EASD 2021 2022

#EASD2022 Bere molto tè può ridurre il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2, rileva uno studio su oltre un milione di adulti

Adv

Quattro o più tazze di tè nero, verde o oolong ogni giorno sono collegate a un rischio inferiore del 17% di sviluppare il diabete di tipo 2

Una revisione sistematica e una meta-analisi di 19 studi di coorte che hanno coinvolto più di 1 milione di adulti provenienti da otto paesi hanno rilevato che il consumo moderato di tè nero, verde o Oolong è legato a un minor rischio di sviluppare il diabete di tipo 2.

I risultati, presentati alla riunione annuale dell’Associazione europea per lo studio del diabete (EASD) di quest’anno a Stoccolma, Svezia (19-23 settembre), suggeriscono che bere almeno quattro tazze di tè al giorno è associato a un rischio inferiore del 17%. di T2D in un periodo medio di 10 anni.

“I nostri risultati sono entusiasmanti perché suggeriscono che le persone possono fare qualcosa di semplice come bere quattro tazze di tè al giorno per ridurre potenzialmente il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2”, afferma l’autore principale Xiaying Li della Wuhan University of Science and Technology in Cina.

Sebbene sia noto da tempo che bere regolarmente il tè può essere benefico per la salute a causa dei vari composti antiossidanti, antinfiammatori e antitumorali contenuti nel tè, meno chiara è stata la relazione tra il consumo di tè e il rischio di DT2. Finora, studi di coorte e meta-analisi pubblicati hanno riportato risultati incoerenti.

Per affrontare questa incertezza, i ricercatori hanno condotto uno studio di coorte e una meta-analisi dose-risposta per definire meglio la relazione tra il consumo di tè e il futuro rischio di diabete di tipo 2.

In primo luogo, hanno studiato 5.199 adulti (2583 uomini, 2616 donne) senza storia di T2D (età media 42) dal China Health and Nutrition Survey (CHNS), che sono stati reclutati nel 1997 e seguiti fino al 2009. Il CHNS è un potenziale multicentrico studio che esamina l’economia, le questioni sociologiche e la salute dei residenti di nove province.

All’inizio, i partecipanti hanno compilato un questionario sulla frequenza di cibi e bevande e hanno fornito informazioni sui fattori dello stile di vita come l’esercizio fisico regolare, il fumo e il consumo di alcol. Complessivamente, 2.379 (46%) partecipanti hanno riferito di aver bevuto tè e, alla fine dello studio, 522 (10%) partecipanti avevano sviluppato T2D.

Dopo aver aggiustato i fattori che sono noti per essere collegati a un aumento del rischio di T2D, come età, sesso e inattività fisica, i ricercatori hanno scoperto che i bevitori di tè avevano un rischio simile di sviluppare il T2D rispetto ai non bevitori. E i risultati non sono cambiati in modo significativo se analizzati per età e sesso, o quando sono stati esclusi i partecipanti che hanno sviluppato il diabete durante i primi 3 anni di follow-up.

Nella fase successiva dello studio, i ricercatori hanno effettuato una revisione sistematica di tutti gli studi di coorte che hanno indagato sul consumo di tè e sul rischio di T2D negli adulti (di età pari o superiore a 18 anni) fino a settembre 2021. Complessivamente, 19 studi di coorte hanno coinvolto 1.076.311 partecipanti provenienti da otto paesi [1] sono stati inclusi nella meta-analisi dose-risposta.

Hanno esplorato il potenziale impatto di diversi tipi di tè (tè verde, tè oolong e tè nero), la frequenza del consumo di tè (meno di 1 tazza/giorno, 1-3 tazze/giorno e 4 o più tazze/giorno), sesso (maschio e femmina) e luogo dello studio (Europa e America, o Asia), sul rischio di T2D.

Nel complesso, la meta-analisi ha rilevato un’associazione lineare tra consumo di tè e rischio di T2D, con ogni tazza di tè consumata al giorno che riduce il rischio di sviluppare T2D di circa l’1%.

Rispetto agli adulti che non hanno bevuto il tè, coloro che hanno bevuto 1-3 tazze al giorno hanno ridotto il rischio di T2D del 4%, mentre coloro che hanno consumato almeno 4 tazze al giorno hanno ridotto il rischio del 17%.

Le associazioni sono state osservate indipendentemente dal tipo di tè che i partecipanti hanno bevuto, che fossero maschi o femmine, o dal luogo in cui vivevano, suggerendo che potrebbe essere la quantità di tè consumata, piuttosto che qualsiasi altro fattore, a svolgere un ruolo importante.

“Sebbene siano necessarie ulteriori ricerche per determinare il dosaggio esatto e i meccanismi alla base di queste osservazioni, i nostri risultati suggeriscono che bere il tè è utile nel ridurre il rischio di diabete di tipo 2, ma solo a dosi elevate (almeno 4 tazze al giorno)” , dice Li.

Aggiunge: “È possibile che particolari componenti del tè, come i polifenoli, possano ridurre i livelli di glucosio nel sangue, ma potrebbe essere necessaria una quantità sufficiente di questi composti bioattivi per essere efficaci. Potrebbe anche spiegare perché non abbiamo trovato un’associazione tra consumo di tè e diabete di tipo 2 nel nostro studio di coorte, perché non abbiamo considerato un consumo di tè più elevato”.

Il tè Oolong è un tè tradizionale cinese ottenuto dalla stessa pianta usata per fare i tè verdi e neri. La differenza è come viene lavorato il tè: il tè verde non può ossidarsi molto, il tè nero può ossidarsi fino a diventare nero e il tè oolong è parzialmente ossidato.

Nonostante i risultati importanti, gli autori osservano che lo studio è osservazionale e non può dimostrare che bere il tè abbia ridotto il rischio di T2D , ma suggerisce che è probabile che contribuisca.
E i ricercatori sottolineano diversi avvertimenti, incluso il fatto che si sono basati su valutazioni soggettive delle quantità di tè consumate e non possono escludere la possibilità che un residuo confondente da parte di altri stili di vita e fattori fisiologici possa aver influenzato i risultati .


Note:

[1] Cina, Stati Uniti, Giappone, Finlandia, Regno Unito, Singapore, Paesi Bassi e Francia.

Lo studio è stato finanziato dal progetto Young Talents della Commissione sanitaria provinciale di Hubei, Cina; Progetto chiave di ricerca scientifica e tecnologica del Dipartimento dell’istruzione della provincia di Hubei, Cina; Sanuo Diabetes Charity Foundation, Cina; e il progetto del piano scientifico e tecnologico di Xiangyang, Cina.

Adv

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: