Benessere

Additivi nitriti associati ad un aumentato rischio di diabete di tipo 2

Nitriti e nitrati si trovano naturalmente nell’acqua e nel suolo e sono comunemente ingeriti dall’acqua potabile e da fonti alimentari. Sono anche usati come additivi alimentari per aumentare la durata di conservazione. Uno studio pubblicato il 17 gennaio sulla rivista ad accesso aperto PLOS Medicine di Bernard Srour del Nutritional Epidemiology Research Team (EREN-CRESS) di Inserm, INRAE , Cnam e Sorbonne Paris Nord University, Bobigny, Francia e colleghi suggerisce un’associazione tra dieta esposizione ai nitriti e rischio di diabete di tipo 2.

Alcune autorità sanitarie pubbliche hanno chiesto di limitare l’uso di nitriti e nitrati come additivi alimentari. Tuttavia, il ruolo dei nitriti e dei nitrati alimentari nella disfunzione metabolica e nel diabete di tipo 2 nell’uomo rimane inesplorato. Per studiare la relazione tra l’esposizione alimentare ai nitriti/nitrati e il rischio di diabete di tipo 2, i ricercatori hanno consultato i dati raccolti da 104.168 partecipanti nella potenziale coorte NutriNet-Santé. Lo studio NutriNet-Santé è uno studio di coorte in corso, basato sul web, avviato nel 2009. I partecipanti di età pari o superiore a quindici anni si iscrivono volontariamente e riportano autonomamente la storia medica, il sociodemografico, la dieta, lo stile di vita e i principali aggiornamenti sulla salute. I ricercatori hanno utilizzato un’esposizione dettagliata ai nitriti/nitrati, derivata da diversi database e fonti,

I ricercatori hanno scoperto che i partecipanti alla coorte NutriNet-Santé che riportavano una maggiore assunzione di nitriti in generale e in particolare da additivi alimentari e fonti non di additivi avevano un rischio maggiore di sviluppare il diabete di tipo 2. Non c’era alcuna associazione tra nitrati e rischio di diabete di tipo 2 e i risultati non hanno supportato alcun potenziale beneficio per nitriti o nitrati nella dieta in termini di protezione contro il diabete di tipo 2. Lo studio presentava diversi limiti e sono necessarie ulteriori ricerche per convalidare i risultati. I dati sono stati auto-riportati e i ricercatori non hanno potuto confermare l’esposizione specifica a nitriti/nitrati utilizzando biomarcatori a causa delle sfide biologiche sottostanti. Inoltre, le persone nella demografia e nei comportamenti della coorte potrebbero non essere generalizzabili al resto della popolazione: la coorte includeva un numero maggiore di individui più giovani, più spesso donne, che mostravano comportamenti più sani. Il confondimento residuo può anche aver influito sui risultati come risultato del disegno osservazionale dello studio.

Secondo gli autori, “Questi risultati forniscono una nuova prova nel contesto delle attuali discussioni sulla necessità di una riduzione dell’uso di additivi nitriti nelle carni trasformate da parte dell’industria alimentare e potrebbero supportare la necessità di una migliore regolamentazione della contaminazione del suolo dai fertilizzanti. Nel frattempo, diverse autorità sanitarie pubbliche in tutto il mondo raccomandano già ai cittadini di limitare il consumo di alimenti contenenti additivi controversi, tra cui il nitrito di sodio”.

Srour e Touvier aggiungono: “Questo è il primo studio di coorte su larga scala a suggerire un’associazione diretta tra nitriti originati da additivi e rischio di diabete di tipo 2. Conferma inoltre le associazioni suggerite in precedenza tra i nitriti totali nella dieta e il rischio di T2D”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: