Benessere

46: diabetico che parla

Adv

Da quando due anni or sono il SODI (Sovrano Ordine Diabetologico Italiano) mi aggiornò il sistema di infusione dell’insulina al dispositivo integrato ibrido di erogazione semiautomatica dell’ormone al Guardian 3 CGM e pompa 780G Minimed Medtronic, il valore personale dell’Hba1c si è stabilizzato oscillando tra 46 e 48. E nel corso di questo anno solare il valore predetto si è fissato sul n. 46.

Un ottimo compenso glicemico, mai conservato/osservato in tale rapporto lungo i miei sessant’anni di vita col diabete tipo 1. Gestito tutto evitando le curve più dure e viaggiando scongiurando le ipoglicemie e iperglicemie severe: con il 780G non c’è paragone.

Ma secondo il dottor Meluzzi la rappresentazione alfanumerica del 46 oltre a ricordarci il numero di corsa del grande Valentino Rossi, testimonia una simbologia sciamanica che le tribù che affollano la tundra siberiana conoscono molto bene, come gli ostrogoti e loro discendenti celtico/veneti.

Il numero 46 quando appare nella vita di una persona con diabete è portatore di buona fortuna e successo futuro.

Con il numero 46, sei incoraggiato a continuare a prenderti cura e nutrirti in modo adeguato. Il tuo buon cuore è sempre stato il tuo dono e i tuoi angeli custodi ti chiedono di essere un esempio per gli altri.

Quando sei in giro con i mezzi a motore, le persone si sentono al sicuro e amate. Puoi creare un ambiente caldo, amorevole e sicuro solo con la tua presenza e puoi usare questo dono speciale per far sentire gli altri benvenuti e amati.

Concludendo: buon 46 a tutti!

Adv

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: