ADA 2022 Sport e movimento

#ADA2022 L’esercizio di qualsiasi tipo aumenta il time in range del diabete di tipo 1

Adulti con diabete di tipo 1 avevano un controllo glicemico significativamente migliore nei giorni in cui si esercitavano, indipendentemente dal tipo di esercizio, rispetto ai giorni in cui erano inattivi, secondo uno studio prospettico su quasi 500 individui.

Diversi tipi di esercizio, come allenamenti aerobici, allenamento a intervalli o allenamento di resistenza, possono avere effetti glicemici immediati diversi negli adulti con diabete di tipo 1 (T1D), ma l’impatto del tipo di esercizio sulla percentuale di tempo in cui i pazienti diabetici mantengono il glucosio nel L’intervallo di 70-180 mg/dL nei giorni in cui sono attivi rispetto a quelli inattivi non è stato ben studiato, ha affermato Zoey Li in una presentazione alle sessioni scientifiche annuali dell’American Diabetes Association.

Nello studio Type 1 Diabetes Exercise Initiative (T1DEXI), la signora Li e colleghi hanno esaminato i dati del monitoraggio continuo del glucosio (CGM) di 497 adulti con T1D. Lo studio osservazionale ha incluso adulti autoreferenziali di età pari o superiore a 18 anni che convivevano con T1D da almeno 2 anni. I partecipanti sono stati assegnati a programmi di esercizio aerobico (definito come frequenza cardiaca target del 70%-80% del massimo previsto per l’età), esercizio a intervalli (definito come frequenza cardiaca a intervalli dell’80%-90% del massimo previsto per l’età), o esercizio di resistenza (definito come affaticamento del gruppo muscolare dopo tre serie da otto ripetizioni).

I partecipanti hanno completato gli allenamenti a casa tramite video di 30 minuti almeno sei volte durante il periodo di studio di 4 settimane. Il disegno dello studio prevedeva un obiettivo di attività di almeno 150 minuti a settimana, inclusi i video e l’attività abituale auto-riferita, come camminare. I dati sono stati raccolti attraverso un’app progettata per lo studio, un cardiofrequenzimetro e un CGM.

I ricercatori hanno confrontato i livelli di glucosio nei giorni in cui i partecipanti hanno riferito di essere attivi rispetto ai giorni in cui erano sedentari. L’obiettivo dello studio era di valutare l’effetto del tipo di esercizio sul tempo trascorso con il glucosio nell’intervallo di 70-180 mg/dL, definito come tempo nell’intervallo (TIR).

L’età media dei partecipanti era di 37 anni; L’89% era bianco. La durata media del diabete era di 18 anni e l’ emoglobina A1c media era del 6,6%. “Un incredibile 95% erano attualmente utenti di monitoraggio continuo del glucosio [CGM]”, ha affermato la signora Li, statistica presso il Jaeb Center for Health Research di Tampa, in Florida.

Un totale di 398 partecipanti ha riportato almeno un giorno di esercizio e un giorno sedentario, per un totale di 1.302 giorni di esercizio e 2.470 giorni sedentari.

Nel complesso, il TIR medio era significativamente più alto nei giorni di esercizio rispetto ai giorni sedentari (75% contro 70%, P <.001). Anche il tempo mediano al di sopra di 180 mg/dL era significativamente inferiore nei giorni di esercizio rispetto ai giorni sedentari (17% contro 23%, P <.001) e i livelli medi di glucosio erano inferiori di 10 mg/dL nei giorni di esercizio (145 mg/ dL vs. 155 mg/dL)

“Tutto questo è arrivato con un leggero colpo al loro tempo al di sotto del range”, ha osservato la signora Li. Il tempo mediano al di sotto di 70 mg/dL è stato dell’1,1% nei giorni di esercizio rispetto allo 0,4% nei giorni sedentari ( P <.001). La percentuale di giorni con eventi ipoglicemici era maggiore nei giorni di esercizio rispetto ai giorni sedentari (47% contro 40%, P <.001), poiché sono correlati a un tempo inferiore a 70 mg/dL, ha aggiunto.

Le differenze per il livello medio di glucosio e TIR tra i giorni di esercizio e i giorni sedentari erano significative per ciascuno dei tre tipi di esercizio, ha detto la signora Li.

“Dopo aver stabilito queste tendenze glicemiche, abbiamo esaminato se ci fossero fattori che influenzassero le differenze glicemiche nei giorni di esercizio rispetto ai giorni sedentari”, ha detto la signora Li.

Indipendentemente dal tipo di esercizio, dall’età, dal sesso, dal basale A1c, dalla durata del diabete, dall’indice di massa corporea, dalla modalità di insulina , dall’uso di CGM e dalla percentuale di tempo al di sotto dell’intervallo nelle ultime 24 ore, si è verificato un TIR più elevato e un’ipoglicemia più elevata nei giorni di esercizio rispetto al sedentario giorni.

Sebbene lo studio fosse in parte limitato dal disegno osservazionale, “con questi dati, possiamo comprendere meglio i benefici e gli svantaggi glicemici dell’esercizio negli adulti con diabete di tipo 1”, ha affermato la signora Li.

Non dimenticare gli effetti negativi dell’esercizio

“È noto che i tre tipi di esercizio possono modulare i livelli di glucosio. Questo può essere molto utile quando si tenta di ridurre i livelli di glucosio eccessivamente alti e quando si incoraggiano le persone a impegnarsi in attività fisica frequente, regolare e costante e esercizio per il cardiovascolare generale salute polmonare e muscoloscheletrica”, ha detto in un’intervista Helena W. Rodbard, MD, endocrinologa in uno studio privato a Rockville, Maryland.

“Tuttavia, non era noto quali effetti avrebbero avuto vari tipi di esercizio sul tempo nell’intervallo (70-180 mg/dL) e nel tempo al di sotto dell’intervallo (< 70 mg/dL) misurato su un intero periodo di 24 ore nelle persone con diabete tipo 1”, ha detto Rodbard, che non è stato coinvolto nello studio.

“Sono rimasto sorpreso di vedere che l’effetto dei tre diversi tipi di esercizio era così simile”, ha osservato Rodbard. “C’erano stati rapporti precedenti che suggerivano che il corso temporale del glucosio potrebbe essere diverso per questi tre tipi di esercizio”.

L’attuale studio conferma la conoscenza precedente che l’esercizio fisico può aiutare a ridurre la glicemia e aumentare il TIR, ha affermato Rodbard. Lo studio mostra che il TIR aumenta di circa 5-7 punti percentuali (circa 1 ora al giorno) e riduce la glicemia media di 9-13 mg/dl indipendentemente dai tre tipi di esercizio”, ha affermato. il rischio di aumentare l’ipoglicemia al di sotto di 70 mg/dl era meno probabile per l’esercizio di resistenza che per i tipi di esercizi aerobici o intervallati”, ha osservato.

Per quanto riguarda la ricerca aggiuntiva, “Questo studio non ha affrontato i vari modi in cui si possono mitigare gli effetti potenzialmente deleteri dell’esercizio, in particolare con riferimento ai tassi di ipoglicemia, anche lieve ipoglicemia biochimica sintomatica”, ha affermato Rodbard. “Poiché la quantità di tempo effettiva inferiore a 70 mg/dL è solitamente così piccola (0,3%-0,7% dei 1.440 minuti della giornata, o circa 5-10 minuti al giorno in media), è difficile da misurare e c’è notevole variabilità tra persone diverse”, ha sottolineato. “Trovare modi ottimali e solidi per ottenere coerenza nella riduzione del glucosio, tra giorni all’interno dei soggetti e tra soggetti, richiederà un ulteriore esame di vari tipi di protocolli per la dieta, l’esercizio e la somministrazione di insulina e di vari metodi per l’educazione del paziente ,”

Lo studio è stato sostenuto in parte dal Leona M. e Harry B. Helmsley Charitable Trust. La signora Li e Rodbard non hanno avuto conflitti finanziari da rivelare. Rodbard fa parte del comitato consultivo editoriale di Clinical Endocrinology News.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: