Donne e diabete

Il gene col geo-targeting

Geni del diabete di tipo 2 collegati al diabete gestazionale nelle donne dell’Asia meridionale

Un insieme di geni associati a un rischio più elevato di avere il diabete di tipo 2 potrebbe anche prevedere il rischio di diabete gestazionale nelle donne di discendenza dell’Asia meridionale.

La stessa complessa genetica che contribuisce a un rischio più elevato di diabete di tipo 2 può anche aumentare il rischio di sviluppare il diabete durante la gravidanza tra le donne di discendenza dell’Asia meridionale, come mostra uno studio pubblicato oggi su eLife . 

La scoperta potrebbe portare a nuovi modi per identificare le donne che trarrebbero beneficio da interventi per prevenire il diabete durante la gravidanza.  

Le persone di discendenza dell’Asia meridionale hanno un rischio elevato di sviluppare il diabete di tipo 2. Le donne di questo gruppo hanno anche il doppio delle probabilità di sviluppare una condizione chiamata diabete gestazionale durante la gravidanza rispetto alle donne di origine europea. Ma il motivo per cui gli asiatici del sud sono maggiormente a rischio di queste due condizioni non è attualmente chiaro.

“Solo una manciata di studi ha esaminato il modo in cui i fattori genetici e ambientali interagiscono nel diabete gestazionale nelle donne dell’Asia meridionale”, afferma l’autore principale Amel Lamri, ricercatore associato presso la McMaster University e il Population Health Research Institute (PHRI) in Ontario, Canada. “Nessuno ha esaminato come i geni associati al diabete di tipo 2 possano interagire con i fattori ambientali per contribuire al diabete gestazionale nelle donne dell’Asia meridionale”. 

Per colmare questa lacuna, Lamri e colleghi hanno valutato la relazione tra geni associati al diabete di tipo 2, fattori ambientali e diabete gestazionale. Hanno esaminato se la presenza di firme genetiche legate al rischio di diabete di tipo 2 fosse anche collegata al diabete gestazionale in 837 e 4.372 donne dell’Asia meridionale che hanno partecipato rispettivamente allo studio SouTh Asian BiRth CohorT (START) e allo studio Born in Bradford (BiB). 

Il team ha misurato il rischio genetico di diabete di tipo 2 utilizzando un punteggio di rischio poligenico, che stima il rischio ereditario di un individuo di sviluppare una malattia in base al numero di alleli di rischio che possiede. I ricercatori hanno scoperto che le donne dell’Asia meridionale con punteggi di rischio poligenico del diabete di tipo 2 più elevati avevano anche un rischio più elevato di diabete gestazionale; ogni aumento incrementale del punteggio è stato associato a un aumento del 45% del rischio di sviluppare questa condizione. 

Quando gli scienziati hanno studiato il rischio di diabete gestazionale a livello di popolazione, hanno scoperto che avere un punteggio di rischio poligenico nel terzo più alto spiegava il 12,5% del rischio di sviluppare questa condizione nelle donne dell’Asia meridionale. Quando hanno combinato una storia familiare di diabete di tipo 2 e un punteggio di rischio poligenico nel terzo superiore, ha spiegato il 25% del rischio di sviluppare il diabete gestazionale.  

“Questi risultati mostrano che un punteggio di rischio poligenico per il diabete di tipo 2 più elevato e una storia familiare di diabete sono fortemente e indipendentemente associati al diabete gestazionale nelle donne di discendenza dell’Asia meridionale”, spiega Lamri. 

Gli scienziati hanno anche esaminato se i fattori ambientali modulassero questi fattori di rischio genetici. La maggior parte dei fattori ambientali considerati (con la possibile eccezione dell’indice di massa corporea e della qualità della dieta) non ha alterato in modo significativo il rischio di diabete durante la gravidanza in entrambi gli studi. Ma gli autori notano che gli studi potrebbero non essere stati abbastanza ampi da rilevare effetti ambientali più modesti e che sono necessari ulteriori studi per confermare gli effetti modulatori osservati. 

“I nostri risultati supportano l’idea che il diabete di tipo 2 e il diabete gestazionale condividano un background genetico comune”, conclude l’autore senior Sonia Anand, Michael G. DeGroote Chair in Population Health e scienziato senior presso PHRI, McMaster University e Hamilton Health Sciences . “Se studi futuri confermeranno i nostri risultati, queste informazioni potrebbero aiutare a identificare quali donne trarrebbero maggior beneficio dagli interventi per aiutare a prevenire il diabete durante la gravidanza”. 


A proposito di eLife

eLife trasforma la comunicazione della ricerca per creare un futuro in cui una comunità globale diversificata di scienziati e ricercatori produce risultati aperti e affidabili a beneficio di tutti. Indipendenti, senza scopo di lucro e supportati da finanziatori, miglioriamo il modo in cui la scienza viene praticata e condivisa. Dalle ricerche che pubblichiamo, agli strumenti che costruiamo, alle persone con cui lavoriamo, ci siamo guadagnati una reputazione di qualità, integrità e flessibilità per realizzare un vero cambiamento. eLife riceve sostegno finanziario e guida strategica dall’Howard Hughes Medical Institute , dalla Knut and Alice Wallenberg Foundation , dalla Max Planck Society e da Wellcome . Scopri di più su https://elifesciences.org/about .

Per leggere le ultime ricerche di genetica e genomica pubblicate su eLife, visitare https://elifesciences.org/subjects/genetics-genomics .

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: