Benessere

Gli effetti a catena della pandemia sulla salute sono iniziati. Cosa possiamo fare adesso?

Adv

Per più di due anni, il danno diretto di COVID-19 è stato visibile nei reparti di terapia intensiva traboccanti e nelle tristi statistiche. Ora, alcuni dei suoi effetti indiretti stanno venendo a fuoco.

Gli studi stanno collegando la pandemia a tassi più elevati di malattie cardiache fatali e ictus, decessi per problemi legati alla dipendenza e altro ancora. Le cause esatte di queste connessioni sono ancora in fase di determinazione, affermano gli esperti, ma gli effetti potrebbero essere di lunga durata.

Con la salute del cuore , parte del problema è che le persone spesso evitano o ritardano il trattamento a causa dei timori legati al COVID-19, ha affermato il dottor Donald Lloyd-Jones, cardiologo, epidemiologo e presidente di medicina preventiva presso la Northwestern University Feinberg School of Medicine di Chicago.

“Le persone hanno perso i contatti con le loro solite fonti di assistenza sanitaria”, ha affermato Lloyd-Jones, presidente dell’American Heart Association. “E abbiamo visto differenze drammatiche nei tassi di controllo della pressione sanguigna, nei tassi di controllo del diabete. Le persone semplicemente non erano in grado di fare il check-in con il proprio medico e conoscere il proprio numero e assicurarsi che quelle cose fossero sotto controllo”.

Il danno di tali cure ritardate non è solo a breve termine, ha affermato. “durerà e avrà effetti a catena per gli anni a venire”.

Lloyd-Jones è stato coautore di uno studio pubblicato di recente su JAMA Network Open che ha mostrato che dopo anni di tendenza al ribasso, il rischio di morire per malattie cardiache o ictus è aumentato nel 2020, il primo anno della pandemia. Anche dopo l’adeguamento per l’ invecchiamento della popolazione , il rischio di morire per malattie cardiache è aumentato del 4,3% e del 6,4% per ictus. Gli aumenti erano più alti tra i neri, che avevano il doppio del rischio di morire per ictus e un rischio cinque volte più alto di morire per malattie cardiache rispetto ai bianchi .

Lo studio ha affermato che i fattori probabili includevano il sovraffollamento degli ospedali, un minor numero di visite per cure mediche , una minore aderenza ai farmaci e maggiori barriere a comportamenti di stile di vita sano.

Quella scoperta era solo una delle tante sull’aumento dei tassi di mortalità durante il primo anno della pandemia.

Uno studio JAMA Neurology sugli iscritti a Medicare di età pari o superiore a 65 anni ha rilevato un aumento del rischio di morte per demenza e morbo di Alzheimer da marzo a dicembre del 2020. Un rapporto dei Centers for Disease Control and Prevention ha rilevato che le donne nere e ispaniche sono morte a un tasso più elevato durante o subito dopo la gravidanza nel 2020 rispetto al 2019. Anche i decessi legati a overdose di alcol e droghe sono aumentati, secondo la ricerca.

La dott.ssa Patricia Best, cardiologa interventista presso la Mayo Clinic di Rochester, Minnesota, ha affermato che le statistiche riflettono le sfide schiaccianti che gli ospedali hanno dovuto affrontare a causa delle ondate di pazienti COVID-19.

Ad esempio, “ci sono stati problemi con i trasporti, in cui le persone non potevano essere spostate da un’ambulanza in un ospedale perché non c’erano letti”, ha detto Best. “E ci sono stati momenti in cui i pazienti aspettavano molto tempo per essere trasferiti da un ospedale all’altro dove c’era un letto per le cure appropriate”.

Anche le cure di routine sono diminuite, ha detto, “perché abbiamo avuto periodi di tempo in cui i pazienti non potevano entrare negli studi del medico”. Oppure chi ha perso il lavoro con l’assicurazione sanitaria non ha potuto vedere un medico o compilare una ricetta a causa del costo.

Ciò ha aggravato le disparità esistenti nelle cure, ha affermato la dott.ssa Connie Tsao, cardiologa del Beth Israel Deaconess Medical Center di Boston.

Non è sufficiente per gli operatori sanitari , ha affermato, istruire semplicemente le persone più private dei diritti a tirarsi fuori da situazioni malsane, come la povertà o la mancanza di accesso a cibo sano. “Penso che si riduca davvero a cosa possono fare le altre persone?” Gli enti governativi e le organizzazioni sanitarie devono creare cambiamenti strutturali, ha affermato Tsao.

Tuttavia, le persone possono adottare misure per proteggersi:

  • Torna in pista con le cure regolari, ora. “È sicuro”, ha detto Lloyd-Jones. “È importante. Rivolgiti al tuo medico, conosci i tuoi numeri e fai un piano su come rimetteremo le cose sotto controllo”.
  • Riavvia routine sane che includono attività fisica, cibo nutriente e sonno adeguato, ha detto Tsao.
  • Se hai a che fare con la dipendenza, l’amministrazione per l’abuso di sostanze e i servizi di salute mentale offre una linea di assistenza nazionale al numero 800-662-HELP (4357) o inviando un SMS con il tuo codice postale a HELP4U (435748).
  • Se tu o una persona cara avete i sintomi di un problema serio, non ignorarli. “Durante la pandemia, abbiamo visto molte persone arrivare molto tardi con i loro attacchi di cuore, dove c’è meno che possiamo fare per questo”, ha detto Best. “E questa è una delle cose che stava aumentando la mortalità.” Le persone dovrebbero chiamare i servizi di emergenza se avvertono fastidio al torace o altri sintomi di infarto o se loro o una persona cara sviluppa sintomi di ictus come viso cadente o difficoltà di parola.
  • Fatti vaccinare. “Se ottieni il tuo vaccino contro il COVID, è meno probabile che tu contrarre il COVID”, ha detto Best. “Ed è meno probabile che tu sia in ospedale con COVID. È meno probabile che tu sia uno dei fattori che sta diminuendo le risorse per tutti gli altri”.
  • De-stress. Lo stress ha un impatto su molti fattori legati al cuore: “sul nostro sonno, sulla nostra pressione sanguigna, sulla nostra capacità di perdere peso”, ha detto Lloyd-Jones. Quando ti alleni, ad esempio, “stai dando al tuo corpo una valvola di scarico per parte di quello stress”. Ristabilire le connessioni sociali ridurrà anche lo stress, ha detto, e aiuterà le persone a “tornare a una vita gioiosa, che fa bene al cuore e al cervello”.
Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: