Mangiare e bere

Un caffè fa bene a te e a me

Un nuovo sondaggio rivela che la maggior parte dei dietisti europei ritiene che un consumo moderato di caffè abbia evidenti benefici per la salute

  • Il 62% ritiene che bere caffè con moderazione abbia evidenti benefici per la salute
  • L’86% ha convenuto che l’assunzione regolare e moderata di caffè migliora la vigilanza e il 67% ha convenuto che il consumo di caffè è associato a un miglioramento delle prestazioni sportive complessive
  • Tuttavia, sono state identificate lacune nella conoscenza per quanto riguarda le associazioni tra l’assunzione di caffè e le principali malattie non trasmissibili

Martedì 22 novembre: Un nuovo rapporto della Federazione Europea delle Associazioni dei Dietisti (EFAD), supportato dall’Istituto per l’Informazione Scientifica sul Caffè (ISIC), ha rivelato che quasi due terzi (62%) dei dietisti europei credono che bere caffè con moderazione ha chiari benefici per la salute, con l’86% che concorda sul fatto che un’assunzione regolare e moderata può migliorare la vigilanza e il 69% concorda che un’assunzione regolare e moderata è associata a un miglioramento delle prestazioni sportive complessive.

Il sondaggio è stato completato da 585 dietisti di 26 paesi europei che hanno un contatto diretto con pazienti/clienti e fornisce nuove informazioni sull’attuale consapevolezza e atteggiamenti nei confronti del consumo di caffè dal punto di vista sanitario.

Con oltre 2 miliardi di tazze di caffè gustate ogni giorno in tutto il mondo 1 , la ricerca emergente sul suo ruolo prospettico nella salute ha suggerito un possibile “effetto protettivo” in relazione a una serie di malattie non trasmissibili, in particolare quelle con una componente infiammatoria 2 . Mentre una comprensione dettagliata dell’associazione esatta rimane poco chiara, il caffè continua a essere una considerazione importante per gli operatori sanitari quando si considerano gli aspetti di uno stile di vita salutare.

Gli approfondimenti chiave del sondaggio tra i dietisti europei includono:

  • La maggior parte dei dietisti (62%) ritiene che un consumo moderato di caffè abbia alcuni chiari benefici per la salute, ma le potenziali associazioni tra consumo di caffè e salute non sono ampiamente conosciute dal grande pubblico
  • Il caffè rimane una bevanda popolare in tutta Europa, con il 43% che riferisce di consumare rispettivamente fino a 3 tazze al giorno e 3-5 tazze al giorno, livelli di assunzione in linea con le attuali raccomandazioni dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) 3
  • Il 62% dei dietisti intervistati ha riconosciuto un’associazione positiva con aspetti delle prestazioni mentali e fisiche, tra cui un miglioramento della vigilanza (86%), un miglioramento dell’umore (61%), un miglioramento delle prestazioni sportive complessive (69%) e ha convenuto che il caffè può essere benefico prima della esercizio (51%). Questi risultati riflettono un precedente sondaggio ISIC sui consumatori condotto durante il blocco del 2020 4
  • Le associazioni tra l’assunzione di caffè e le principali malattie non trasmissibili non sono così note, con solo il 36% che associa positivamente un consumo moderato di caffè a un ridotto rischio di malattie cardiovascolari (CVD), il 30% a un ridotto rischio di diabete di tipo 2 e il 42% a un ridotto rischio di condizioni neurodegenerative. Ciò è in contrasto con il peso delle prove scientifiche che suggeriscono potenziali effetti benefici in tutte e tre le aree della malattia 5-9 , molte delle quali sono riassunte su coffeeandhealth.org
  • Cautela nel livello di consumo è stata osservata in alcune popolazioni, comprese quelle che vivono con disturbi gastrointestinali (54%). La ricerca attuale in relazione ai disturbi gastrointestinali non mostra alcuna associazione tra l’assunzione di caffè e una serie di disturbi gastrici 10,11 . Ulteriori ricerche suggeriscono anche che i polifenoli presenti nel caffè possono indurre cambiamenti positivi nella composizione dei “batteri buoni” che supportano il sistema immunitario 12

Per leggere il rapporto completo, intitolato “Le prospettive dei dietisti europei sul consumo di caffè”, fare clic qui .


Note a corredo

  • Dei 585 destinatari, 329 hanno riferito di essere attualmente impiegati in servizi clinici, tra cui oncologia, diabete, gestione del peso, gastroenterologia, geriatria, pediatria, terapia intensiva, servizi di ricovero, chirurgia, allergie e intolleranze alimentari. I restanti 256 dichiarano un’occupazione attuale nello sport, nell’istruzione, nel benessere, nei servizi di ristorazione e/o sono liberi professionisti
  • Paesi inclusi, Austria, Belgio, Croazia, Cipro, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Irlanda, Italia, Lituania, Lussemburgo, Paesi Bassi, Macedonia del Nord, Polonia, Portogallo, Romania, Slovenia, Spagna, Svezia , Svizzera, Turchia e Regno Unito
  • Il parere scientifico sulla sicurezza della caffeina dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) afferma che 400 mg di caffeina (circa 3-5 tazze di caffè) al giorno possono essere considerati sicuri per la maggior parte degli individui adulti. Una tazza di caffè in genere fornisce circa 75 mg di caffeina al giorno
  • Informazioni di contatto del team dell’ufficio stampa ISIC: isic.kaizo@kaizo.co.uk

Informazioni sull’EFAD

Fondata nel 1978. La Federazione europea delle associazioni dei dietisti (EFAD) è un’organizzazione no-profit che mira ad essere “La voce della dietetica europea”, sostenendo il ruolo guida dei dietisti registrati nell’impatto positivo sulla salute nutrizionale di i loro clienti, pazienti e la comunità in generale e garantire che ogni cittadino europeo abbia accesso a interventi dietetici e nutrizionali sicuri e appropriati.

I membri dell’EFAD rappresentano più di 35.000 dietisti registrati, in 28 paesi europei. Oltre ad altri 40 membri associati dell’istruzione provenienti da altri due paesi dell’UE.

Per ulteriori informazioni sull’importante lavoro dell’EFAD, visitare efad.org .

Informazioni sull’ISIC

L’Institute for Scientific Information on Coffee (ISIC) è un’organizzazione senza scopo di lucro fondata nel 1990. ISIC si dedica allo studio e alla divulgazione della scienza relativa al caffè e alla salute, tra cui:

  • Studio di questioni scientifiche relative al caffè e alla salute
  • Valutazione di studi e informazioni scientifiche su caffè e salute
  • Sostegno alla ricerca scientifica indipendente su caffè e salute
  • Divulgazione di prove e conoscenze scientifiche su caffè e salute equilibrate a un’ampia gamma di parti interessate

ISIC rispetta l’etica della ricerca scientifica in tutte le sue attività e tutte le comunicazioni di ISIC si basano su solide basi scientifiche e si basano su studi scientifici derivati ??da riviste scientifiche peer-reviewed e altre pubblicazioni.

I membri di ISIC sono sei delle principali aziende europee di caffè: illycaffè , Jacobs Douwe Egberts , Lavazza , Nestlé , Paulig e Tchibo .

Per ulteriori informazioni su ISIC e per visualizzare le ultime ricerche su caffè, caffeina e salute, visitare il nostro nuovo sito web www.coffeeandhealth.org .

Su Twitter: @coffeeandhealth .

Riferimenti

  1. British Coffee Association (BCA). (2022). Il caffè è la bevanda più popolare al mondo con circa due miliardi di tazze consumate ogni giorno. Disponibile su: https://britishcoffeeassociation. org/consumo-di-caffè/ .
  2. Ribeiro M, et al. (2022). L’odore e il gusto magici: il caffè può essere buono per i pazienti con malattie cardiometaboliche? Recensioni critiche in scienze alimentari e nutrizione. DOI: 10.1080/10408398.2022.2106938.
  3. Gruppo di esperti scientifici sui prodotti dietetici, l’alimentazione e le allergie (NDA) dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA). (2015). Parere scientifico sulla sicurezza della caffeina. E FSA ufficiale . 13(5):4102.
  4. Istituto per l’Informazione Scientifica sul Caffè (ISIC). (2022). L’eredità del lockdown sul benessere mentale e il ruolo del caffè a sostegno dell’umore. Disponibile su: https://www. coffeeandhealth.org/information-campaign/legacy-of-lockdown-on-mental-wellbeing-and-the-role-of-coffee-to-support-mood .
  5. Crippa A, et al. (2014). Consumo di caffè e mortalità per tutte le cause, malattie cardiovascolari e cancro: una meta-analisi dose-risposta. Am J Epidemial. 180(8):763-75.
  6. Carlstrom M & Larsson SC. (2018). Consumo di caffè e ridotto rischio di sviluppare il diabete di tipo 2: una revisione sistematica con meta-analisi. Nutr Revs. 76(6):395-417
  7. Rodriguez Artalejo F & Lopez García E. (2017). Consumo di caffè e malattie cardiovascolari: una rassegna condensata di prove e meccanismi epidemiologici. J Agric Fd Chem. 66(21):5257-63.
  8. O’Keefe JH, et al. (2018). Caffè per cardioprotezione e longevità. Prog Cardiovasc Dis . 61(1):38-42
  9. Nehlig A. (2016). Effetti del caffè/caffeina sulla salute e sulla malattia del cervello: cosa devo dire ai miei pazienti? Pratica Neurol . 16(2):89-95.
  10. Boekema P.J. (1999). Caffè e funzione gastrointestinale: realtà e finzione. Una recensione. Scand J Gastroenterol. 230:35-9.
  11. Shimamoto T, et al. (2013). Nessuna associazione tra consumo di caffè e ulcera gastrica, ulcera duodenale, esofagite da reflusso e malattia da reflusso non erosiva: uno studio trasversale su 8.013 soggetti sani in Giappone. PLoS One. 8(6):e65996.
  12. Nehlig A. (2022) Effetti del caffè sul tratto gastrointestinale: revisione narrativa e aggiornamento della letteratura. Nutrienti . 14( 2):399.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: