Donne e diabete

E’ ora di cambiare il modo

Adv

In cui viene diagnosticato il diabete gestazionale potrebbe ridurre i danni alle madri e ai bambini

Uno studio del Liggins Institute su oltre 4.000 donne neozelandesi incinte suggerisce che il paese può migliorare la salute dei bambini e ridurre i rischi medici per le madri cambiando il modo in cui viene diagnosticato il diabete gestazionale. Lo studio ha valutato il valore dell’abbassamento della soglia di zucchero nel sangue per la diagnosi.

I ricercatori dell’Università di Auckland hanno testato il livello di zucchero nel sangue attualmente utilizzato ad Aotearoa, in Nuova Zelanda, per diagnosticare il diabete che può svilupparsi durante la gravidanza rispetto a un livello inferiore comunemente usato all’estero.

“Il trattamento per il diabete gestazionale migliora la salute di madri e bambini, ma non è chiaro quale livello di zucchero nel sangue dovrebbe essere utilizzato per fare la diagnosi”, afferma la ricercatrice capo, la professoressa Caroline Crowther.

Il diabete gestazionale, o diabete sviluppato durante la gravidanza, è in aumento ad Aotearoa ea livello internazionale, afferma la professoressa Caroline Crowther del Liggins Institute. Credito: Università di Auckland

Un totale di 4.061 donne sono state randomizzate nei due gruppi diagnostici.

Nel gruppo in cui è stata utilizzata la soglia di zucchero nel sangue più bassa, il doppio delle donne è stato diagnosticato con diabete gestazionale e trattato: il 15,3% delle donne (310 su 2022) rispetto al 6,1% delle donne (124 su 2039) nel sangue più alto -gruppo soglia zucchero).

Nel complesso, la possibilità di avere un bambino nato più grande del previsto per la sua gestazione, che può causare complicazioni durante il parto , l’esito principale dello studio, pubblicato sul New England Journal of Medicine il 18 agosto, non era diversa tra i gruppi.

I bambini nati da madri nel gruppo diagnostico della glicemia bassa avevano maggiori probabilità di essere trattati per la glicemia bassa dopo la nascita e le donne avevano maggiori probabilità di avere indotto il travaglio, ricevere cure farmaceutiche per il diabete e utilizzare più servizi sanitari rispetto alle donne nel gruppo diagnostico della glicemia più alta.

“Questi risultati sono stati guidati dalle differenze osservate nelle 373 (9,2%) donne con diabete gestazionale lieve a cui è stato diagnosticato e trattato il diabete se sono state assegnate al gruppo con soglia inferiore (n = 195) ma che non sono state diagnosticate e quindi non trattati per il diabete se sono stati assegnati al gruppo con soglia più alta (n = 178)”, afferma il professor Crowther.

In queste donne c’erano importanti benefici per la loro salute e quella dei loro bambini. Una condizione pericolosa, la pre-eclampsia, era meno comune nelle donne nel gruppo diagnosticato e trattato (0,5% contro 5,6%).

La nascita di un bambino nato più grande del previsto per la sua gestazione è stata ridotta nel gruppo con glicemia più bassa rispetto al gruppo con glicemia più alta (6,2% contro 18,0%). Ciò era collegato a un ridotto rischio di complicazioni alla nascita.

“Nel sottogruppo trattato abbiamo riscontrato meno occasioni di distocia della spalla, una complicanza alla nascita in cui le spalle di un bambino più larghe del normale rimangono bloccate nel bacino durante il parto, rispetto al sottogruppo non trattato (0,5% contro 3,9%)” dice il professor Crowther.

Come nell’intera popolazione dello studio, le donne con diabete gestazionale lieve che è stato diagnosticato utilizzando la soglia di zucchero nel sangue più bassa e quindi trattate, hanno ricevuto più interventi sanitari e utilizzato più servizi sanitari rispetto alle donne nel gruppo diagnostico più elevato. I loro bambini avevano maggiori probabilità di essere trattati per bassi livelli di zucchero nel sangue dopo la nascita (27,2% contro 9,0%), probabilmente perché venivano monitorati più da vicino.

“Questa ricerca aiuterà a risolvere la domanda chiave persistente su quali soglie diagnostiche dovrebbero essere utilizzate per il diabete gestazionale”, afferma il professor Frank Bloomfield, direttore di Liggins.

Il prossimo passo sarà seguire le madri ei bambini poco prima dell’inizio della scuola per valutare gli effetti delle due diverse soglie diagnostiche sulla loro salute e benessere successivi.

Il diabete gestazionale è un grave problema sanitario mondiale con implicazioni immediate e per tutta la vita per le donne colpite e i loro bambini. I ricercatori di Liggins stimano che oltre il 6% delle donne o circa 3800 all’anno sviluppi il diabete durante la gravidanza, con sovrarappresentate donne Maori, del Pacifico e asiatiche.

Ci sono disparità nell’accesso allo screening. Uno studio del 2017 nella Baia di Plenty ha rilevato un numero significativamente inferiore di donne Maori sottoposte a screening per il diabete in gravidanza rispetto ad altre etnie.

Il professor Crowther sta anche conducendo un altro studio, che dovrebbe essere completato a breve, che offrirà prove su quali livelli di zucchero nel sangue dovrebbero essere presi di mira negli sforzi per controllare al meglio i livelli di zucchero nel sangue nelle madri con diabete gestazionale .


Ulteriori informazioni: Caroline A. Crowther et al, Criteri glicemici inferiori rispetto a criteri glicemici superiori per la diagnosi del diabete gestazionale, New England Journal of Medicine (2022). DOI: 10.1056/NEJMoa2204091

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: