Compliance

“Vorrei che i miei professionisti della salute capissero che non si tratta solo di HbA1c !”. Risposte qualitative dal secondo studio sul diabete MILES – Australia (MILES-2)

Esplorare ciò che le persone con diabete desiderano che i loro professionisti della salute abbiano capito dal vivere con il diabete.

È stata condotta un’analisi tematica delle risposte a una singola domanda a risposta aperta, “Che cosa desideri che il tuo professionista della salute capisca sulla vita con il diabete?”, Che faceva parte dell’indagine sul diabete MILES-2, valutando gli aspetti psicologici e comportamentali della convivenza con diabete di tipo 1 o di tipo 2 negli adulti australiani.

Pubblicità e progresso

In totale, sono state raccolte 1316 risposte (tasso di risposta del 56%), con 1190 risposte incluse per l’analisi (54% degli intervistati con diabete di tipo 1, 46% di quelli con diabete di tipo 2). Sono emersi sette temi principali; gli intervistati desiderano che il proprio professionista sanitario comprenda: 1) i potenziali ostacoli alla gestione del diabete; 2) che è “più facile a dirsi che a farsi”; 3) l’impatto sociale / emotivo; 4) che vogliono, hanno bisogno e meritano di più; 5) che giudizi, ipotesi e prospettiva negativa non sono utili; 6) ci vuole ben altro sul diabete; e 7) che l’intervistato è l’esperto nel suo diabete. Altri commenti hanno suggerito esperienze soddisfacenti con gli operatori sanitari, sottolineando come alcuni intervistati non desideravano che il loro operatore sanitario capisse di più.

Questo studio evidenzia che, sebbene alcuni adulti con diabete siano soddisfatti della comprensione da parte dei loro professionisti della salute di vivere con il diabete, molti riportano bisogni insoddisfatti e percepiscono una mancanza di assistenza centrata sulla persona dai fornitori di assistenza.

Pubblicato in Diabetic Medicine il 4 dicembre 2019.

Categorie:Compliance

Con tag:,