Terapie

Dimentichi sempre di prendere le tue medicine? Ecco 4 cose che potrebbero aiutare

L’assunzione regolare di medicinali è comune e non è insolito che le persone saltino una dose occasionale o la prendano al di fuori della normale finestra temporale. Dimenticare di fare qualcosa è normale, ma nel caso dei medicinali, dimenticarsi di assumerli all’ora prescritta può avere effetti negativi sulla salute .

Secondo una stima , circa la metà della popolazione di persone che assumono farmaci regolari non li prende come prescritto. Si tratta di un’interruzione della comunicazione? Una mancanza di comprensione della loro importanza? Dimenticanza?

In linea di massima, le ragioni per non assumere i farmaci prescritti possono essere suddivise in due tipi: intenzionali e non intenzionali.

Non intenzionale è quando un paziente intende seguire il regime prescritto ma non lo fa a causa di fattori al di fuori del suo controllo, tra cui dimenticanza, difficoltà a comprendere le istruzioni di dosaggio o il costo.

Ma per alcuni, un paziente decide consapevolmente di non seguire il regime prescritto. Ciò potrebbe essere dovuto a effetti collaterali o alla mancata convinzione della necessità del medicinale.

L’assunzione di farmaci è complessa perché ogni persona è unica e le sfide per l’assunzione di farmaci da parte di ciascuna persona possono variare in modo significativo. La strategia più efficace è quella che considera anche il motivo per cui una persona non sta prendendo la sua medicina. Quali sono alcune delle strategie di supporto disponibili e sono effettivamente utili?

Scatole per pillole

I metodi più comunemente usati per supportare l’aderenza ai farmaci sono strategie organizzative come i contenitori per pillole dei giorni della settimana.

Mani che prendono le pillole da un contenitore.

Questi sono funzionali se un paziente deve assumere molti farmaci diversi.

Ma non sono sempre adatti: se l’utente non riempie correttamente il contenitore o non si ricorda di ritirare la confezione preriempita (chiamata Webster-pak, blister o scatola della dose) dalla farmacia, questo semplice intervento diventa rapidamente inefficace .

Una scatola per farmaci con molti scomparti

Alcuni medicinali non possono essere imballati perché la loro stabilità è compromessa dal reimballaggio e i pazienti con problemi di vista o destrezza possono avere difficoltà a utilizzare questi contenitori.

Quindi, sebbene siano un suggerimento efficace, semplici segnali di promemoria come i contenitori per pillole dei giorni della settimana potrebbero non essere l’ideale per tutti.

Allarmi

Gli allarmi preimpostati sono un altro metodo di promemoria comunemente utilizzato.

Tuttavia, questa strategia non è infallibile e la letteratura mostra che molti pazienti saltano dosi di farmaci quando non sono di routine perché spengono l’allarme inconsciamente quando sono occupati con un altro compito.

Gli allarmi promemoria sembrano essere efficaci solo quando sono interattivi o personalizzati.

Schizzo di una macchina per tablet automatizzata: un dispositivo rotondo con lucchetto

Ad esempio, in una comoda combinazione di entrambi i metodi di cui sopra, ora puoi acquistare distributori automatici di pillole con allarmi che si attivano a orari prestabiliti e si fermano solo quando il farmaco viene rimosso.

Questi possono essere particolarmente utili per chi ha problemi di memoria come la demenza. Tuttavia, non sono economici, costano poche centinaia di dollari l’uno e quindi non saranno accessibili a tutti.

App mobili

L’ultimo aggiornamento di Apple iOS ti consente di tenere traccia dei tuoi farmaci e programmare promemoria.

Le app di promemoria sui farmaci sono state inizialmente sviluppate per supportare gli anziani e le persone con malattie croniche necessarie per gestire più farmaci.

Ma ora sono stati accolti come un supporto adeguato per chiunque desideri gestire autonomamente i propri farmaci, compresi quelli a breve termine come gli antibiotici.

Telefono con promemoria pillola sullo schermo

Forniscono informazioni specifiche sulla salute semplici e pratiche e supportano l’assunzione di farmaci attraverso l’automazione.

Secondo il Royal Australian College of General Practitioners , a molti pazienti piace ricevere promemoria tramite un’app e li aiuta a ricordare di prendere le medicine.

Sebbene le piattaforme differiscano leggermente, la premessa generale è che un paziente inserisce in modo indipendente il programma di assunzione dei farmaci e di ricarica delle prescrizioni e l’app genera quindi promemoria automatici per il paziente.

L’unico aspetto negativo è che, come qualsiasi notifica, possono essere facilmente ignorati o ignorati.

Accatastamento delle abitudini

Quando la nostra giornata cambia, ad esempio se usciamo per il brunch e di solito prendiamo le nostre medicine con la colazione, o un visitatore inatteso arriva alla consueta ora delle compresse pre-pranzo delle 11, spesso dimentichiamo i nostri farmaci. È qui che “l’accumulo di abitudini” può essere utile.

Sebbene l’accumulo di abitudini sia un approccio relativamente nuovo per promuovere l’assunzione di farmaci, è stato ripetutamente dimostrato che la formazione di abitudini supporta efficacemente il benessere . Associare l’assunzione di farmaci a un comportamento che non cambia di giorno in giorno, come lavarsi i denti o togliersi le scarpe quando si entra in casa, può aiutare a ricordare i farmaci.

Alcuni altri esempi di accumulo di abitudini per supportare l’assunzione di farmaci possono includere:

• routine di igiene – doccia, barba, deglutizione

• dopo cena relax – tazza e medicine

• mantra mattutino quando esci di casa: chiavi, telefono, portafoglio, medicine.

Cos’altro possiamo fare?

Siamo tutti unici, quindi per assicurarci di prendere effettivamente le nostre medicine dobbiamo trovare ciò che funziona per noi e considerare perché in realtà non le stavamo prendendo in primo luogo.

Promemoria, gadget, accumulo di abitudini o una combinazione possono aiutare. Abbiamo bisogno di strategie in grado di adattarsi agli imprevisti.


Articolo ripubblicato da The Conversation, sotto una licenza Creative Commons, per leggere l’articolo originale clicca qui.

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: