Terapie

Choose

Lascia che il paziente scelga il proprio farmaco per il diabete di tipo 2, afferma uno studio di ricerca

Un nuovo studio su larga scala offre un nuovo approccio al trattamento del diabete di tipo 2, che mette i pazienti a capo dei propri farmaci.

Un nuovo studio su larga scala offre un nuovo approccio al trattamento del diabete di tipo 2, che mette i pazienti a capo dei propri farmaci. Lo studio Trimaster è il primo a consentire alle persone con diabete di tipo 2 di scegliere il proprio farmaco, dopo aver provato tre diversi farmaci in successione. Ha concluso che l’approccio potrebbe essere un nuovo modo di trovare il miglior trattamento.

I ricercatori dell’Università di Exeter hanno condotto lo studio finanziato dal Medical Research Council, che ha fornito alle persone con diabete di tipo 2 tre farmaci comunemente prescritti, ciascuno per un periodo di 16 settimane a turno. Durante lo studio, i ricercatori hanno monitorato l’effetto di ciascun farmaco sui livelli di glucosio e sul peso dei 448 pazienti e hanno registrato gli effetti collaterali. Alla fine dello studio, ora pubblicato su Nature Medicine, i pazienti dovevano scegliere il farmaco che funzionava meglio per loro. Il loro farmaco scelto non solo ha abbassato il glucosio in modo più efficace, ma ha anche provocato un minor numero di effetti collaterali.

L’autore principale, il dottor Beverley Shields , dell’Università di Exeter, ha dichiarato: “Ottenere il giusto trattamento per il diabete è fondamentale per ottenere i migliori risultati e mantenere una buona qualità della vita. Il nostro studio è il primo a invitare le persone con diabete di tipo 2 a provare farmaci comuni in successione, per vedere quale funziona meglio per loro. È interessante notare che abbiamo scoperto che il trattamento scelto dalle persone era solitamente quello che dava loro il miglior controllo della glicemia, anche prima che conoscessero quei risultati.

Al partecipante Tim Keehner, del North Devon, è stato diagnosticato il diabete di tipo 2 15 anni fa. L’esperto di marketing è stato arruolato nello studio perché il suo livello di zucchero nel sangue era troppo alto.

“Mi hanno dato tre farmaci. I primi due non hanno funzionato affatto per me, anzi, uno di loro mi ha fatto sentire ancora peggio. Per fortuna, dal primo momento in cui ho preso il terzo farmaco, mi sono sentito diverso: avevo più energia e sapevo che era il farmaco giusto per me. Ci sono ancora oggi e sono in grado di praticare tutti gli sport che amo: è fantastico”.

Il diabete di tipo 2 colpisce più di quattro milioni di persone nel Regno Unito ed è una delle principali cause di malattia e morte. Rappresenta anche il 10% della spesa del SSN. I problemi associati al diabete possono essere notevolmente ridotti se i livelli di zucchero nel sangue vengono abbassati. Un certo numero di farmaci diversi agisce per ridurre la glicemia e, sebbene nel complesso siano altrettanto efficaci, i singoli pazienti varieranno in termini di quanto il farmaco abbassa la glicemia e gli effetti collaterali che hanno. Scegliere il farmaco giusto per un paziente è difficile.

Il consulente per il diabete, il professor Andrew Hattersley CBE , dell’Università di Exeter, che ha supervisionato la ricerca, ha dichiarato: “Questo è il primo studio in cui lo stesso paziente ha provato tre diversi tipi di farmaci ipoglicemizzanti, consentendo loro di confrontarli direttamente e poi scegliere quale è meglio per loro. Abbiamo dimostrato che seguire la scelta dei pazienti si traduce in un migliore controllo del glucosio e minori effetti collaterali rispetto a qualsiasi altro approccio. Quando non è chiaro quale sia il farmaco migliore da usare, i pazienti dovrebbero provare prima di scegliere. Sorprendentemente, questo approccio non è mai stato provato prima.”

I tre farmaci somministrati ai pazienti nello studio erano sitagliptin, canagliflozin e pioglitazone.

Lo studio è intitolato “Preferenza del paziente per le terapie di seconda/terza linea nel diabete di tipo 2: risultati dello studio incrociato a tre vie randomizzato in doppio cieco TriMaster” ed è pubblicato su Nature Medicine . La collaborazione includeva la Royal Devon University Healthcare NHS Foundation Trust, le università di Oxford, Glasgow e Dundee, la Exeter NIHR Clinical Trials Unit e 24 ospedali in tutto il Regno Unito.

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: