EASD 2021 2022

#EASD2022 Fattori di rischio associati e moltiplicati

Adv

Fumo e inattività fisica fortemente associati alla morte prematura di persone con diabete di tipo 2 e cancro al seno, alla prostata, all’intestino o ai polmoni

Gli individui con diabete di tipo 2 (T2D) che sviluppano il cancro hanno maggiori probabilità di morire nei sette anni successivi se sono fumatori o se sono fisicamente inattivi, secondo un nuovo studio su oltre mezzo milione di persone presentato all’incontro annuale dell’European Association for the Study of Diabetes (EASD) a Stoccolma, Svezia (19-23 settembre).

Negli ultimi anni, il cancro ha superato le malattie cardiovascolari come principale causa di morte nelle persone con diabete.

“Gli individui con diabete di tipo 2 hanno un’aspettativa di vita più lunga oggi rispetto ai decenni precedenti”, afferma la dott.ssa Tinne Laurberg, dello Steno Diabetes Center Aarhus, Aarhus University Hospital, Aarhus, Danimarca, che ha guidato la ricerca. “Ciò è probabilmente dovuto a una combinazione di miglioramenti nel trattamento del diabete e nella prevenzione delle malattie cardiovascolari.

“Dato che la percentuale di decessi per malattie cardiache è diminuita, tuttavia, la percentuale per cancro è aumentata e, di conseguenza, le persone con diabete di tipo 2 hanno ora maggiori probabilità di morire per cancro che per malattie cardiovascolari.

“Sapere di più sui fattori che influenzano la sopravvivenza delle persone con diabete di tipo 2 è la chiave per arginare questo aumento”.

Il dottor Laurberg e colleghi in Danimarca e Svezia hanno studiato i fattori che influenzano la sopravvivenza delle persone con DT2 che sviluppano una delle quattro forme comuni di cancro: mammella, polmone, prostata e colon-retto.

Lo studio longitudinale ha incluso 655.344 individui con T2D elencati nel registro nazionale svedese del diabete tra il 1998 e il 2019, di cui il 43% erano donne. L’età media era di 63 anni quando inclusa nello studio.

I partecipanti sono stati seguiti per una media di sette anni. All’inizio dello studio erano tutti privi di cancro e durante il follow-up 32.366 hanno sviluppato uno dei quattro tumori.

179.627 persone sono morte nel corso dello studio. Quelli con il cancro avevano quasi tre volte (2,89 volte) più probabilità di morire per qualsiasi causa rispetto a quelli senza cancro.

I dati sui fattori di rischio correlati al diabete modificabili, come HbA1c (livello medio di zucchero nel sangue), colesterolo, colesterolo LDL, ipertensione, BMI, fumo e attività fisica, sono stati ottenuti dal registro del diabete.

L’analisi ha mostrato che la bassa attività fisica e il fumo sono i due fattori di rischio più fortemente legati alla morte di persone con diabete e cancro. I fumatori avevano più del doppio delle probabilità (2,15 volte) di morire nel corso dello studio rispetto ai non fumatori. Bassi livelli di attività fisica (meno di 3-5 giorni/settimana) sono stati associati a un aumento di 1,6 volte il rischio di morte.

Anche il fumo e la mancanza di esercizio fisico hanno avuto le associazioni più forti con la morte prematura in quelli con diabete ma senza cancro.

Il dottor Laurberg afferma: “Il fumo e la scarsa attività fisica sono abitudini che le persone probabilmente hanno avuto per tutta la vita e quindi potrebbero aver contribuito sia all’insorgenza del diabete che del cancro.

“I nostri risultati suggeriscono che questi fattori non solo contribuiscono all’insorgenza di queste due malattie, ma possono aumentare il rischio di morte precoce dopo il verificarsi di diabete e/o cancro”.

I ricercatori concludono che il fumo e l’attività fisica possono essere i due fattori di rischio più importanti per la mortalità nelle persone con DT2, indipendentemente dal fatto che abbiano o meno il cancro.

Il dottor Laurberg aggiunge: “È importante che i medici e gli operatori sanitari pubblici continuino a concentrarsi sulla cessazione del fumo e su uno stile di vita attivo in tutte le fasi della vita. I risultati di questo studio suggeriscono che questo sia il caso dopo una diagnosi di diabete; indipendentemente dalla presenza di cancro”.

Adv

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: