Batticuore Benessere

Fumo, diabete e obesità – malattie cardiache non preesistenti – rischio maggiore di morte per COVID-19, rileva lo studio

Le persone con malattie cardiovascolari hanno ancora un elevato carico di fattori di rischio per COVID grave.

Uno studio nazionale suggerisce che i fattori di rischio per le malattie cardiovascolari, come l’età, il fumo e il diabete, non malattie cardiache preesistenti, sono i principali fattori che contribuiscono alla morte e agli scarsi risultati per i pazienti affetti da COVID-19 in condizioni critiche.

Un team guidato da ricercatori di Michigan Medicine ha analizzato i risultati di oltre 5.100 pazienti ricoverati in unità di terapia intensiva in 68 centri negli Stati Uniti con COVID grave tra marzo e giugno del 2020. Di questi pazienti, 1.174 avevano una malattia coronarica preesistente o cuore congestizio insufficienza o fibrillazione atriale.

I risultati rivelano che i pazienti con malattie cardiovascolari avevano un tasso di mortalità vicino al 30% più alto rispetto ai pazienti affetti da COVID in condizioni critiche senza la condizione preesistente. Tuttavia, quando si correggeva per i fattori di rischio – tra cui età, sesso, razza, fumo e altri – quella relazione non era più statisticamente significativa. I risultati sono pubblicati in  Circulation: Cardiovascular Quality and Outcomes .

“Il fatto che l’associazione tra malattie cardiovascolari e morte sia stata così fortemente ridotta quando si tiene conto delle comorbidità suggerisce che i fattori di rischio cardiovascolare piuttosto che le malattie cardiache preesistenti sono i principali contributori alla morte in ospedale nei pazienti con COVID-19 grave”, ha affermato l’autore senior  Salim Hayek, MD , assistente professore di medicina interna e direttore medico presso l’  Università del Michigan Health Frankel Cardiovascular Center  Clinics.

Un totale del 34,6% dei pazienti è deceduto entro 28 giorni e quasi il 18% ha subito un evento cardiovascolare, come arresto cardiaco o miocardite. I ricercatori affermano che l’associazione tra tali eventi e la morte non differiva tra i pazienti con e senza malattie cardiache preesistenti.

Le malattie cardiovascolari sono una condizione comune tra i pazienti che soffrono di una grave malattia da COVID, data la sua prevalenza tra gli anziani e l’infiammazione cronica associata. Nello studio, età, obesità e diabete erano predittori molto più forti di morte a causa di COVID.

Indipendentemente dal fatto che un paziente avesse una malattia cardiaca preesistente, i ricercatori hanno scoperto che la presenza di danno miocardico era associata a eventi cardiovascolari e morte. Il danno miocardico era comune tra i pazienti in terapia intensiva, verificandosi in quasi la metà dei pazienti che avevano livelli elevati di troponina, una proteina rilasciata quando il muscolo cardiaco è danneggiato. I pazienti con le misurazioni della troponina più elevate avevano una probabilità quasi tre volte maggiore di morire rispetto a quelli senza danno miocardico.

“Mentre i pazienti con COVID grave presentavano comunemente segni di danno cardiaco, i nostri risultati rafforzano il COVID-19 come malattia polmonare con danno multiorgano correlato all’infiammazione sistemica”, ha affermato Hayek. “L’evidenza di danno cardiaco che vediamo frequentemente nei pazienti con COVID-19 grave è più probabilmente un riflesso della gravità della malattia e dello stress che essa impartisce a tutti gli organi piuttosto che lo sviluppo di nuove complicanze o l’esacerbazione di malattie cardiache preesistenti .”

I risultati non dovrebbero minimizzare il fatto che i pazienti con malattie cardiovascolari sono ancora a rischio di morte a causa di COVID-19, poiché hanno un elevato carico di fattori di rischio per la malattia, come diabete, ipertensione e fumo, afferma il co-primo autore Alexi Vasbinder, Ph.D., RN, un borsista post-dottorato in medicina interna.

“Stiamo attualmente lavorando a studi per definire ulteriormente i gruppi di pazienti con COVID-19 a più alto rischio di esiti gravi, come quelli con insufficienza cardiaca avanzata o malattia coronarica”, ha affermato Vasbinder.

Documento citato:  “Relazione tra malattie cardiovascolari preesistenti e morte e risultati cardiovascolari in pazienti critici con COVID-19”, Circulation: Cardiovascular Quality and OutcomesDOI: 10.1161/CIRCOUTCOMES.122.00894

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: