Vivo col Diabete

Apro e chiudo

Io non ho bisogno di dolci perché sono dolce di mio, ma qualche volta mi addolcisco con un assaggio di qualcosa di zuccheroso: come ho già avuto modo di scrivere quando il barometro glicemico lo consente, e grazie al sensore con microinfusore ciò ultimamente accade spesso, faccio una colazione nutriente accompagnata da quattro fette biscottate a spalmate di marmellata e le ultime due con un poco di nutella o prodotto simile. Apro il mese di dicembre con un argomento dolce e tenero perché proprio questo è il mese dell’opulenza alimentare e delle regalie comunque sia. Mia madre raccontava come anche durante la seconda guerra mondiale, sotto il continuo fuoco dei bombardamenti e colpi di mortaio, mitragliatrice (lei e la sua famiglia vivevano proprio nel bel mezzo della linea gotica, in quel di Monghidoro (BO) durante il Natale del 1944) il rito del dell’Avvento venisse celebrato anche se da mangiare vi era poco o nulla.

Ecco dicembre è un mese che mette alla prova la temuta tenuta e a noi tutto sommato va anche bene perché possiamo far nascondere la trippa accumulata sotto maglioni, parka o cappotti. Il dramma girovita lo vivono i nostri conterranei agli antipodi che debbono affrontare la prova costume sotto il fuoco di fila di libagioni e molto altro ancora. Ma dicono che il caldo scioglie il grasso e questo aiuto naturale è sempre benvenuto.

Or bene lascio novembre col mese nuovo e mi ritrovo una emoglobina glicata (HbA1c) a valore 7.0, un pochino aumentata rispetto al 6.3  della volta precedente ma sempre nella tranquilla normalità. Gli esami del sangue refertati nei giorni scorsi hanno messo in evidenza un quadro complessivo di stabilità sotto il profilo sia del diabete che per quanto concerne l’artrite reumatoide. Posso chiudere l’anno con una sostanziale soddisfazione e mentre mi appresto a festeggiare i miei due anni con il signor microinfusore, ancora una volta tale evento si conferma come una scelta di qualità e migliorativa della e nella vita quotidiana.

Posso concludere con una massima: la mia vita è appesa una filo sì ma ben solido. E come sempre guardo avanti stando attento a dove metto i piedi.
[ad#Simple]

Categorie:Vivo col Diabete

Con tag: