Equilibrio Mangiare e bere

Diabete tipo 1: tra ordine e disordine

Mangiare in modo disordinato, la restrizione dell’insulina riduce i microbi intestinali benefici

L’alimentazione disordinata e la restrizione insulinica sono state associate a una ridotta abbondanza di microbi intestinali produttori di acidi grassi a catena corta tra i giovani adulti con diabete di tipo 1 con sovrappeso o obesità, hanno riferito i ricercatori.

“I nostri dati forniscono prove preliminari che un’alimentazione disordinata può ridurre la proporzione di microbi intestinali che producono acidi grassi a catena corta nelle persone con diabete di tipo 1”, Daria Igudesman , PhD, RD,borsista postdottorato presso il dipartimento di nutrizione presso l’Università del Nord Carolina a Chapel Hill e l’AdventHealth Translational Research Institute, Orlando, hanno detto. “Ciò potrebbe limitare la capacità di questi metaboliti benefici di risolvere l’infiammazione e nutrire le cellule dell’intestino crasso, regolare la glicemia una volta che gli acidi grassi a catena corta vengono assorbiti nella circolazione e promuovere l’appetito stimolando il rilascio di ormoni coinvolti nella sazietà”.

Lo studio pilota

Per questo studio, pubblicato su Nutrition, Metabolism and Cardiovascular Diseases , i ricercatori hanno raccolto campioni di feci in quattro punti temporali da 45 giovani adulti con diabete di tipo 1 che hanno partecipato a uno studio pilota sul microbioma intestinale che ha generato ipotesi a supporto della gestione del peso. Utilizzando il sequenziamento del gene dell’RNA ribosomiale 16S, i ricercatori hanno misurato l’abbondanza normalizzata di microbi intestinali produttori di acidi grassi a catena corta e valutato l’alimentazione disordinata e la restrizione insulinica attraverso il Diabetes Eating Problem Survey-Revised. La raccolta dei dati è stata interrotta dalla pandemia di COVID-19, quindi i ricercatori hanno limitato i modelli ripetuti ai dati pre-COVID-19.

Effetto diabulimia nei giovani con diabete tipo 1

I risultati includevano i dati di 109 visite, con 65 visite pre-COVID-19 da 42 dei partecipanti. In più della metà (53,3%) delle visite, i partecipanti hanno riferito di limitare l’insulina “almeno qualche volta”. Prima di COVID-19, ogni aumento di 5 punti del Diabetes Eating Problem Survey-Revised era associato a una ridotta abbondanza normalizzata di anaerostipi di -0,34 ( P = 0,07). Inoltre, i ricercatori hanno osservato una riduzione dell’abbondanza normalizzata di Lachnospira di -0,94 quando la restrizione insulinica è stata segnalata “almeno qualche volta” rispetto a quando è stata segnalata “raramente o mai” ( P = 0,02).

“Il nostro studio pilota che genera ipotesi richiede la replica in campioni più grandi progettati specificamente per valutare la relazione disordinata tra alimentazione e microbioma”, ha affermato Igudesman. “Oltre a considerare la composizione microbica intestinale, studi futuri dovrebbero valutare la funzionalità dei microbi che sono influenzati da un’alimentazione disordinata nelle persone con diabete di tipo 1”.

Occorre consapevolezza su tutti i fronti

Secondo Igudesman, sarà anche importante che studi su larga scala come lo studio Nutrition for Precision Health sviluppino algoritmi predittivi per determinare come le caratteristiche dei partecipanti, incluso il microbioma intestinale, e l’ambiente, inclusa la dieta, possano essere utilizzate per adattare i trattamenti a persone affette da diverse malattie. Inoltre, sono necessarie misure più obiettive del comportamento alimentare disordinato a causa della segretezza associata al comportamento alimentare disordinato.

“Il trattamento e la prevenzione dell’alimentazione disordinata nel diabete di tipo 1 è fondamentale per numerose ragioni”, ha affermato Igudesman. «Il nostro studio suggerisce che un vantaggio precedentemente sconosciuto potrebbe essere il mantenimento o il ripristino di un ambiente benefico di microbi e dei loro metaboliti di segnalazione».

Fonte: 

Igudesman D, et al. Nutr Metab Cardio vasc Dis . 2022;doi:10.1016/j.numecd.2022.11.017.

Informativa: Igudesman non riporta informazioni finanziarie rilevanti. Si prega di consultare lo studio per le informazioni finanziarie rilevanti di tutti gli altri autori.

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: