EASD 2021 2022

#EASD2022 Diabete tipo 1: differenze di sesso nella cura e nei risultati sui bambini e adolescenti

Adv

Le ragazze con diabete di tipo 1 tendono ad avere un controllo della glicemia peggiore, hanno maggiori probabilità di essere ricoverate in ospedale con gravi complicazioni, richiedono dosi di insulina più elevate e riferiscono una qualità della vita complessiva più scarsa, specialmente durante l’adolescenza

Una nuova ricerca presentata all’incontro annuale dell’Associazione europea per lo studio del diabete (EASD) di quest’anno a Stoccolma, Svezia (19-23 settembre), suggerisce che le ragazze con diabete di tipo 1 (T1DM) hanno un controllo metabolico più scarso rispetto ai ragazzi e affrontano più complicazioni .

La revisione sistematica che sintetizza tutte le prove disponibili sulle differenze di sesso nella cura e nei risultati di bambini e adolescenti (di età pari o inferiore a 18 anni) è di Silvia de Vries dei centri medici dell’Università di Amsterdam nei Paesi Bassi e colleghi.

” Migliorare la consapevolezza del diabete di tipo 1 nelle giovani donne è fondamentale per ridurre al minimo le disparità nelle cure e ridurre la probabilità di complicazioni pericolose per la vita più avanti nella vita, come malattie cardiache e insufficienza renale”, afferma De Vries. ” I nostri risultati di preoccupanti disuguaglianze richiedono sforzi urgenti e mirati, come una maggiore sorveglianza delle disparità di sesso nella pratica clinica quotidiana e la prevenzione del rischio cardiovascolare, campagne di sensibilizzazione sulla chetoacidosi diabetica appropriate al sesso e screening della qualità della vita su misura per le ragazze adolescenti”.

Il T1DM è la malattia cronica più comune nell’infanzia , che colpisce circa 1,1 milioni di bambini e adolescenti in tutto il mondo [1] . Nelle persone con T1DM, il sistema immunitario attacca erroneamente le cellule produttrici di insulina nel pancreas, in modo che il corpo produca poca o nessuna insulina e i livelli di zucchero nel sangue aumentino pericolosamente. Per rimanere in vita, le persone con T1DM devono iniettare l’ormone insulina per il resto della loro vita.

Il T1DM può essere particolarmente pericoloso perché spesso non c’è diagnosi fino a quando non si sono sviluppati sintomi gravi e talvolta pericolosi per la vita. L’età più giovane alla diagnosi e la maggiore durata della malattia aumentano i rischi di complicanze a lungo termine come insufficienza renale, attacchi cardiaci, ictus, danni ai nervi, cecità, problemi vascolari e ridotta aspettativa di vita .

Sono state riscontrate differenze di sesso nell’assistenza cardiovascolare e negli esiti tra i pazienti adulti con DM1. Le donne con T1DM hanno un rischio in eccesso di circa il 40% in più di morte per qualsiasi causa e il doppio del rischio in eccesso di eventi vascolari fatali e non fatali, rispetto agli uomini con T1DM [2]. Tuttavia, non è noto se il sesso influenzi la cura e gli esiti nei bambini.

Per saperne di più, De Vries e colleghi hanno condotto una revisione sistematica di studi osservazionali in tutto il mondo che indagano le differenze di sesso nelle caratteristiche del paziente e della malattia, il trattamento, le comorbidità e le complicanze nei bambini con T1DM (di età pari o inferiore a 18 anni) , fino a giugno 2021. Su 8.640 articoli identificato, nella revisione sono stati inclusi 90 studi che riportavano risultati importanti rilevanti per il processo di cura quotidiana.

L’analisi dei dati di 89.700 bambini ha mostrato che in 7 studi su 10 l’indice di massa corporea (BMI) era più alto nelle ragazze. Risultati simili sono stati osservati per le ragazze adolescenti (7 studi, 33.153 bambini), con livelli di sovrappeso o obesità e dislipidemia ( livelli malsani di colesterolo o altri lipidi nel sangue) più elevati nelle ragazze rispetto ai ragazzi.

Gli studi incentrati sul controllo della glicemia, uno dei più importanti indicatori di complicanze a lungo termine, hanno rivelato un quadro simile. I livelli medi di zucchero nel sangue ( emoglobina A1c) erano fino a 6,4 mmol/mol più alti nelle ragazze durante il trattamento (21 studi tra cui 144.613 giovani). Allo stesso modo, questa differenza era presente alla diagnosi e negli studi che riportavano un aumento della glicemia media nel tempo.

Inoltre, le ragazze hanno utilizzato la terapia con microinfusore per insulina (6 studi, 211.324 giovani) più spesso e avevano bisogno di dosi di insulina più elevate.

Anche le comorbidità associate al diabete come la malattia della tiroide e la celiachia erano più comuni nelle giovani femmine.

Le ragioni esatte alla base di questo divario nel controllo metabolico tra ragazze e ragazzi non sono chiare, ma alcune prove suggeriscono che i normali cambiamenti nel corpo delle ragazze durante la pubertà rendono più difficile per loro tenere sotto controllo il diabete. Tuttavia, alcune differenze sembrano essere presenti prima della pubertà e possono essere causate da differenze precoci nella composizione corporea e nella distribuzione del grasso. Inoltre, le differenze comportamentali tra ragazzi e ragazze durante l’infanzia possono svolgere un ruolo.

Otto studi (3.561 giovani) che hanno esaminato la grave complicanza della chetoacidosi diabetica (DKA) hanno trovato risultati simili con DKA alla diagnosi. La DKA durante il trattamento, così come la DKA più grave che richiedeva il ricovero in ospedale, erano più comuni nelle ragazze.

La chetoacidosi diabetica deriva da una terapia insulinica insufficiente o da un’infezione che porta a un pericoloso accumulo di acido nel sangue a causa dell’eccesso di zucchero nel sangue. Quando è grave, la DKA può richiedere il ricovero in ospedale per la reintegrazione di liquidi e la terapia insulinica e può portare a un coma diabetico o addirittura alla morte.

Gli autori ipotizzano che la maggiore incidenza di DKA alla diagnosi possa essere un segno che le differenze di sesso sono già presenti nelle primissime fasi della malattia. La progressione della malattia e la presentazione dei sintomi iniziali possono variare tra i sessi. Anche una differenza nell’interpretazione di quei segni iniziali da parte degli operatori sanitari e del team di trattamento può svolgere un ruolo e deve essere affrontata.

D’altra parte, alcuni studi hanno dimostrato che l’ipoglicemia (ipoglicemia; basso livello di zucchero nel sangue) e la remissione parziale del diabete si verificavano più spesso nei ragazzi.

L’analisi dei dati di 15 studi che hanno coinvolto 8.722 bambini e adolescenti ha rilevato che tutti gli studi hanno riportato una qualità di vita complessiva inferiore nelle ragazze adolescenti. I risultati hanno anche indicato che le ragazze sono particolarmente vulnerabili al disagio correlato al diabete e alla paura dell’ipo .

” Il miglioramento dei meccanismi di risposta alla malattia e della qualità della vita durante questo periodo vulnerabile può essere una strategia importante per migliorare il controllo glicemico e ridurre il rischio di complicanze ” , afferma De Vries . “ A tutti i giovani con diabete di tipo 1 dovrebbe essere offerta un’assistenza adattata alle loro esigenze individuali in modo che siano in grado di gestire la loro condizione in modo efficace. Con la giusta cura e supporto in atto, non c’è motivo per cui ragazze e ragazzi con diabete di tipo 1 non possano vivere vite ugualmente lunghe e sane”.

Gli autori riconoscono che i risultati si basano su studi osservazionali, quindi non è possibile trarre conclusioni dirette sulla relazione causale tra sesso e risultati studiati. Notano inoltre che il loro scopo era identificare le differenze di sesso nell’attuale cura del diabete pediatrico, con il potenziale risultato di una sottorappresentazione degli studi con risultati neutri, che potrebbe limitare la conclusione che si può trarre.


Note :

[1] Home (idf.org)
[2] https://www.thelancet.com/ journals/landia/article/ PIIS2213-8587(14)70248-7/ fulltext

Adv

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: