Reni

Il metabolismo può essere la chiave per il futuro trattamento delle malattie renali

Un nuovo studio mostra che l’aminoacido lisina, che influisce sul metabolismo, ha un effetto promettente sulle malattie renali nell’uomo e negli animali

Puoi mangiare per uscire da una malattia renale? Forse puoi, secondo un nuovo studio dell’Università di Aarhus.

Nello studio, il professor Markus Rinschen dell’Istituto di studi avanzati di Aarhus e del Dipartimento di biomedicina ha dimostrato che l’assunzione dell’aminoacido lisina, un integratore alimentare da banco, protegge gli animali da laboratorio dai danni ai reni.

Lo studio è stato condotto principalmente su ratti con pressione alta – ipertensione – e malattie renali associate. Ma un piccolo studio pilota conferma che l’amminoacido potrebbe avere un effetto simile negli esseri umani, senza prove certe di effetti clinici sulle malattie renali.

“Abbiamo scoperto che c’è una trasformazione accelerata dell’amminoacido lisina negli esseri umani e negli animali con malattie renali. E lo studio mostra che l’assunzione di lisina protegge i reni e previene la malattia renale ipertensiva in modo piuttosto efficace, almeno nei modelli animali”, spiega Markus Rinschen.

Effetti collaterali ancora sconosciuti

Si stima che fino al 10% della popolazione adulta soffra di malattia renale cronica, anche se spesso lieve e senza sintomi. Le cause più frequenti di malattie renali e insufficienza renale sono il diabete o l’ipertensione e la conseguenza è un rischio molto più elevato di infarto o ictus.

Tuttavia, Markus Rinschen valuta che non sarà in grado di iniziare a curare i pazienti in clinica per almeno cinque anni e sottolinea che è troppo presto perché le persone con malattie renali finiscano e comprino compresse di lisina.

“Non conosciamo ancora gli effetti collaterali oi meccanismi sottostanti e il metabolismo umano è molto più complesso del metabolismo di un topo”, dice.

“Dobbiamo condurre più ricerche sui modelli animali, perché non abbiamo ancora chiarito il meccanismo dominante dietro il risultato. Abbiamo trovato tre meccanismi diversi, ma non sappiamo se uno, due o una combinazione di tutti e tre sia il fattore decisivo”.

A lungo termine, il risultato sarà particolarmente interessante per ricercatori sanitari, medici, nefrologi, fisiologi, endocrinologi e nutrizionisti.

“Sarebbe fantastico se i pazienti con reni potessero ottenere risultati modificando la loro dieta”, afferma Markus Rinschen.

“Vogliamo capire il metabolismo dei reni e questo è un grande passo. Dare ai pazienti una sostanza che hanno già nel loro corpo e creare risultati clinici sarebbe una scoperta nuova e sorprendente”, afferma il ricercatore, che spera che lo studio possa portare a una comprensione più generale dei metaboliti benefici.

“Lo studio mostra quanto sia ancora dinamico e inesplorato il nostro metabolismo e che abbiamo bisogno di approcci olistici per capirlo. Dieta, metabolismo, cuore e sistema cardiovascolare: molte cose contribuiscono allo sviluppo delle malattie renali”.

 

I risultati della ricerca – maggiori informazioni

  • Lo studio è una ricerca di base, dovuta tra l’altro all’uso della spettrometria di massa.
  • Partner: Gary Siuzdak – Scripps Research, Oleg Palygin – The Medical University of South Carolina, Alexander Staruschenko – University of South Florida.
Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: