Batticuore Terapie

Alcuni benefici, potenziali rischi con farmaci alternativi per l’insufficienza cardiaca

La nuova dichiarazione scientifica dell’American Heart Association delinea la ricerca sulle terapie complementari e alternative per l’insufficienza cardiaca

Punti salienti della dichiarazione:

  • Ci sono alcuni benefici e rischi potenzialmente gravi quando le persone con insufficienza cardiaca utilizzano trattamenti complementari e alternativi per gestire i sintomi.
  • Le persone con insufficienza cardiaca dovrebbero informare il proprio team sanitario, compresi i farmacisti, se stanno utilizzando trattamenti da banco o altri trattamenti, come integratori a base di erbe o programmi di esercizi, diversi da quelli prescritti da un operatore sanitario.
  • Gli operatori sanitari dovrebbero chiedere ai pazienti terapie alternative durante le visite cliniche, fornire indicazioni sui loro rischi e benefici e identificare se è possibile integrarle in modo sicuro nel piano di assistenza.
  • Pratiche come lo yoga e il tai-chi sono utili per le persone con insufficienza cardiaca e gli acidi grassi polinsaturi omega-3 possono avere benefici per alcuni. Tuttavia, ci sono problemi di sicurezza con altri rimedi o integratori da banco comunemente usati, come la vitamina D, il cohosh blu e il mughetto.

DALLAS, 8 dicembre 2022 – Ci sono alcuni benefici e rischi potenzialmente gravi quando le persone con insufficienza cardiaca usano medicine complementari e alternative (CAM) per gestire i sintomi, quindi coinvolgere il team sanitario è importante per la sicurezza, secondo un nuovo americano Dichiarazione scientifica della Heart Association pubblicata oggi sulla rivista Circulation , fiore all’occhiello dell’Associazione .

Si stima che 6 milioni di persone di età pari o superiore a 20 anni negli Stati Uniti soffrano di insufficienza cardiaca , una condizione che si verifica quando il cuore non funziona normalmente. La dichiarazione, “Medicine complementari e alternative nella gestione dell’insufficienza cardiaca”, valuta l’efficacia e la sicurezza delle terapie CAM utilizzate per il trattamento dell’insufficienza cardiaca. Secondo la dichiarazione, si stima che oltre il 30% delle persone con insufficienza cardiaca negli Stati Uniti utilizzi medicine complementari e alternative.

La dichiarazione definisce la terapia di medicina complementare e alternativa come pratiche mediche, integratori e approcci che non sono conformi agli standard delle linee guida pratiche convenzionali basate sull’evidenza. I prodotti complementari e alternativi sono disponibili senza prescrizioni o guida medica presso farmacie, negozi di alimenti naturali e rivenditori online.

“Questi prodotti non sono regolamentati a livello federale e sono disponibili per i consumatori senza dover dimostrare l’efficacia o la sicurezza per soddisfare gli stessi standard dei farmaci soggetti a prescrizione medica”, ha affermato il presidente del comitato di redazione delle dichiarazioni scientifiche Sheryl L. Chow, Pharm.D., FAHA , professore associato di pratica e amministrazione farmaceutica presso la Western University of Health Sciences di Pomona, in California, e professore associato di medicina presso l’Università della California a Irvine. “Le persone raramente comunicano al proprio team sanitario l’uso di integratori o altre terapie alternative se non espressamente richiesto, e potrebbero non essere a conoscenza della possibilità di interazioni con medicinali soggetti a prescrizione medica o altri effetti sulla loro salute. La combinazione di non regolamentato,

Esempi di terapie complementari e alternative che i pazienti con scompenso cardiaco potrebbero utilizzare includono integratori come Co-Q10, vitamina D, Ginkgo, succo di pompelmo, artiglio del diavolo, alcol, aloe vera e caffeina o pratiche come lo yoga e il tai-chi . Il gruppo di redazione delle dichiarazioni ha esaminato la ricerca pubblicata prima di novembre 2021 sulla CAM tra le persone con insufficienza cardiaca.

Il gruppo di scrittura delle dichiarazioni consiglia agli operatori sanitari di chiedere ai loro pazienti con insufficienza cardiaca ad ogni visita sanitaria l’uso di terapie complementari e alternative e di parlare delle potenziali interazioni farmacologiche, dei benefici e dei potenziali effetti collaterali della CAM. Inoltre, suggeriscono che i farmacisti siano inclusi nel team sanitario multidisciplinare per fornire consulenze sull’uso di terapie complementari e alternative per le persone con insufficienza cardiaca.

Le terapie alternative che possono beneficiare le persone con insufficienza cardiaca includono:

  • Gli acidi grassi polinsaturi omega-3 (PUFA, olio di pesce) hanno la più forte evidenza tra gli agenti complementari e alternativi di beneficio clinico nelle persone con insufficienza cardiaca e possono essere usati in modo sicuro, con moderazione, in consultazione con il proprio team sanitario. I PUFA Omega-3 sono associati a un minor rischio di sviluppare insufficienza cardiaca e, per coloro che hanno già insufficienza cardiaca, miglioramenti nella capacità di pompaggio del cuore. Sembra esserci un aumento correlato alla dose della fibrillazione atriale (un ritmo cardiaco irregolare), quindi dovrebbero essere evitate dosi di 4 grammi o più.
  • Lo yoga e il Tai Chi, oltre al trattamento standard, possono aiutare a migliorare la tolleranza all’esercizio e la qualità della vita e diminuire la pressione sanguigna.

Nel frattempo, si è scoperto che alcune terapie hanno effetti dannosi, come le interazioni con i comuni farmaci per l’insufficienza cardiaca e i cambiamenti nella contrazione cardiaca, nella pressione sanguigna, negli elettroliti e nei livelli di fluidi:

  • Mentre bassi livelli ematici di vitamina D sono associati a peggiori esiti di insufficienza cardiaca, l’integrazione non ha mostrato benefici e può essere dannosa se assunta con farmaci per l’insufficienza cardiaca come digossina, calcio-antagonisti e diuretici.
  • L’integratore a base di erbe cohosh blu, dalla radice di una pianta fiorita che si trova nelle foreste di latifoglie, potrebbe causare una frequenza cardiaca accelerata chiamata tachicardia, ipertensione, dolore toracico e può aumentare la glicemia. Può anche diminuire l’effetto dei farmaci assunti per trattare l’ipertensione e il diabete di tipo 2.
  • Il mughetto, la cui radice, steli e fiore sono usati negli integratori, è stato a lungo usato nell’insufficienza cardiaca lieve perché contiene sostanze chimiche attive simili, ma meno potenti, alla digossina, medicinale per l’insufficienza cardiaca. Può essere dannoso se assunto con digossina causando livelli di potassio molto bassi, una condizione nota come ipokaliemia. Il mughetto può anche causare battito cardiaco irregolare, confusione e stanchezza.

Altre terapie si sono dimostrate inefficaci sulla base dei dati attuali o hanno risultati contrastanti, evidenziando l’importanza che i pazienti abbiano una discussione con un operatore sanitario su eventuali trattamenti non prescritti:

  • L’integrazione di tiamina di routine non si è dimostrata efficace per il trattamento dell’insufficienza cardiaca a meno che qualcuno non abbia questa specifica carenza di nutrienti.
  • La ricerca sull’alcol varia, con alcuni dati che mostrano che bere quantità da basse a moderate (da 1 a 2 bicchieri al giorno) è associato alla prevenzione dell’insufficienza cardiaca, mentre il consumo abituale o l’assunzione di quantità elevate è tossico per il muscolo cardiaco e noto per contribuire allo scompenso cardiaco.
  • Ci sono risultati contrastanti sulla vitamina E. Potrebbe avere qualche beneficio nel ridurre il rischio di insufficienza cardiaca con frazione di eiezione conservata, un tipo di insufficienza cardiaca in cui il ventricolo sinistro non è in grado di riempirsi adeguatamente di sangue tra i battiti cardiaci. Tuttavia, è stato anche associato ad un aumentato rischio di ospedalizzazione nelle persone con insufficienza cardiaca.
  • Il co-Q10, o coenzima Q10, è un antiossidante che si trova in piccole quantità nelle frattaglie, nei pesci grassi e nell’olio di soia e viene comunemente assunto come integratore alimentare. Piccoli studi dimostrano che può aiutare a migliorare la classe di insufficienza cardiaca, i sintomi e la qualità della vita, tuttavia, può interagire con farmaci anti-coagulazione e abbassanti la pressione sanguigna. Sono necessari studi più ampi per comprenderne meglio gli effetti.
  • Il biancospino, un arbusto da fiore, ha dimostrato in alcuni studi di aumentare la tolleranza all’esercizio e migliorare i sintomi di insufficienza cardiaca come l’affaticamento. Eppure ha anche il potenziale per peggiorare l’insufficienza cardiaca e ci sono ricerche contrastanti sul fatto che interagisca con la digossina.

“Nel complesso, sono necessarie più ricerche di qualità e studi controllati randomizzati ben potenziati per comprendere meglio i rischi e i benefici delle terapie di medicina complementare e alternativa per le persone con insufficienza cardiaca”, ha affermato Chow. “Questa dichiarazione scientifica fornisce informazioni critiche agli operatori sanitari che curano le persone con insufficienza cardiaca e può essere utilizzata come risorsa per i consumatori sui potenziali benefici e danni associati ai prodotti della medicina complementare e alternativa”.

Questa dichiarazione scientifica è stata preparata dal gruppo di scrittura di volontari per conto del Comitato di farmacologia clinica dell’American Heart Association e del Comitato per l’insufficienza cardiaca e il trapianto del Council on Clinical Cardiology; il Consiglio di epidemiologia e prevenzione; e il Council on Cardiovascular and Stroke Nursing. Le dichiarazioni scientifiche dell’American Heart Association promuovono una maggiore consapevolezza sulle malattie cardiovascolari e sui problemi di ictus e aiutano a facilitare decisioni sanitarie informate. Le dichiarazioni scientifiche delineano ciò che è attualmente noto su un argomento e quali aree necessitano di ulteriori ricerche. Sebbene le dichiarazioni scientifiche informino lo sviluppo di linee guida, non forniscono raccomandazioni terapeutiche. Le linee guida dell’American Heart Association forniscono le raccomandazioni ufficiali per la pratica clinica dell’Associazione.

Co-authors are Vice Chair Biykem Bozkurt, M.D., Ph.D., FAHA; William L. Baker, Pharm.D., FAHA; Barry E. Bleske, Pharm.D.; Khadijah Breathett, M.D., M.S., FAHA; Gregg C. Fonarow, M.D., FAHA; Barry Greenberg, M.D., FAHA; Prateeti Khazanie, M.D., M.P.H.; Jacinthe Leclerc, R.N., Ph.D., FAHA; Alanna A. Morris, M.D., M.Sc.; Nosheen Reza, M.D.; and Clyde W. Yancy, M.D., FAHA. Authors’ disclosures are listed in the manuscript.

L’Associazione riceve finanziamenti principalmente da privati. Anche le fondazioni e le aziende (comprese quelle farmaceutiche, i produttori di dispositivi e altre società) effettuano donazioni e finanziano programmi ed eventi specifici dell’Associazione. L’Associazione ha politiche rigorose per evitare che queste relazioni influenzino il contenuto scientifico. I ricavi delle aziende farmaceutiche e biotecnologiche, dei produttori di dispositivi e dei fornitori di assicurazioni sanitarie e le informazioni finanziarie generali dell’Associazione sono disponibili qui .

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: