Benessere

Madre e bambino vulnerabili all’esposizione agli interferenti endocrini

Adv

Possono essere trovati in cosmetici, contenitori di plastica, mobili, giocattoli o biberon. Gli interferenti endocrini, le molecole che distruggono i nostri ormoni, sono ovunque nella nostra vita quotidiana. Tuttavia, i loro effetti allarmanti sulla salute umana sono poco noti al pubblico. Un numero crescente di studi ha dimostrato che l’esposizione a questi contaminanti ambientali durante la gravidanza può portare a problemi di salute a medio e lungo termine sia per la madre che per il feto.

Adv

È quanto hanno dimostrato un gruppo di ricercatori dell’Institut national de la recherche scientifique (INRS), dell’Université TELUQ e della Queen’s University conducendo un’analisi approfondita della letteratura su più di una dozzina dei più comuni interferenti endocrini (DE), così come molti i cui effetti sono meno noti. Si sono concentrati sulle sostanze che hanno dimostrato di influenzare il sistema riproduttivo, il metabolismo e lo sviluppo della ghiandola mammaria durante la gravidanza . Il loro lavoro è riportato in un articolo pubblicato ad aprile sul numero speciale della rivista Environmental Research .

“L’idea era quella di mostrare che, durante il periodo di gravidanza, non c’è solo una persona affetta da interferenti endocrini, ma due. Abbiamo voluto evidenziare la co-sensibilità della madre e del suo bambino a questi contaminanti ambientali che sono ovunque “, afferma la professoressa Isabelle Plante, autrice principale dello studio e ricercatrice in tossicologia ambientale presso l’INRS. È anche co-direttore del Centro Intersettoriale per l’Analisi dei Disturbi Endocrini (ICEDA).

Sconfiggere le barriere di difesa della placenta

La gravidanza è un processo complesso che comporta importanti cambiamenti fisiologici per la madre e il bambino. Questo periodo della vita è regolato da vari ormoni e vie di segnalazione. Si tratta quindi di una finestra di opportunità particolarmente sensibile all’interruzione da parte di contaminanti esterni.

Compilando gli studi esistenti, i ricercatori hanno evidenziato il ruolo della placenta e la sua vulnerabilità agli ED. La placenta è il regolatore della fisiologia materna e dello sviluppo fetale durante la gravidanza. Produce gli ormoni necessari per la gravidanza. Qualsiasi alterazione del suo funzionamento incide sulla salute della madre e del bambino a breve, medio e anche lungo termine. Una placenta malfunzionante può portare a complicazioni di salute più avanti nella vita, come diabete, obesità o altre malattie croniche.

“La vita perinatale, inclusa la gravidanza, è un periodo di sviluppo importante perché è in questo momento che vengono messi in atto meccanismi utili per tutta la vita del bambino e anche della madre. Pertanto, l’alterazione della placenta da parte degli ED può hanno effetti invisibili che saranno osservati solo più avanti nella vita”, spiega la professoressa dell’INRS Cathy Vaillancourt, coautrice dell’articolo, specializzata nell’implicazione dei fattori ambientali sull’endocrinologia della placenta umana. È anche membro del comitato scientifico dell’ICEDA e direttrice del RISUQ.

I ricercatori hanno anche scoperto che l’esposizione precoce della madre a determinati interferenti endocrini può influenzare lo sviluppo delle ghiandole mammarie nei bambini non ancora nati. Questo può renderli più propensi a sviluppare il cancro al seno da adulti. È il caso del bisfenolo A (BPA), che si trova in alcune materie plastiche per uso alimentare, e del dietilstilbestrolo (DES), un estrogeno sintetico ampiamente utilizzato nelle donne per il trattamento della menopausa o per evitare il rischio di complicazioni durante la gravidanza.

L’esposizione agli interferenti endocrini può anche essere collegata al rischio di sviluppare il cancro alla prostata.

Una mancanza di consapevolezza

“Molte donne credono di essere consapevoli degli interferenti endocrini e dei loro effetti sulla salute , ma poche apportano modifiche allo stile di vita”, afferma Plante. “Ad esempio, alcune smettono di truccarsi durante la gravidanza, ma continuano a tingersi i capelli o ad usare lozioni e creme sul corpo”.

Si sospetta che quasi migliaia di molecole interferiscano con i recettori ormonali o la produzione di ormoni, ma ce ne sono sicuramente altre centinaia di migliaia. I ricercatori hanno quindi preso di mira molecole note e altre meno conosciute, come quelle presenti nei liquidi che escono dall’acqua di fracking durante l’esplorazione petrolifera.

“Il messaggio che vogliamo inviare, come scienziati, è che le donne incinte o che vogliono avere figli sono particolarmente vulnerabili agli interferenti endocrini. Devono essere rese consapevoli degli effetti che questi contaminanti possono avere, non solo sulla loro salute, ma anche su quella del loro futuro figlio”, conclude il professor Plante.


Ulteriori informazioni: Isabelle Plante et al, Killing two birds with one fava: la gravidanza è una finestra sensibile per gli effetti endocrini sia sulla madre che sul feto, Environmental Research (2021). DOI: 10.1016/j.envres.2021.112435

Categorie:Benessere

Con tag:,

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.