Equilibrio

Neutralità corporea: cos’è e come può aiutare a portare a un’immagine più positiva

Costantemente “amare il tuo corpo” – qualunque cosa accada – può sembrare impossibile nel migliore dei casi. Per non parlare del fatto che se fallisci, spesso ti fa sentire ancora peggio con te stesso .

Non sorprende quindi che alcune persone stiano iniziando a rifiutare del tutto questa idea di positività del corpo, sostenendo invece un nuovo modo di pensare, noto come “neutralità del corpo”. Alcuni dei più grandi sostenitori del movimento includono Taylor Swift e l’attrice Jameela Jamil.

La neutralità del corpo è talvolta proposta come una “via di mezzo ” tra i messaggi polarizzanti di amare o odiare il proprio corpo. È rivolto alle persone che sono diventate disilluse dal movimento di positività del corpo e a coloro che trovano troppo difficile amare costantemente il proprio corpo.

Ci sono anche preoccupazioni sul fatto che un approccio alla neutralità del corpo possa in definitiva avere un effetto negativo sull’immagine corporea. Tuttavia, la ricerca mostra quante delle sue idee possono migliorare il tuo benessere se applicate nel modo giusto.

Il termine “neutralità del corpo” è emerso per la prima volta intorno al 2015. Tuttavia, ha guadagnato popolarità nel 2016 quando la consulente Anne Poirier ha iniziato a condurre seminari che miravano ad aiutare i partecipanti a capire che amare il proprio corpo non è sempre un obiettivo realistico.

Secondo Poirier, queste sessioni sono nate dalla consapevolezza che, per alcune persone, “è una specie di salto in lungo per passare alla positività del corpo dall’insoddisfazione”.

Ma la neutralità del corpo è più di una semplice via di mezzo tra amare e odiare te stesso. E ciò che appare in pratica sarà diverso a seconda di ogni persona.

Per alcuni, l’obiettivo della neutralità corporea è cambiare il modo in cui pensano al proprio corpo, o meglio, dedicare meno tempo a pensarci in generale. Questo modo di pensare si basa sulle nozioni di consapevolezza , incoraggiando le persone a “ essere semplicemente ”.

Fondamentalmente, l’obiettivo è esistere all’interno del tuo corpo senza giudicare o avere opinioni forti su come appari. Il movimento ci incoraggia a fare un passo indietro rispetto alle conversazioni sul nostro corpo e sul nostro aspetto, il che a sua volta ci libera di fare le cose che ci piacciono.

In questo senso, la neutralità del corpo riguarda l’accettazione. Il movimento riconosce che potremmo non amare i nostri corpi ogni singolo minuto di ogni giorno, ma sottolinea che non c’è niente di sbagliato in questo. Invece, i sostenitori della neutralità del corpo ci incoraggiano ad accettare i nostri corpi così come sono ea non punirci anche se non siamo ciò che la società considera “perfetti”.

Un gruppo di giovani che eseguono la stessa posa durante una lezione di yoga.
La neutralità del corpo pone l’accento su ciò di cui è capace il tuo corpo, non su come appare. BearFotos/Shutterstock

Altri nel movimento per la neutralità del corpo vogliono cambiare il valore attribuito alla bellezza e all’aspetto nella società. Invece di concentrarci sull’aspetto del nostro corpo e valutare noi stessi solo per il nostro aspetto, la neutralità del corpo ci incoraggia a concentrarci invece su ciò che facciamo con i nostri corpi.

In questo senso, la neutralità del corpo pone l’accento sull’apprezzamento della tua salute e di ciò che il tuo corpo è in grado di fare, non semplicemente sulla valutazione del tuo corpo a causa del tuo aspetto.

Immagine corporea positiva

Dato il brusio intorno alla neutralità del corpo, potrebbe sorprendere apprendere che ci sono state pochissime ricerche sui benefici della neutralità del corpo. Ma alcuni ricercatori temono che, in pratica, la neutralità del corpo possa anche portare a un’immagine corporea più negativa, specialmente se le persone finiscono semplicemente per “tollerare” i loro corpi.

Tuttavia, la neutralità del corpo condivide principi simili con ciò che i ricercatori hanno chiamato ” immagine corporea positiva “. L’immagine corporea positiva generalmente implica prendersi cura del proprio corpo, sentirsi a proprio agio in esso e accettare qualsiasi imperfezione percepita di caratteristiche fisiche uniche. Inoltre pone l’accento sull’apprezzamento del corpo per ciò che è in grado di fare, piuttosto che per ciò che sembra.

Sebbene questo modo di pensare sia molto simile alla neutralità del corpo, i due non sono del tutto uguali. Un modo di pensare a questo è che la neutralità del corpo è una sorta di sosta nel percorso verso un’immagine corporea positiva. Sebbene entrambi enfatizzino l’apprezzamento di ciò che i nostri corpi fanno per noi (piuttosto che di ciò che sembrano), l’immagine corporea positiva implica una cura, un apprezzamento e un rispetto più attivi per i nostri corpi.

Una vasta gamma di prove mostra che un’immagine corporea positiva è associata a una serie di vantaggi. Ad esempio, le persone che apprezzano il proprio corpo hanno maggiori probabilità di adottare abitudini alimentari sane e di impegnarsi in comportamenti che promuovono la salute , come cercare cure preventive contro il cancro.

L’immagine corporea positiva è anche associata a un migliore benessere psicologico , inclusi meno sintomi di depressione, maggiore autostima, maggiore autocompassione e maggiore soddisfazione per la vita.

Il fatto che tu scelga di puntare alla neutralità del corpo o all’immagine corporea positiva dipende in definitiva da te e probabilmente dipenderà molto dalle tue esperienze di vita e dai sentimenti attuali sul tuo corpo. Ci sono una serie di risorse, sia online che stampate, che possono aiutarti a iniziare con la neutralità del corpo o l’immagine corporea positiva .

Ci sono anche molte attività che puoi fare che possono aiutarti a sviluppare un maggiore apprezzamento per il tuo corpo. Conosciute come attività di incarnazione , queste aiutano a promuovere il senso di vivere o abitare i nostri corpi.

Includono la sensazione di connessione e conforto con il corpo, la cura del nostro sé fisico e la resistenza a pensare ai nostri corpi come oggetti. Alcuni esempi di attività di incarnazione includono la danza , lo yoga , la partecipazione a diversi tipi di sport e anche solo una passeggiata nella natura .

Si pensa che le attività di incarnazione conducano all'”incarnazione” – o integrazione mente-corpo – caratterizzata da una sensazione di essere dentro e “uno” con il corpo.

La ricerca mostra che la partecipazione ad attività di incarnazione può promuovere un’immagine corporea più sana. Ad esempio, uno studio ha rilevato che, rispetto ai partecipanti non yoga, i praticanti di yoga avevano un’immagine corporea più positiva e avevano meno probabilità di oggettivare il proprio corpo.

Lasciarsi alle spalle certi modi di pensare al nostro corpo può essere difficile, soprattutto quando ci viene costantemente ricordato che il nostro aspetto conta soprattutto. Cambiare mentalità richiederà tempo ed è normale inciampare lungo la strada. Ma se sei una persona che ha scoperto che la positività del corpo non è stata utile nel cambiare il modo in cui pensi a te stesso, potrebbe valere la pena provare un nuovo modo di pensare.


Articolo ripubblicato da The Conversation, sotto una licenza Creative Commons, per leggere l’articolo originale clicca qui.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: