Benessere Donne e diabete

Cosa ha fatto la gravidanza al mio intestino? Dalla nausea alla stitichezza e scoreggia

Sono passate due settimane dalla nascita del tuo seno sano e ti accorgi che il tuo intestino non si sente bene. Forse ti senti un po’ gonfio. Forse stai scoreggiando più del solito.

Cosa sta succedendo?

La gravidanza cambia la struttura e la funzione di praticamente ogni sistema di organi, compresi alcuni grandi cambiamenti nell’intestino. Questi cambiamenti possono spiegare alcuni sintomi comuni.

E no, non te lo stai immaginando. Alcuni sintomi intestinali, come stipsi e gassosità, possono restare in giro dopo il parto.

Nausea è comune

Il sintomo intestinale più comune in gravidanza è la nausea, che colpisce fino all’85% delle donne nel primo trimestre.

Si ritiene che ciò sia in gran parte dovuto agli effetti dell’ormone gonadotropina corionica umana .

I livelli dell’ormone sono più alti alla fine del primo trimestre e iniziano a stabilizzarsi per il resto della gravidanza. Questo spiega perché la nausea tende a diventare meno comune con il progredire della gravidanza .

Il reflusso può essere doloroso

Altri cambiamenti ormonali possono portarti a sviluppare un altro sintomo comune, il reflusso .

I livelli dell’ormone progesterone, ad esempio, aumentano costantemente nel corso di una gravidanza. Questo può portare il muscolo dello sfintere esofageo, che si trova all’estremità inferiore del tubo del cibo, prima che incontri lo stomaco, a diventare più rilassato.

L’allentamento di questo muscolo rende più facile per l’acido dello stomaco risalire nel tubo del cibo. Ciò può causare una dolorosa sensazione di bruciore nella parte superiore dell’addome o appena dietro lo sterno.

Più tardi durante la gravidanza, il tuo utero in crescita e il tuo bambino possono iniziare a sollevarsi davvero sullo stomaco.

Questo può anche portare al reflusso poiché la pressione diretta sullo stomaco costringe l’acido dello stomaco a rientrare nel tubo del cibo.

La stitichezza è normale? E le emorroidi?

L’aumento dei livelli di progesterone e dell’ormone estrogeno porta a una diminuzione delle contrazioni muscolari (peristalsi) in tutto l’intestino.

Ciò significa che è più probabile che tu diventi stitico durante la gravidanza. La stitichezza colpisce circa il 40% delle donne in gravidanza .

Donne incinte sedute sul water, che tengono la pancia

L’aumento dei livelli di estrogeni porta anche alla morbidezza dei vasi sanguigni e del tessuto connettivo (tessuto che collega un tipo all’altro, come i legamenti).

Questo, oltre alla pressione del bambino in crescita e all’aumento del volume e del flusso sanguigno, può contribuire allo sviluppo delle emorroidi , colonne di tessuto imbottito e vasi sanguigni che si trovano vicino all’apertura dell’ano.

Il tuo corpo ha anche bisogno di più acqua e sodio in gravidanza per aiutare a produrre liquido amniotico (liquido che circonda il bambino in crescita nell’utero) e costruire l’afflusso di sangue del bambino in crescita . L’acqua e il sodio necessari vengono assorbiti dall’intestino e possono contribuire alla stitichezza e all’aumento del rischio di emorroidi.

Le emorroidi sono molto comuni durante la gravidanza. Uno studio ha rilevato che l’86% delle donne in gravidanza li ha segnalati.

Non c’è da stupirsi che mi senta piena

Si pensa che gli estrogeni siano responsabili della diminuzione del movimento dello stomaco in gravidanza, mantenendo il cibo nello stomaco più a lungo e aumentando le probabilità di sentirsi sazi.

Durante il terzo trimestre, anche il tuo utero in crescita e il tuo bambino iniziano a spingere davvero verso l’alto sugli organi addominali. Non c’è da stupirsi che probabilmente sentirai pressione sullo stomaco e disagio man mano che ti avvicini alla fine della gravidanza.

Puoi anche sentire la pressione all’altra estremità dell’intestino. La pressione dell’utero in espansione sulla parte terminale del colon (il colon sigmoideo) può anche farti sentire stitico anche se non lo sei.

Ho l’incontinenza. È per come ho partorito?

Si è discusso molto se l’incontinenza urinaria o fecale sia più probabile dopo un parto vaginale o cesareo.

Tuttavia, la prova più forte che abbiamo suggerisce che la modalità di nascita non fa differenza . Se hai avuto incontinenza durante la gravidanza , questo è il più forte predittore di averlo in seguito.

L’incontinenza urinaria che non migliora entro tre mesi dal parto ha maggiori probabilità di persistere . Quindi, se l’hai sperimentato durante la gravidanza, ti potrebbe piacere vedere un fisioterapista del pavimento pelvico .

Fortunatamente, l’incontinenza fecale dopo la gravidanza è molto rara e colpisce solo il 3% circa delle donne. Tuttavia, se questo persiste, consultare un medico.

Perché sono ancora stitica?

Uno studio finlandese su oltre 400 donne ha rilevato che la stitichezza colpisce il 47% delle donne nei primi giorni dopo un parto vaginale e il 57% delle donne nei primi giorni dopo un cesareo.

I ricercatori hanno suggerito che ciò potrebbe essere causato da troppa inattività fisica e insufficiente assunzione di liquidi dopo la nascita, o dagli effetti dell’anestetico e dai disturbi intestinali durante l’intervento chirurgico.

Un mese dopo il parto, la stitichezza è diventata meno comune. Circa il 9% delle donne era stitico dopo un parto vaginale e il 15% dopo un taglio cesareo.

Ti senti gassosa? No, non te lo stai immaginando

Lo studio finlandese ha anche scoperto che l’eccesso di scoreggia è estremamente comune pochi giorni dopo la nascita. Ha colpito l’81% delle donne, ma questo numero è sceso al 30% un mese dopo la nascita.

Il gonfiore è un altro sintomo comune riscontrato pochi giorni dopo la nascita che colpisce il 59% delle donne, e questo diminuisce al 14% delle donne un mese dopo.

Allora perché sta succedendo questo? Possiamo cercare indizi nel tuo microbioma intestinale. Questo è l’universo unico dei microrganismi (insetti) e dei loro geni che vivono nel tuo intestino.

Durante e dopo la gravidanza, ci sono profondi cambiamenti nel microbioma intestinale. Questi possono causare un aumento della produzione di gas o portare a costipazione.

Quindi la buona notizia dallo studio finlandese è che la normale funzione intestinale viene ripristinata rapidamente dopo il parto per la maggior parte delle donne, ma potrebbe essere un po’ più lunga per le donne dopo un taglio cesareo.


Se sei preoccupato per i sintomi intestinali durante o dopo la gravidanza, chiedi consiglio a un operatore sanitario, che può discutere le opzioni di trattamento e di riferimento.

Articolo ripubblicato da The Conversation, sotto una licenza Creative Commons, per leggere l’articolo originale clicca qui.

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: