Tecno

Nuovo dispositivo per la diagnosi precoce delle malattie gengivali

I ricercatori dell’Università di Birmingham stanno sviluppando un test rapido per le malattie gengivali e si aspettano che la tecnologia, una sonda da utilizzare in ambienti point of care come studi dentistici o farmacie, svolga un ruolo fondamentale nella diagnosi precoce di malattie cardiache o polmonari , diabete di tipo 2 e artrite reumatoide. 

La malattia gengivale (parodontale) è causata da un’infezione delle gengive ed è la principale causa di perdita dei denti. Diventa più comune con l’età e il 50% dei sessantenni avrà una malattia parodontale almeno in forma lieve. 

Tuttavia, la malattia gengivale non trattata ha anche effetti gravi e ad ampio raggio sul resto del corpo, dove si correla con una risposta infiammatoria che influenza il decorso della malattia in altre condizioni. 

Nel diabete di tipo 2 aumenta il rischio di insufficienza cardiaca, nelle malattie cardiovascolari aumenta il rischio di ictus o insufficienza cardiaca, nell’artrite reumatoide aumenta la gravità della malattia e nell’enfisema (noto anche come broncopneumopatia cronica ostruttiva o BPCO) , aumenta il rischio di cambiamenti irreversibili nella gravità della malattia.  

Per le persone con queste condizioni, la diagnosi precoce e il trattamento delle malattie gengivali è una priorità.  

La malattia gengivale viene solitamente identificata sulla poltrona del dentista, quando gli igienisti dentali o i dentisti cercano indicatori come movimento dei denti, sensibilità, sanguinamento o gonfiore delle gengive. 

Il professor Tim Albrecht della School of Chemistry dell’Università e la dott.ssa Melissa Grant della School of Dentistry hanno ideato una nuova tecnica che potrebbe fornire una valutazione rapida e accurata sia della presenza che dell’estensione della malattia gengivale da un campione di saliva che può essere prelevato in qualsiasi contesto sanitario.  

Il loro metodo consiste in una sonda speciale e un rilevatore che fornisce una misurazione quantitativa di biomarcatori che indicano sia la presenza di malattie gengivali che la sua gravità. Il pannello dei biomarcatori è stato identificato e convalidato da un team di ricercatori del  Periodontal Research Group dell’università e pubblicato all’inizio di quest’anno sul Journal of Clinical Periodontology

I ricercatori hanno ricevuto finanziamenti dall’EPSRC Impact Acceleration Account per sviluppare un prototipo di questo nuovo dispositivo, che dovrebbe essere disponibile entro un anno.  

Il professor Albrecht ha dichiarato: “Riteniamo che il dispositivo che stiamo prototipando sarà la prima sonda dentale in grado di identificare la malattia parodontale in questo modo. Rileverà la parodontite in modo rapido e semplice in una varietà di contesti sanitari, aprendo opportunità di monitoraggio e di intervento precoce nei pazienti con comorbidità, che trarrebbero il massimo beneficio da un trattamento rapido per la parodontite”.

Il dottor Grant ha affermato: “La capacità di rilevare e profilare i biomarcatori della malattia in tempo reale consentirà il monitoraggio della gravità della malattia e in particolare la transizione tra forme più lievi e più gravi di malattie gengivali. Ciò andrà a beneficio non solo della salute dentale, ma ridurrà anche i costi e catturerà i pazienti per i quali il trattamento parodontale potrebbe, a lungo termine, salvare la vita”.  

A lungo termine, si aspettano di sviluppare una sonda abbastanza piccola da poter essere inserita nello spazio tra gengive e denti, consentendo ai dentisti di raccogliere liquidi da aree specifiche della bocca e identificare con precisione il sito dell’infezione.  

L’Università di Birmingham Enterprise ha depositato domande di brevetto riguardanti la sonda e il rilevatore e il loro utilizzo nel rilevamento e nel monitoraggio delle malattie e accoglierà con favore discussioni con le aziende che desiderano concedere in licenza la tecnologia o collaborare al suo sviluppo. 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: