventive Medicine Reports .

Adv

Il modo in cui le persone percepiscono una malattia influisce anche sul loro atteggiamento nei confronti dell’azione preventiva. Uno studio ha indagato su ciò che gli svedesi di età compresa tra 40 e 70 anni sanno sulle cause degli attacchi di cuore e sulle loro convinzioni su quanto possono influenzare il proprio rischio personale. I risultati mostrano un alto livello di consapevolezza tra i partecipanti sull’impatto causale di fattori di rischio come obesità, ipertensione, fumo e mancanza di esercizio sulle  . Tuttavia, le persone con quei fattori di rischio erano meno convinte del nesso causale tra il proprio fattore di rischio e l’infarto.

Il sondaggio ha esaminato un campione casuale di 423 membri del pubblico svedese. Secondo Åsa Grauman, autrice principale del documento Preventive Medicine Reports , lo studio mostra come varia la percezione delle malattie cardiovascolari da parte delle persone. È influenzato dalla loro età, sesso,  e, cosa interessante, se hanno personalmente conosciuto  per malattie cardiache.

“La capacità di una persona di trovare, comprendere e utilizzare  e prendere decisioni basate su tali informazioni, influisce sui suoi atteggiamenti. Questo è importante, perché i risultati hanno anche mostrato che il modo in cui un individuo ha percepito la malattia ha influenzato la sua disponibilità a partecipare ai controlli sanitari. Influisce anche sul modo in cui vogliono ricevere i risultati dei test da tali controlli sanitari”, afferma Åsa Grauman, postdoc presso il Center for Research Ethics & Bioethics dell’Università di Uppsala.

I partecipanti hanno visto il fumo, l’ipertensione e l’obesità come le cause più importanti di infarti del miocardio, più comunemente noti come attacchi di cuore. Tuttavia, circa un quinto degli intervistati non era a conoscenza del fatto che il diabete è un fattore di rischio per le malattie cardiovascolari. Il sesso non ha avuto alcun effetto sulla visione del fattore di rischio più importante per le malattie cardiovascolari quando si trattava della propria salute. Tuttavia, più donne hanno indicato lo stress come il fattore di rischio più importante, mentre gli uomini tendevano a scegliere sovrappeso/obesità. Gli intervistati che hanno riferito di avere essi stessi un fattore di rischio, come fumo, ipertensione, obesità o mancanza di attività fisica, tendevano a porre meno enfasi su quel fattore di rischio specifico rispetto agli altri partecipanti. Sorprendentemente, è stato riscontrato il contrario per lo stress.

Secondo Åsa Grauman, i risultati sottolineano l’importanza di affrontare la percezione delle persone di una malattia quando si progettano la comunicazione sanitaria e gli interventi preventivi. Ad esempio, i risultati mostrano che gli individui che percepiscono uno scarso controllo personale sul rischio di avere un infarto erano meno disposti a ricevere raccomandazioni sullo stile di vita. Ciò significa adattare la progettazione dei  e il modo in cui i risultati dei test vengono condivisi con i partecipanti in seguito. Ma sottolinea anche la necessità di sviluppare metodi per promuovere una percezione accurata della malattia, sottolineando che ci sono cose che gli individui possono fare da soli per ridurre il rischio di avere un  . Salute in aumento l’alfabetizzazione è un mezzo per incoraggiare le persone a intraprendere azioni preventive ed evitare rischi nella loro vita quotidiana.

“Il messaggio da portare a casa più importante di questo studio è che il rischio di malattie cardiovascolari può essere modificato e migliorato dai cambiamenti dello stile di vita. Questo è vero anche, e forse ancora più importante, per le persone con una storia familiare di malattie cardiovascolari. Questo è vero il messaggio che dobbiamo comunicare al pubblico”, afferma Åsa Grauman.


Åsa Grauman et al, Public perceptions of myocardial infarction: Do illness perceptions predict preferences for health check results, Preventive Medicine Reports (2022). DOI: 10.1016/j.pmedr.2021.101683