EASD 2021 2022 Educazione

La perdita di peso nelle prime tre sessioni di programmi per la gestione del medesimo ne predice il successo

Adv
Seguire questa semplice regola empirica consentirebbe di identificare precocemente coloro che potrebbero lottare con la perdita di peso e offrire così un trattamento alternativo

Una nuova ricerca che sarà presentata alla riunione annuale dell’Associazione europea per lo studio del diabete (EASD) a Stoccolma, Svezia (19-23 settembre), ha rilevato che la perdita di peso precoce nelle persone con diabete di tipo 2 (T2D) che frequentano programmi di gestione del peso è un forte indicatore del successo futuro.

Al contrario, è improbabile che le persone con DT2 che non riescono a perdere almeno lo 0,5% del loro peso corporeo dopo le prime tre sessioni di un programma di gestione del peso riescano a raggiungere il loro obiettivo di perdita di peso, la ricerca della sig.ra Lulwa Al-Abdullah , del L’Università di Glasgow, Glasgow, Regno Unito, ha trovato la professoressa Jennifer Logue, della Lancaster University, Lancaster, Regno Unito, e colleghi.

I programmi di gestione del peso comportamentale forniscono supporto sul cambiamento delle abitudini alimentari, dell’attività fisica e del comportamento. Sono spesso gestiti da gruppi commerciali come WW (precedentemente noto come Weight Watchers) e Slimming World e in genere mirano ad aiutare i partecipanti a perdere > 5% del loro peso corporeo in un periodo di circa 12 settimane. I partecipanti ricevono anche consigli sul mantenimento del peso.

“Tali programmi aiutano alcune, ma non tutte, le persone che convivono con l’obesità: circa il 40% non ottiene una perdita di peso significativa “, afferma la signora Al-Abdullah. “Se sapessimo in anticipo quali partecipanti è improbabile che abbiano successo, potremmo passarli ad altri interventi, comprese le opzioni farmacologiche, quando sono ancora altamente motivati”.

Per saperne di più, i ricercatori hanno effettuato un’analisi longitudinale delle cartelle cliniche elettroniche degli adulti che convivono con T2D e obesità riferite al servizio di gestione del peso di NHS Greater Glasgow e Clyde dal 2004 al 2014.

Hanno cercato fattori demografici e clinici che predicessero una perdita di peso di successo.

Ai 1.658 partecipanti (60% donne) era stato diagnosticato il T2D per una mediana di 5,3 anni. Avevano un BMI mediano di 40,2 kg/m2 e un’età media di 57,8 anni.

Un risultato positivo a breve termine è stato definito come la partecipazione a sette sessioni su nove di gestione del peso tenute in 16 settimane e la perdita di > 5% del peso corporeo. 

I partecipanti che hanno mantenuto una perdita di peso >5% tre anni dopo, e che hanno anche avuto un esito positivo a breve termine, sono stati classificati come aventi un esito positivo a medio termine.

333 (20%) dei partecipanti hanno avuto un esito positivo a breve termine. L’unico fattore demografico o clinico associato a un esito positivo a breve termine era la perdita di peso precoce.

Il 90,4% di coloro che hanno perso lo 0,5% del proprio peso dopo le prime tre sessioni (durate nell’arco di quattro settimane) hanno avuto un esito positivo a breve termine.

Nessuno degli altri fattori studiati, inclusi età, sesso, stato socioeconomico, etnia, farmaci per il diabete, HbA1c (livello medio di zucchero nel sangue), è stato associato a un successo a breve termine.

I dati a tre anni erano disponibili su 1.152 partecipanti e il 12,1% (139) di questi ha avuto un esito positivo a medio termine.

Come prima, la perdita di peso precoce era l’unico fattore associato al successo.

L’89,9% di coloro che hanno perso lo 0,5% del proprio peso dopo le prime tre sessioni ha avuto un esito positivo a medio termine a tre anni.

Complessivamente, la soglia di mancato raggiungimento della perdita di peso corporeo dello 0,5% nelle prime tre sessioni è stata accurata al 95% nell’identificare i partecipanti che non avrebbero avuto successo nel programma.

I ricercatori concludono che la perdita di peso precoce è fortemente associata al successo a breve e medio termine e quindi fornisce un modo semplice per identificare, all’inizio, chi è probabile che abbia difficoltà a perdere peso.

Aggiungono che lo schema gestito dal NHS che hanno studiato è simile ad altri programmi nel Regno Unito.

Il professor Logue, che ha guidato la ricerca, afferma : “Attualmente, le persone sono indirizzate a programmi di gestione del peso in un modello ‘taglia unica’ e, se stanno lottando, non hanno altra alternativa che abbandonare gli studi.

“Ciò può avere un impatto più ampio sulla salute, in quanto può peggiorare l’autostigma e i sentimenti di fallimento e provocare riluttanza a visitare gli operatori sanitari in futuro.

“Identificando le persone per le quali un programma non funziona all’inizio del processo, puoi fornire supporto e possibilmente terapie alternative prima che la persona si disimpegni dal trattamento.

“La revisione precoce è una pratica standard nel nostro trattamento di altre condizioni come il diabete e l’ipertensione e i nostri risultati le consentiranno di diventare uno standard nel trattamento dell’obesità”.

La signora Al-Abdullah aggiunge: “È probabile che le prime settimane siano così importanti perché questo è il momento in cui le persone devono adattare i loro comportamenti di acquisto, alimentazione, cucina e attività fisica per seguire qualsiasi cosa il programma raccomanda.

“Avranno anche bisogno di comprendere il programma, avere il sostegno di familiari e amici e potersi permettere il cibo suggerito dalla dieta.

“Questo è un grande cambiamento comportamentale e presuppone anche che non ci siano differenze sottostanti nel controllo dell’appetito e nelle condizioni psicologiche che influenzeranno la loro capacità di apportare questi cambiamenti”.

Adv

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: