Donne e diabete

Modi e modi di essere influencer

Adv

Il metabolismo del grasso materno nelle prime fasi della gravidanza e la crescita addominale del feto influenzino il peso e l’adiposità del bambino entro i 2 anni di età.

Una nuova ricerca dimostra come il metabolismo del grasso materno nelle prime fasi della gravidanza e la crescita addominale del feto influenzino il peso e l’adiposità del bambino entro i 2 anni di età.

 

  • Lo studio, in sei paesi, ha seguito 3.500 bambini e le loro madri dalla prima gravidanza all’infanzia
  • La crescita dell’addome fetale è influenzata dai metaboliti lipidici del sangue della madre molto presto durante la gravidanza
  • Sia la crescita dell’addome fetale che i metaboliti lipidici del sangue della madre molto presto durante la gravidanza influenzano il peso e il grasso corporeo del bambino a 2 anni di età
  • I risultati potrebbero portare a un’identificazione precoce dei bambini a rischio di sovrappeso e obesità, uno dei problemi di salute pubblica globale più urgenti

Un nuovo studio, condotto da ricercatori dell’Università di Oxford, Regno Unito, in collaborazione con l’Università della California, Berkeley, USA, pubblicato oggi su Lancet Diabetes & Endocrinology , identifica, già al 5 ° mese di gravidanza, i pattern addominali fetali crescita associata ai metaboliti lipidici materni che tracciano la crescita, l’adiposità e lo sviluppo del neonato nell’infanzia. Questi modelli di crescita fetale sono anche associati al flusso sanguigno e al trasferimento di nutrienti da parte della placenta, dimostrando una complessa interazione tra nutrizione materna e fetale all’inizio della gravidanza che influenza il peso postnatale e, infine, la salute dell’adulto.

I ricercatori hanno monitorato la crescita all’interno dell’utero di oltre 3.500 bambini in sei paesi (Brasile, Kenya, Pakistan, Sud Africa, Tailandia e Regno Unito) utilizzando ecografie fetali seriali durante la gravidanza e analizzato campioni di sangue prelevati dalle donne all’inizio gravidanza e dal cordone ombelicale alla nascita. Hanno quindi monitorato la crescita e lo sviluppo dei bambini fino ai 2 anni di età.

José Villar, Professor of Perinatal Medicine at the University of Oxford, who co-led the study said: ‘This is the first comprehensive evidence, across geographic populations, of the complex interaction between maternal and fetal metabolism that regulates, early in pregnancy, unique fetal trajectories linked specifically to weight, adiposity and development during childhood. The study complements our previous  work that identified fetal head growth trajectories associated with different developmental, behavioural, visual and growth outcomes at 2 years of age.  In simple terms: the growth of babies’ bodies and brain track separately and early – while still within the womb’.

Aris Papageorghiou, professore di medicina fetale all’Università di Oxford, che ha co-diretto lo studio, ha dichiarato: “Lo studio è unico per molte ragioni. Ogni gravidanza è stata accuratamente datata mediante ecografia a meno di 14 settimane di gestazione; tutti i feti sono stati scansionati con lo stesso tipo di ecografo ogni 5 settimane; e specialisti in ecografia e pediatria in tutto il mondo sono stati formati per misurare la crescita fetale e infantile in modo standardizzato utilizzando apparecchiature identiche’.

“Si è detto molto sull’importanza dei primi 1000 giorni di vita nel determinare i futuri risultati di salute. Questo studio fornisce prove di modelli distinti di crescita addominale fetale e trasferimento placentare e di come si relazionano con la salute a lungo termine. La scoperta di un’associazione con il metabolismo lipidico materno all’inizio della gravidanza fornisce anche informazioni uniche su come la salute e la dieta della madre influenzino l’adiposità del bambino’.

Stephen Kennedy, Professore di Medicina della Riproduzione presso l’Università di Oxford, che ha co-diretto lo studio, ha dichiarato: “Questo studio fondamentale ha fornito nuove preziose informazioni sulle origini biologiche dell’obesità infantile, che è uno dei problemi di salute pubblica più urgenti che devono affrontare governi di tutto il mondo. I risultati potrebbero contribuire a una più precoce identificazione dei bambini a rischio di obesità. I responsabili politici devono prendere atto di questi risultati nei loro sforzi per prevenire l’imminente epidemia di obesità con tutte le sue probabili conseguenze sociali ed economiche negative’.

Il documento integra il lavoro pubblicato dagli stessi gruppi nel 2021 che ha identificato traiettorie di crescita della testa fetale associate a diversi esiti di sviluppo, comportamentali, visivi e di crescita a 2 anni di età. Molto importante, in entrambi gli studi, lo stesso periodo critico vicino al 5 ° mese di gravidanza è il punto di partenza per una crescita fetale accelerata o decelerata che si mantiene nella prima infanzia. 

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: