Benessere EASD 2021 2022

Un rischio da non sottovalutare

Adv

Il diabete di tipo 2 a esordio giovanile legato a un rischio relativo sostanzialmente più elevato di malattie cardiovascolari e morte, trova uno studio su 1,9 milioni di adulti in Corea

Gli uomini e le donne a cui viene diagnosticato il diabete di tipo 2 (T2D) di età pari o inferiore a 40 anni hanno molte più probabilità di sviluppare malattie cardiovascolari (CVD) e muoiono prematuramente rispetto a quelli sotto i 40 anni nella popolazione generale, secondo una nuova ricerca che sarà presentata all’incontro annuale dell’Associazione europea per lo studio del diabete (EASD) di quest’anno a Stoccolma, Svezia (19-23 settembre).

Lo studio nazionale che ha confrontato oltre 634.000 persone con nuova diagnosi di diabete di tipo 2 con oltre 1,2 milioni di controlli abbinati in una media di 6 anni , indica che gli individui con diabete a esordio precoce (di età pari o inferiore a 40 anni) avevano cinque volte più probabilità di sviluppare malattie cardiache, sette volte più probabilità di essere ricoverato in ospedale per insufficienza cardiaca e almeno cinque volte più probabilità di morire per CVD o per qualsiasi causa rispetto alle loro controparti senza diabete.

“I nostri risultati evidenziano chiaramente le gravi implicazioni per la salute dello sviluppo del diabete di tipo 2 in giovane età e l’importanza degli sforzi per prevenire il diabete nella prima infanzia”, ??afferma l’autore principale, il dottor Da Hea Seo della Inha University School of Medicine, Corea del Sud .

Il T2D è la forma più comune di diabete e di solito si verifica nelle persone di mezza età e negli anziani. Tuttavia, l’esordio nei giovani adulti sta diventando più comune a livello globale ed è in genere una forma più aggressiva che porta a uno sviluppo precoce di complicanze e tassi più elevati di ospedalizzazione. Poiché le malattie cardiovascolari sono una delle principali cause di morte, è importante accertarne il carico nelle persone con diabete di tipo 2 ad esordio precoce e valutare l’età in cui il rischio di malattie cardiovascolari inizia ad aumentare.

Per saperne di più, i ricercatori hanno studiato la relazione tra l’età alla diagnosi con complicanze di T2D e CVD e la morte in 634.350 individui con T2D (età media alla diagnosi 56 anni) dal database del Korean National Health Insurance Service (NHIS) tra il 2012 e il 2014, confrontando a 1.268.700 controlli abbinati per sesso, età e storia CVD dalla popolazione generale. In Corea del Sud, il NHIS fornisce un’assicurazione sanitaria obbligatoria che copre quasi tutte le forme di assistenza sanitaria per tutti i cittadini coreani.

I partecipanti sono stati seguiti per gli esiti CVD (morte per qualsiasi causa, morte per CVD, malattia coronarica, infarto, ictus, ricovero per insufficienza cardiaca) o fino al 2019. I ricercatori hanno aggiustato per una serie di fattori che potrebbero influenzare i risultati tra cui età, sesso e storia pregressa di CVD inclusi infarto, angina instabile, insufficienza cardiaca, ictus e malattia delle arterie periferiche .

In una media di 6 anni di follow-up, 172.120 (40%) di persone con T2D ad esordio precoce e 151.363 ( 23%) controlli hanno avuto un infarto, ictus o sono deceduti per CVD .

I ricercatori hanno scoperto che il rischio di complicanze cardiovascolari era fortemente legato all’età e gli adulti con diagnosi di T2D di età pari o inferiore a 40 anni avevano il rischio relativo più alto per la maggior parte delle complicanze rispetto alla popolazione generale.

Tutti i rischi si sono ridotti progressivamente con ogni decennio in aumento all’età della diagnosi di diabete, ma sono rimasti statisticamente significativi. Ad esempio, gli individui con diagnosi di T2D all’età di 91 anni o più avevano circa tre volte più probabilità di sviluppare malattie cardiache e di essere ricoverati in ospedale per insufficienza cardiaca rispetto a quelli della stessa fascia di età nella popolazione generale e avevano il 2,4 % in più di probabilità di muoiono per qualsiasi causa e il 25 % in più di probabilità di morire per CVD.”In questo ampio studio di coorte basato sulla popolazione, essere più giovani al momento della diagnosi di T2D era associato a un rischio relativo più elevato di morte e complicanze di malattie cardiovascolari rispetto a quelli dello stesso gruppo senza diabete”, afferma il coautore Dr Seong Bin Hong della Inha University School of Medicine, Corea del Sud . “ La cura dei giovani con diabete, che tradizionalmente si è concentrata sul diabete di tipo 1, dovrebbe porre maggiore enfasi sul diabete di tipo 2. Inoltre, politiche sanitarie efficaci relative allo screening, alla diagnosi precoce e al trattamento aiuteranno a combattere il futuro aumento delle malattie cardiovascolari in questa popolazione sempre più comune ad esordio giovanile e ad alto rischio”.

Gli autori sottolineano che, sebbene il loro studio fosse ampio, osservazionale, non possono escludere la possibilità che altri fattori non misurati e fattori di confondimento non controllati possano aver influenzato i risultati. Notano inoltre che lo studio è limitato da un follow-up relativamente breve e dal suo utilizzo di un set di dati dalla Corea del Sud, limitando la generalizzabilità ad altre popolazioni.

Adv

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: